Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

La decisione della Consulta

Legge elettorale da rifare

04 Dicembre 2013 di  Paola Alunni

Il premio di maggioranza non va bene, le liste bloccate neanche a dirlo e la legge elettorale è tutta da rifare. La Corte costituzionale ha bocciato il porcellum.

Legge elettorale da rifare
Dopo una lunga Camera di consiglio, nessun rinvio a gennaio come era stato paventato e la legge elettorale che ha, a questo punto si può dire, malamente e incostituzionalmente portato alle urne milioni di italiani è tutta da riscrivere.
Secondo le indicazioni dei giudici delle leggi non ci sarà la reviviscenza del Mattarellum ma un proporzionale puro con la possibilità di esprimere la preferenza e soglia di sbarramento al 4 %. Un sistema molto simile a quello in vigore fino al 1992.
La decorrenza dei relativi effetti giuridici, si legge nel comunicato della Corte, si avrà dalla pubblicazione della sentenza - e quindi anche delle motivazioni - che dovrebbe avvenire nelle prossime settimane.
"Il Parlamento - dicono i giudici delle leggi - può sempre approvare nuove leggi elettorali, secondo le proprie scelte politiche, nel rispetto dei principi costituzionali", resta il fatto che l'attuale sistema che prevede un premio di maggioranza del 55 % scattare a prescindere dai voti raccolti a livello nazionale alla Camera e regione per regione al Senato è incostituzionale; così come va contro il nostro dettato costituzionale il meccanismo delle liste bloccate "nella parte in cui non consentono all'elettore di esprimere una preferenza".
Il Parlamento a questo punto avrebbe (il condizionale è d'obbligo) il tempo di approvare una nuova legge: in alternativa si andrà al voto con un sistema proporzionale con sbarramento al 4 % e indicazione della preferenza.
Un sistema che spingerebbe alle larghe intese anche nella prossima legislatura. Sempre che il Parlamento non intervenga.
Oggi la commissione Affari costituzionali del Senato ha istituito un comitato ristretto per l'esame della legge di riforma del sistema elettorale.  Il comitato sarà costituito da un rappresentante di ciascun partito, più i due relatori al testo, Doris Lo Moro e Donato Bruno, i quali avranno diritto di voto. Tutti gli altri membri della commissione potranno assistere ai lavori.
Alla fine di gennaio dovrà essere presentata una proposta alla commissione.
Basta decidere: o riforma o larghe intese.
Paola Alunni
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Paola Alunni
Paola Alunni
Informazioni sull'autore
Giornalista professionista si è sempre occupata di Giustizia e cronaca parlamentare.
Si è quindi dedicata alla comunicazione istituzionale lavorando presso l'ufficio stampa del Ministero degli Affari regionali e presso la Presidenza del Consiglio - ministero Rapporti col Parlamento. Ha inoltre collaborato con l'agenzia di stampa Apcom seguendo la giustizia amministrativa. Nonostante l'età continua a fare attività scout.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni