Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Le infinite possibilità del silenzio

Il sign. Vesuvio

26 Febbraio 2014 di  Paolo De Falco

Immaginiamo che domani il Vesuvio erutti, ma invece di sputare fuori le viscere della terra, cominci a risucchiare tutti gli italiani.

Il sign. Vesuvio
Che cos’è una canzone?
O meglio cosa può fare una canzone con noi?

Da poco tornato da una presentazione di un libro sul calcio, Zeman e Platone, tenuta in uno dei tanti palazzi marchesali del nostro paese che ci illudono di avere ancora una storia da difendere, accendo il televisore e ascolto Gino Paoli cantare vedrai di Tenco.
Così, mentre da poco abbiamo un nuovo governo, da poco la Juve “padrona” ha vinto ancora, da poco Platone e il severo boemo non si sono incontrati sulla strada della dialettica o della verità, per quella strana illusione che continua ad ingannare perfino gli esperti facendogli credere che etica ed estetica siano cose diverse, qualcuno canta intensamente, di fronte a milioni di persone accasciate sui divani, … che un giorno cambierà.

Il canto è un misto tra una preghiera, un’invocazione, una richiesta, un racconto, ma è soprattutto una resa alla musica. Chi canta, anche sotto la doccia, o in certi pomeriggi difficili, lo sa.
Eppure, abbiamo bisogno ancora di una canzone così forte?

Immaginiamo che domani il Vesuvio erutti, ma invece di sputare fuori le viscere della terra, cominci a risucchiare tutti gli italiani. Non solo i napoletani che hanno avuto la follia e la magia di credergli e di aspettarlo con una saggezza primitiva e oscena, ma tutti gli italiani che abitano questa penisola a forma di stivale baldanzoso.
Così, in poco tempo, come se dalla grande bocca fosse partito un sospiro immenso, un risucchio spaventoso (mio nonno, napoletano, avrebbe usato l’aggettivo mondiale) ecco che 60 milioni di persone si ritrovano ai pendii del monte col buco.
E lui se ne sta immobile, in attesa, osservando l’insolito spettacolo di tante persone tutte in fila, in mezzo alla campagna.

Immaginiamo che solo un leggero venticello muova le cose e i suoni e che per il resto tutto taccia.
Immaginiamo dunque questo silenzio.

Il silenzio è forse l’unica cosa che può sconfiggere l’immaginazione. Il silenzio se lo ascoltiamo, sa portarci qui dove ogni cosa sempre sta… nella sua infinita possibilità.

Durante la presentazione del libro stasera un vecchio signore, dopo un lungo silenzio, ha deciso di parlare. E ha ammesso che il calcio è come la vita, ha bisogno di coraggio e di ascolto, di pensiero e di azione, di allenatori e di spettatori veri.
Non è stato ciò che ha detto ma il suo tono, la sua ritrosia… che mi ha commosso. Altre volte ho sentito questo disarmante cuore, spesso nascosto nel corpo di anziani italiani, e ho percepito la loro stanchezza e speranza, la loro solitudine e desiderio. Il loro orgoglio nel vedere un giovane parlare bene l’italiano o il dialetto.
Ma la ripetizione, per quanto rara sia, non riesce ad attenuarmi l’intensità di questi momenti.
Così, immagino che ora sia lui a prendere per primo la parola e a rivolgersi al Vesuvio.

Ho letto distrattamente che Iosseliani, un regista che amo molto, ha chiesto ad una platea di italiani quanti avessero visto Miracolo a Milano. E che le mani che si sono alzate sono state meno di una decina. Da ora, allora, chiamerò il Vesuvio, il sign. Vesuvio Iosseliani.

Sign Vesuvio Iosselliani vorrei provare a dire qualcosa. SILENZIO

L’altra notte mi sono svegliato e non so perché, non l’ho mai fatto, ho preso una penna e ho scritto una frase. Mi sembrava che qualcuno stesse aspettando una risposta.
SILENZIO

Mia moglie dormiva e sono tornato in camera da letto a guardarla. Sembrava stare da un’altra parte. Allora ho guardato fuori dalla finestra per vedere se tutto era lì. SILENZIO

Io non ricordo… cosa ho scritto. E purtroppo ora non posso leggerglielo perché la carta se l’è rubata il cane dal comodino dove l’avevo poggiata. Credo se la sia mangiata. Gli sono sempre piaciute le caramelle e ha pensato che era una carta da leccare.
SILENZIO

Però, non so perché, penso che lei sappia cosa ho scritto.
E allora, le chiedo, può dirmelo per favore…?

Il vento sa quando è il momento di toccare le foglie. Ma 60 milioni di persone tutte attaccate come una muraglia non sono un ostacolo semplice da attraversare neanche per un maestrale di febbraio.
Così, quel piccolo albero sperduto e ironico, rimasto dentro al cerchio, accerchiato dalla bocca lassù e dalla muraglia più giù, non si muove di un millimetro e il silenzio non può che ingigantire il silenzio.

Forse ha bisogno che venga lassù? Vuole che venga più vicino?
SILENZIO

Non metterei una mano sul fuoco per questo governo… nessuno, del resto, può dire cosa accadrà nel futuro. Con queste parole il Presidente si è congedato inabissandosi nelle sue stanze.

Eppure il fuoco non è ancora uscito dal sign. Vesuvio Iosseliani.

Forse, questo sospiro non è neanche un avvertimento, una prova.
Forse… la convocazione è stata un incidente, un equivoco.
Il messaggio non c’è. E non c’è la morte. Di nessuno.

Certo, quello che il cane si è mangiato, però, non lo sapremo mai.
Perché le caramelle sono… mondiali.  E il mondo canta quando meno te lo aspetti.

Non so dire come e quando ma vedrai che cambierà
si, certo, anche il vento, un giorno,  cambierà.
Paolo De Falco
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Paolo De Falco
Paolo De Falco
Informazioni sull'autore

ARCHIVIO_logo_invert

47 anni, di origine pugliese. Attore e Regista di cinema e teatro. Musicista. Fin da molto giovane studia musica (classica e jazz) danza (clas. contemp. buto, tango) recitazione e mimo con diversi insegnanti. Si laurea a Roma in Storia del Teatro incontrando maestri come L. de Berardinis, P. Stein, C. Bene, C. Quartucci. P. Brook, J. Grotowsky e altri.  Continua la sua formazione nei paesi dell’est seguendo i corsi di Regia dell’Accademia Teatrale di Cracovia, collaborando con la Cricoteka e il Cricot 2  di T. Kantor e studiando inoltre arte a Varsavia, Vienna, Praga, Parigi. Fin da molto giovane (debutta a 21 anni con Il grande Blek di G. Piccioni) lavora anche come attore, prima nel cinema e poi in teatro.
Dal 1990 comincia la sua attività di regista e performer fondando Grad zero nel ‘94 e  creando numerosi spettacoli e performance non solo in Italia.  Dirige diversi laboratori-residenze-rassegne- festival, che si muovono al confine tra i vari linguaggi creativi, recuperando e trasformando luoghi abbandonati.
Realizza regie anche per altri gruppi (Sosta Palmizi, etc).Si occupa anche di pedagogia artistica. insegnando nelle scuole (realizza opere creative con i bambini), università, carceri, centri culturali.  Nel 2000 dopo alcuni video teatrali gira in Albania il suo primo corto, Il ponte, tratto da un racconto di F. Kafka e presentato in diversi Festival.  Nel 2005 dirige il suo primo film-documentario lungo, Stella Loca, interamente girato a Buenos Aires e presentato al Roma Film Festival, al Festival del cinema latino americano di Trieste e al Doc for sale di Amsterdam. Tra il 2006 e il 2010 realizza una serie di documentari in Argentina, Cile e Brasile sull’emigrazione italiana che confluiscono nell’Archivio liquido dell’identità, di cui è direttore artistico. E anche due film: Leonardo in concorso al 26° Torino Film Festival, a Bif&st  Bari 2009 e a Docucity  Milano 2012 (Menzione speciale); Via Appia in concorso al 28° Torino Film Festival. Fuori concorso Panorama Bif&st Bari 2011. Evento speciale fuori concorso XII Festival del Cinema Europeo di Lecce.  In concorso a ViaEmiliadocfest 2011. Rassegna Fata Morgana C.A.M.S. di Cosenza 2011. In concorso per la fase finale del Doc/it Professional Award, premio attribuito dalla categoria professionale al miglior documentario dell’anno.  
Paolo De Falco è inoltre musicista. Ha fatto parte dei Fools (inseriti in una compilation dei migliori gruppi rock italiani-1993-94) e dei M.T.U. (2000).  Ha composto per diversi coreografi: R. Mazzotta, A.P. Bacalov, F. Scavetta etc. Ha scritto Anche i pesci balleranno un libro-diario sul suo lavoro teatrale per i tipi di Argo Editrice (1999).

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni