Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Giovedì, 29 Novembre 2012 23:03

Olbia, rovine in trasparenza

Nel 2011 il Comune di Olbia indice una gara con “procedura aperta per l’appalto dei servizi di guardiana, manutenzione ordinaria, accompagnamento, informazione e promozione turistico culturale delle aree archeologiche, monumentali e del patrimonio storico-archeologico-artistico (Cig 1510931BB1)”. Si tratta di 3 aree da gestire con un importo complessivo di 131.774 euro.
Venerdì, 16 Novembre 2012 09:41

Mitra, il dio nato il 25 dicembre

Mentre in superficie il popolo ignaro si rinfresca in bagni termali alla vista delle opere d’arte, sottoterra un toro viene sgozzato e il sangue lasciato cadere sul capo di un uomo. Il toro selvaggio rappresenta il caos. La sua uccisione ristabilisce l’ordine e pone fine alle barbarie. Questo era il rito del culto mitraico celebrato duemila anni fa nei sotterranei delle Terme di Caracalla.
Venerdì, 02 Novembre 2012 14:12

Puglia, Jurassic Park vietato al pubblico

Giganteschi dinosauri un tempo passeggiavano per la Puglia. Oggi sono estinti ma di loro ancora se ne conservano le impronte. Ben 30 mila. Tutte ad Altamura. Poteva essere l’occasione per creare un vero e proprio Jurassic Park apulo. Quanti visitatori sarebbero potuti arrivare da ogni parte di Italia e del mondo. Invece niente parco, nessun visitatore e il rischio di deterioramento dei reperti rinvenuti.

Venerdì, 19 Ottobre 2012 15:57

Puglia, archeologia al fotovoltaico

La situazione archeologica in Puglia è un unicum. La regione pullula di aree archeologiche uniche al mondo, inserite il più delle volte in contesti paesaggistici incantevoli. Contesti la cui memoria risale anche a più di 2000 anni fa. Per tutelarli basterebbe il vincolo archeologico e la sua applicazione. Eppure la Puglia sembra sia stata colpita da damnatio memoriae e ignori ogni codice dei beni culturali.

Venerdì, 05 Ottobre 2012 14:27

L’età dell’equilibrio

“…Anche i nomi di coloro che furono un tempo famosi… Scipione e Catone, e poi Augusto, e infine Adriano e Antonino, sono vuoti di senso. Infatti tutto dilegua e immediatamente diviene leggendario e presto sarà anche travolto totalmente dall’oblio”, annotava Marco Aurelio nei suoi Ricordi. Così non è stato. Marco Aurelio è stato reso immortale da sculture e ritratti. Opere in cui è rappresentato come un vincitore, crudele e spietato.

Venerdì, 28 Settembre 2012 15:02

Calabria, i bronzi senza fissa dimora

Nell’atrio di palazzo Campanella, a Reggio Calabria, da tre anni due “pazienti” di lusso riposano sdraiati su due lettini ortopedici. Chiunque può recarsi a far loro visita ma dovrà accontentarsi di vederli dietro una vetrata. Si tratta di due clochard di lusso, rimasti senza fissa dimora grazie all’imprevidenza governativa italiana e al lassismo delle istituzioni locali. Dimenticati da tutti. Eppure sono “le più belle statue greche in bronzo del mondo”. Sono i Bronzi di Riace.

Venerdì, 21 Settembre 2012 13:11

I cavalieri, le armi e l’assistenza

Viddalba, paesino del Sassarese dalla lunga tradizione storica, organizza in questi giorni nel Civico Museo Archeologico una mostra sulla storia di uno degli ordini cavallereschi più affascinanti di tutti i tempi: “I cavalieri ospitalieri di S. Giovanni in Gerusalemme”. L’esposizione è stata allestita dalla cooperativa Oltrance service di Olbia, gestore del Museo. In programma sino al 17 ottobre, sarà probabilmente prolungata fino a fine mese visto il successo di pubblico registrato.
“La Campania è la più bella non solo fra tutte le regioni italiane ma anche fra le terre di tutto il mondo. Nessun cielo è mite quanto il cielo della Campania, nessun sole è più rigoglioso del sole campano. In Campania ci sono porti rinomati: Gaeta, Miseno, Baia; dei laghi ameni…monti rigogliosi con viti…e, più bello di tutti, il Vesuvio, simulatore del fuoco dell’Etna. Famosissime e ricche sono le città marittime: Formia, Cuma, Pozzuoli, Napoli, Ercolano e Pompei. Ma la più grande di tutte le città campane è Capua, un tempo non meno famosa di Roma e Cartagine” (Antico elogio della Campania, anonimo latino)
Venerdì, 10 Agosto 2012 09:24

L’arte della fede

Arte e fede. Un connubio forte che caratterizza da sempre l’arte italiana ma soprattutto contraddistingue e rende unica Roma. La capitale dell’Impero romano e del paganesimo presto diventa culla del cristianesimo e centro propulsore della politica papale, una politica che fa dell’arte il suo strumento principale di propaganda. I Papi diventano nuovi mecenati, ed è al loro servizio che iniziano ad arrivare in città i più grandi artisti di ogni epoca. Roma diventa un cantiere aperto, e ben presto un trionfo di opere d’arte.
Venerdì, 03 Agosto 2012 10:48

Il pranzo (rinascimentale) è servito

 

 

Bere da una coppa offerta da Venere, ascoltando versi declamati da Bacco standosene comodamente sdraiati tra statue di zucchero e fiori di frutta, tra candelabri, addobbi festosi, ceramiche colorate, sotto un cielo costellato di stelle riflesse da migliaia di specchi, abbagliati dallo scintillio dei cristalli e degli argenti ricolmi di delizie di ogni sorta. Un inebriante gioco di sapori, odori, colori, suoni, questo era il banchetto nell’età del Rinascimento.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni