Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Egitto: ambasciatore a Roma Badr, felice per ripresa turismo italiano nel paese

31 Gennaio 2018 di  Hamza Boccolini
Egitto: ambasciatore a Roma Badr, felice per ripresa turismo italiano nel paese
L'ambasciatore italiano in Egitto, Hisham Badr, si è detto "molto felice della ripresa del turismo italiano in Egitto". Parlando in occasione della presentazione del progetto di ristrutturazione dell'ospedale italiano "Umberto I" al Cairo, che si è svolta presso la sede diplomatica egiziana a Roma, il diplomatico ha spiegato di "lavorare per rafforzare le relazioni di amicizia" tra Italia e Egitto.

"Oggi sono molto felice della ripresa del turismo italiano in Egitto, in particolare per il pellegrinaggio dedicato alla Sacra Famiglia che si terrà quest'anno". Badr si è detto felice "anche del livello delle relazioni tra Italia e Egitto, per esempio per la costruzione dell'università italiana al Cairo, a cui è stato dedicato un appezzamento di terreno nella nuova città amministrativa della capitale egiziana", dicendosi inoltre "soddisfatto per l'inizio della produzione di gas nel giacimento Zohr, la cui inaugurazione ufficiale avverrà domani".

Il diplomatico ha inoltre accolto con favore "l'annuncio dell'apertura di un nuovo museo egiziano di Torino a Catania che conferma la presenza di musei egizi dal nord al sud dell'Italia", precisando che tra alcuni mesi "si terrà un evento culturale egiziano a Viterbo". Il diplomatico ha aggiunto: "Potrei dire altre cose ma il mio messaggio chiaro è che il meglio verrà nei prossimi giorni". Infine l'ambasciatore egiziano ha ricordato alcuni dei grandi progetti realizzati in Egitto sotto la guida del presidente Abdel Fatah al Sisi tra cui la costruzione della nuova capitale amministrativa d'Egitto, la grande scoperta di gas off-shore nel Mar Mediterraneo egiziano, cioè del giacimento di Zohr grazie alla compagnia italiana Eni, il progetto di sviluppo del Canale di Suez, la lotta contro il terrorismo e contro gli estremisti presenti in Medio Oriente.
Hamza Boccolini
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Hamza Boccolini
Hamza Boccolini
Informazioni sull'autore

Giornalista professionista, segue il mondo arabo per l’Agenzia Nova. Ha lavorato come capo servizio presso l’agenzia di stampa Aki – Adnkronos international, per la quale ha seguito le notizie diffuse dalle tv satellitari mediorientali, e prima ancora per l’agenzia Apcom. È stato docente di ‘Media nel mondo arabo’ per l’Università di Napoli l”Orientale’ e si è specializzato sui movimenti fondamentalisti islamici con un dottorato di ricerca all’Università di Parma. Ha vinto il premio Ischia per il giornalismo nel 2010 per i suoi articoli sulla galassia jihadista nel web. e nel 2013 il premio "Mare Nostrum Award" promosso dalla Grimaldi Lines per i reportage sulle autostrade del mare nel Mediterraneo, e il riconoscimento come "attore del partenariato tra Italia e Marocco" assegnato dall'ambasciata del Marocco.
In passato ha collaborato con diverse emittenti televisive e quotidiani come esperto di questioni mediorientali ed in particolare per le tv SkyTg24 e Canale Italia e per i giornali Libero, l’Indipendente e il Roma. Prima di diventare giornalista ha insegnato ‘Cultura islamica’ presso l’università degli Studi di Siena ed ha scritto pubblicazioni inerenti al mondo islamico come La vita del Profeta Muhammad (Di Salvo Editore 1999) L’Islam a Napoli (Intra Moenia editore 2002) Media e Oriente (Mursia Editore). E’ stato anche corrispondente per l’edizione araba della Bbc e France24.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni