Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Legàmi

Vietato incatenare i cani

27 Giugno 2014 di  Gioia Granito

Con una legge regionale Emilia e Veneto hanno stabilito modalità per custodire i cani. Ecco perché gli uomini che legano i cani dovrebbero essere sterilizzati per evitare il rischio che si riproducano.

Vietato incatenare i cani
È ufficiale: anche il Veneto, come l’Emilia, ha stabilito che l'uso della catena per la detenzione dei cani è fuorilegge. La legge è pubblicata il 19 giugno sul Bollettino Ufficiale [http://bit.ly/1q7VmyI]. Con tale disposizione anche la Regione Veneto dovrà emanare un Regolamento attuativo volto a definire le dimensioni minime dei recinti per la custodia alternativa dei cani. (fonte: ESSERE ANIMALI https://www.facebook.com/essereAnimali).

Di pochi giorni fa è la notizia che un cane è stato trovato legato all’ANTENNA PARABOLICA piazzata sul tetto della casa del suo proprietario. Legato con pochi centimetri di catena, sotto le intemperie, senza riparo. Sono sempre del parere che a persone che fanno questo al loro cane occorrerebbe vietare di detenere cani, gatti, criceti, uccelli, pesci, serpenti, iguane e tartarughe. Sono favorevole a una rieducazione obbligatoria molto seria per tali individui. Nei casi ribelli, sosterrei anche la sterilizzazione coatta di questi soggetti, perché esseri simili non dovrebbero accedere al privilegio di riprodursi, non ne sono degni. Se lo facessero, genererebbero con alta probabilità piccoli serial killer.

Chi lega a una catena un'altra creatura che tipo di animale è? Come si può pensare di lasciare un altro vivente INCATENATO, il proprio cane, e vivere sereni? I cani sono come i lupi: maratoneti altamente sociali. I cani sono in grado di percorrere decine, centinaia di chilometri in breve tempo, per procacciarsi la sussistenza o per quella che per loro è la Ragione Suprema: essere accanto a noi. Per vivere bene hanno bisogno di un minimo spazio, ma soprattutto di TEMPO per stare con noi.

Se i miei cani sono in giardino ed io in casa, mi volto verso la porta-finestra e li trovo tutti là come anime in pena, seduti con lo sguardo speranzoso, ad aspettarmi. Hanno il giardino a disposizione, sono in branco, ma per loro non significa niente! Non giocano, non rincorrono le lucertole, non brucano l’erba, non prendono il sole: non senza di me. Aspettano me per gioire della vita. Fuori o dentro, è con me che vogliono stare. Il tempo della vita trascorso senza il suo umano, per un cane è tempo perduto. Il Cane per la legge è una res, una cosa. Noi possiamo venderlo, comprarlo, sterilizzarlo, ne siamo detentori e custodi.

Mi rendo perfettamente conto che per certi versi non tutto questo è male, io stessa allevo cani, li custodisco nei recinti, li trasferisco presso famiglie amorevoli, ma il Cane, in quanto animale senziente, non è per niente una cosa, è una creatura titolare di diritti! Un recente studio condotto da Gregory Berns, neuro-scienziato della Emory University di Atlanta, Georgia, Stati Uniti, dimostra, attraverso la risonanza magnetica, che il cervello del Cane quando vede il suo Umano attiva le stesse aree che si accendono nel cervello dell’Uomo quando egli anticipa lo stato emozionale relativo all’amore (il nucleo caudato). La ricerca afferma con il suggello della scienza una verità nota da sempre: ogni persona che vive col suo cane lo sa perfettamente. Innamorato è chi vede solo il meglio di te, chi, ebbro del suo amore, ti perdona tutto, chi ti cerca fisicamente e vuole coccole e contatto, chi ti guarda con gli occhi brillanti che traboccano adorazione, chi ti accoglie ogni giorno al tuo rientro dal lavoro con l’enfasi ansiosa e con la gioia di rivederti di uno che temeva tu fossi emigrato in Patagonia e che non ti avrebbe riabbracciato mai più: il tuo cane. Puoi essere la persona più mediocre e insignificante del mondo, ma per il tuo cane sei very cool! Ecco spiegato il perdurante successo della specie Canina.

Eppure noi umani ci comportiamo troppo spesso col Cane come se fosse uno schiavo. Come fosse uno schiavo, ignoriamo i suoi sentimenti. Come fosse uno schiavo, lo priviamo della libertà, come uno schiavo lo teniamo a catena e lo condanniamo a un’innaturale solitudine. Verrà il giorno che tutto questo sarà considerato una barbarie, come lo schiavismo umano. L’unica tenace catena che dovrebbe legare a noi il nostro cane è quella incorruttibile dell’amore. 
www.canidigioia.it
Gioia Granito
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Gioia Granito
Gioia Granito
Informazioni sull'autore
Recapitata a Taranto, Italia, anziché in Canada, come sarebbe stato opportuno, a causa di uno sfortunato fraintendimento della Cicogna che aveva letto erroneamente come “a” le due “o” di Toronto, nasce il 5 agosto del 1962, la stessa notte in cui morì Marilyn Monroe: si spense una stella e nacque una rompiballe, ma i suoi non lo sapevano e la chiamarono Gioia. La sua famiglia, igienista e perbene, l’aveva destinata, dopo il Liceo Classico, a studi di medicina, infatti Gioia oggi è Educatrice cinofila, Conduttrice di Cani d’Assistenza e allevatrice di Labrador Retriever. È tecnico biologo del mare, pertanto, nella Città dei due Mari è rimasta disoccupata.  Gioia attualmente vive nel Lazio ed è iscritta, divertendosi un mondo, al corso di Sceneggiatura e a quello di Nudo e Illustrazione presso la Scuola Romana dei Fumetti.
Questo è il suo sito: www.canidigioia.it
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni