Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Bambini e Cani

Capofamiglia e capobranco

10 Maggio 2013 di  Gioia Granito

Un buon capobranco è un ottimo genitore e un buon genitore è un ottimo capobranco. Un cane, per essere felice non ha bisogno di essere trattato da bambino, ma da cane. E di cosa necessita un cane?

Marley e il suo... fratellino Daniele Marley e il suo... fratellino Daniele
Proseguiamo a parlare di Bambini e Cani, una portentosa alleanza (e qualche volta un’irresistibile associazione a delinquere!).
Il cane è come un figlio, nel senso che, una volta diventato membro della famiglia, dobbiamo assicurargli ogni necessità primaria e secondaria alla quale ha diritto per essere felice e dobbiamo riconoscergli la sua identità di CANE.
Al nostro BAMBINO riconosceremo il diritto di scegliere di darsi all’arte del fumetto, anche se nasce in una famiglia che è da generazioni uno studio legale associato, oppure di conciarsi da metallaro spinto, anche se la bisnonna educata dalle Orsoline avrebbe da obiettare, o anche di allevare cani, pur avendo un padre commercialista e una madre dirigente scolastica.
Così, un cane, per essere felice non ha bisogno di essere trattato da bambino, ma da cane. E di cosa necessita un cane? Ecco le chiavi del giardino segreto:

- Di mangiare cibo per cani (e non DA cani), ovvero crocchette di eccellente scelta (super premium) o cibo umido preparato in casa, su consiglio del veterinario (per assicurare la giusta quota di carboidrati, proteine, grassi, fibre). Niente dolci, fritti, pasta, cioccolata, ossi, interiora crude!
- Di bere acqua a temperatura ambiente, sempre fresca e pulita, sempre a disposizione.
- Di dormire per molte ore al giorno, fino a diciotto, specialmente se cucciolo o anziano, in un luogo fresco d’estate e asciutto e riparato d’inverno;
- Di giochi adatti da MASTICARE! Ne ha davvero un gran bisogno!
- Di stare a contatto CON LA SUA FAMIGLIA, VICINO VICINO (ma non nel letto dei capibranco!).
- Di un leader, che non stia sempre a coccolarlo, ammmmore - tesssoro - pucci pucci, comportandosi come se fosse egli stesso un cucciolo, che non dia segni di debolezza, insicurezza, sottomissione (questi capifamiglia producono cani pericolosamente isterici e disadattati), ma nemmeno di un capo autoritario o peggio, violento (questi criminali producono cani infelici, tremebondi, moribondi o morti). I cani hanno bisogno di un Umano che si comporti come il vero Comandante, sereno, pacifico, sicuro di sé, autorevole: il CAPOBRANCO.

Se noi saremo stati VERI CAPIBRANCO per i nostri cani, avremo fatto un’eccellente palestra per diventare buoni genitori. Perché CANI e BAMBINI, quando cercano il padre o la madre della famiglia, non hanno bisogno di “un amico”, nel senso di un “pari”: cercano una GUIDA.

Se sapremo essere buoni capibranco, il rapporto fra i nostri cani scorrerà sereno e il legame tra Cane e Bambino sarà una simbiosi efficace, utile a entrambi, una vera gioia, per gli occhi e per il cuore.
Gioia Granito
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Gioia Granito
Gioia Granito
Informazioni sull'autore
Recapitata a Taranto, Italia, anziché in Canada, come sarebbe stato opportuno, a causa di uno sfortunato fraintendimento della Cicogna che aveva letto erroneamente come “a” le due “o” di Toronto, nasce il 5 agosto del 1962, la stessa notte in cui morì Marilyn Monroe: si spense una stella e nacque una rompiballe, ma i suoi non lo sapevano e la chiamarono Gioia. La sua famiglia, igienista e perbene, l’aveva destinata, dopo il Liceo Classico, a studi di medicina, infatti Gioia oggi è Educatrice cinofila, Conduttrice di Cani d’Assistenza e allevatrice di Labrador Retriever. È tecnico biologo del mare, pertanto, nella Città dei due Mari è rimasta disoccupata.  Gioia attualmente vive nel Lazio ed è iscritta, divertendosi un mondo, al corso di Sceneggiatura e a quello di Nudo e Illustrazione presso la Scuola Romana dei Fumetti.
Questo è il suo sito: www.canidigioia.it
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni