Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Paola Alunni

Paola Alunni

Giornalista professionista si è sempre occupata di Giustizia e cronaca parlamentare.
Si è quindi dedicata alla comunicazione istituzionale lavorando presso l'ufficio stampa del Ministero degli Affari regionali e presso la Presidenza del Consiglio - ministero Rapporti col Parlamento. Ha inoltre collaborato con l'agenzia di stampa Apcom seguendo la giustizia amministrativa. Nonostante l'età continua a fare attività scout.
Venerdì, 14 Marzo 2014 15:14

Che bello l'itagliano

Che bella la democrazia, tra voti segreti, quote rosa, intese e interventi ai limiti della decenza per oltraggio alla lingua italiana, verrebbe voglia di suggerire al premier Renzi di cancellare non solo il Senato, ma pure la Camera. O forse sarebbe meglio un esame di italiano prima di entrare?

Ma sì, facciamo un bel test di ammissione ai nostri onorevoli, o dipendenti, come piace al Movimento 5 Stelle. Un bel quiz stile "scelta multipla" del tipo:
a) Se io sapessi parlare italiano sarebbe meglio
b) Se io parlassi italiano è meglio
c) Se io parlo italiano sono fatti miei.
La a, la b o la c? Secondo voi chi l'azzeccherebbe (o azzeccasse o azzecca?)
Si accettano scommesse. Di seguito la settimana parlamentare, errori di sintassi a parte, altrimenti non basterebbe un e-book per raccoglierli.

CAMERA
AULA

Stavolta non è un errore di ortografia o sintassi, forse solo di trascrizione del resoconto: ma Vito De Filippo è sottosegretario alla Salute o agli Affari regionali? La prima che ho detto, ma dal resoconto stenografico di venerdì 14 marzo emerge che è tutte e due le cose...
Errori tecnici a parte (tralasciando intenzionalmente quelli di sintassi che avete letto su tutti i giornali), l'assemblea di Montecitorio ha approvato la riforma elettorale che ora passa al Senato e il decreto sulla proroga delle missioni internazionali delle Forze armate (con voto di fiducia).
Hanno votato no al provvedimento anche Fratelli d'Italia con Ignazio La Russa che sventolava le foto dei due fucilieri ancora detenuti in India. Qualcuno (Donatella Duranti di SEL) ha ricordato che è stata una legge a prima firma di La Russa del 2011 a stabilire la partecipazione dell'Italia alle missioni antipirateria che tradotto in soldoni significa: i nostri soldati su navi di imprese private per difenderle dai pirati. Allora, di chi la responsabilità di tutta questa situazione?
A proposito di interrogazioni, invece, il deputato M5S, Davide Tripiedi, ha lamentato la mancata risposta ad interrogazioni presentate a settembre del 2013 su Privalia che licenza persone e sulla fabbrica Jabil occupata da quasi un anno. Il governo risponderà?

Per quanto riguarda le dichiarazioni di voto finali sulla riforma elettorale, da segnalare Marco Di Lello, apparentemente PD (socialisti) che della riforma elettorale dice: "le soglie di sbarramento sono presenti solo nella Russia di Putin e nella Turchia di Erdogan" e siccome con la riforma in discussione si sono perse tanta occasioni, Di Lello ha votato contro. Almeno uno si è dichiarato, ma nello stenografico non si leggono applausi per lui.
Vorremmo poi sorvolare, ma non possiamo sull'eloquio dell'onorevole Nunzia De Girolamo che ha parlato di eccessi di disproporzionalità (??) e di "vampirizzazione" e di altro ampiamente riportato dai media.
Eccellente l'intervento dell'onorevole Danilo Toninelli (M5S) che, rivolto ai colleghi di Montecitorio dice: "Noi siamo diversi da voi politici".
Riccardo Nuti (M5S) si è sentito offeso dall'espressione usata da Roberta Speranza del PD che ha osato chiamare "amici" i deputati del M5S. "Noi non siamo minimamente amici di coloro - ha detto - che hanno creato i problemi e che ora cercano di risolvere". Quando si dice, mai una parola gentile...
In dissenso con il suo gruppo Michaela Biancofiore (Forza Italia) ha votato contro la riforma dichiarando che, fino a che il Senato non correggerà la legge (introducendo le quote rosa, ndr) lei non rimetterà mai più la spilletta del suo partito. Panico tra i componenti di Forza Italia.

COMMISSIONI
La commissione Giustizia ha proseguito l'esame delle Deleghe al Governo in materia di pene detentive non carcerarie e di riforma del sistema sanzionatorio.
La commissione Finanze ha concluso l'esame del decreto sul rientro dei capitali detenuti all'estero (quella che leggete nei vari giornali come voluntary disclosure). Il testo ora passa all'esame dell'aula.
La commissione Cultura ha avviato l'esame della proposta di nomina di Franco Gallo a Presidente dell'Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

COMMISSIONI BICAMERALI
La Giunta per le autorizzazioni ha proseguito e rinviato l'esame di una domanda di autorizzazione all'acquisizione di tabulati di comunicazioni telefoniche nei confronti del senatore Antonio Milo e di Marco Pugliese, deputato all'epoca dei fatti (Doc. IV, n. 5), ascoltando una relazione introduttiva di Paola Carinelli.
Ha poi proseguito l'esame di una richiesta di deliberazione in materia d'insindacabilità nel procedimento civile nei confronti di Roberto Rosso, deputato all'epoca dei fatti, pendente presso il tribunale ordinario di Vercelli (atto di citazione di Luca Pedrale) (Doc. IV-ter, n. 13), rinviandone il seguito in attesa di conoscere gli esiti di un tentativo di conciliazione.
Ha, infine, rinviato l'esame di una richiesta di deliberazione in materia d'insindacabilità nei confronti del deputato Umberto Bossi, pendente presso il tribunale di Bergamo (Doc. IV-ter, n. 10).

SENATO
AULA

Mentre la commissione Affari costituzionali inizierà nei prossimi giorni l'esame della riforma elettorale come approvata dalla Camera, l'Aula di Palazzo Madama, intanto, ha iniziato con il provvedimento sull'equilibrio di genere alle elezioni del Parlamento europeo. Qualcuno poi ci spiegherà perché l'equilibrio di genere è necessario per legge alle Europee ma non alle politiche.
Per il resto, con 239 favorevoli, 6 contrari e 2 astenuti (praticamente l'unanimità sfiorata) il Senato ha approvato il provvedimento in materia di candidabilità, eleggibilità, ricollocamento dei magistrati in occasione di elezioni politiche ed amministrative, nonché di assunzione di incarichi di governo.
Il provvedimento, che adesso passa all'esame della Camere, tra le altre cose prevede: che il magistrato sia in aspettativa all'atto della candidatura o di cariche di governo, viene disciplinata la ricostruzione della carriera per il transito in ruolo autonomo dell'Avvocatura dello Stato o del Ministero della Giustizia, mentre lo svolgimento di attività politica sarà causa di astensione o ricusazione.

COMMISSIONI
La commissione Affari costituzionali è ancora alle prese con l'esame del provvedimento in materia di Province e città metropolitane.
La commissione Giustizia ha iniziato l'esame del Ddl contenente modifiche al Codice penale in materia di trattamento sanzionatorio dei delitti di associazione a delinquere di tipo mafioso, estorsione ed usura. Proseguita anche la discussione sulla responsabilità civile dei magistrati.
La commissione Bilancio mercoledì 12 marzo ha ascoltato il commissario straordinario per la spending review, Carlo Cottarelli, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sullo stato delle procedure di revisione della spesa pubblica. Tutto quello che avete sentito in questi giorni, su cosa taglieranno e dove prenderanno i soldi per i famosi 80 euro al mese, lo hanno detto in questa sede.

Lunedì, 10 Marzo 2014 10:50

Riti e magie

Un tempo c'era la boccetta dell'acqua santa di Trapattoni, poi arrivò il rosario di Ancelotti. Il calcio è anche scaramanzia e rito, ma guarda caso però, poi a vincere è la squadra più concreta. Tra chi si appiccica già mezzo scudetto e chi deve fare i conti con la magia, qualcuno ne suggerisce una a Lotito per far felice i tifosi: scomparire.
Venerdì, 07 Marzo 2014 15:54

Contesto ergo sum

"Si rende conto che fine fanno le discussioni quando lei presiede?" La gentile osservazione viene dal deputato M5S alla presidente della Camera Laura Boldrini durante un batti e ribatti per intervenire in dichiarazione di voto su un sub-emendamento. In Parlamento le discussioni fanno questa fine: si discute per circa un quarto d'ora se intervenire o meno su un sub emendamento: basta leggere il resoconto stenografico per capire l'intenzionalità del deputato intervenuto e la perdita di tempo conquistata da tutti. Ma chi va in Parlamento ci va per contestare e basta o vuole concorrere a migliorare questo disastrato Paese? Vero è che se non contestano qualcuno li espelle...

Legge elettorale: il testo dopo alti e bassi arriva in Aula ma l'approvazione viene rimandata a lunedì. Deluso il fronte unito delle parlamentari donne che chiede le quote rosa per le liste. Rosy Bindi afferma: "mai stata femminista ma se non passa l'emendamento di genere non so se voterò la legge". Il cosiddetto Italicum, il progetto di riforma della legge elettorale, ha già incassato il no dell'Aula alla reintroduzione delle preferenze, ora si profila la battaglia sulle "quote rosa". Dice Lettore 9099 alle deputato che hanno firmato l'appello per le quote rosa: "Perché non mettere la stessa intensità nel pretendere le preferenze?" Speriamo che il fine settimana porti consiglio.

CAMERA
AULA

Commissione parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione, della pirateria in campo commerciale e del commercio abusivo: la Presidente della Camera, Laura Boldrini, ha chiamato come componenti: i deputati Davide Baruffi, Franco Bordo, Mario Borghese, Francesco Cariello, Mario Caruso, Mario Catania, Susanna Cenni, Marco Donati, Mattia Fantinati, Filippo Gallinella, Vincenzo Garofalo, Lorena Milanato, Colomba Mongiello, Alessandra Moretti, Gianluca Pini, Fabio Rampelli, Paolo Russo, Giovanni Sanga, Angelo Senaldi, Elisa Simoni, Luigi Taranto.

L'Aula inoltre ha iniziato l'esame delle Disposizioni in materia di modalità per la risoluzione consensuale del contratto di lavoro per dimissioni volontarie, ossia la cosiddetta pratica della firma del foglio delle dimissioni in bianco che in genere viene chiesta al momento dell'assunzione ad ogni donna. O almeno a molte. Bella notizia, speriamo solo che il provvedimento riesca a vedere la luce.
Il deputato del Movimento 5 Stelle ci mette qualcosa come un quarto d'ora per dichiarare il suo voto a favore ad un sub emendamento... (vedi stenografico). E allora ci si chiede: se serve un quarto d'ora per dire che si voterà sì ad un sub emendamento, quanto tempo impiegherà il Parlamento per approvare la legge? I dinosauri si sono estinti in molto meno...

Ma veniamo al nodo question time: un tempo questo era un momento di verifica per il governo. O meglio, non si tratta di secoli fa, si tratta di regolamento: secondo l'articolo 135 del regolamento interno, il question time doveva essere un momento di controllo del Parlamento sull'azione di governo. Oggi però si è ridotto a comunicazioni asfittiche che interessano pochi, innanzitutto perché i copioni vengono scritti giorni prima: le domande vengono inviate ai ministeri, le risposte scritte dai tecnici e a rispondere in aula non viene mai il premier, quasi mai i ministri, spesso i sottosegretari più sfortunati, quelli che proprio non possono dire di no.
Ecco allora che al primo question time (mercoledì 5 marzo) erano presenti ben quattro ministri, mentre già venerdì 7 hanno risposto solo sottosegretari. Questioni meno importanti?
Non lo dite al povero presidente Brunetta che ha presentato l'ennesima interpellanza sulla pubblicità dei compensi in RAI (come sapete è finita la serie sulla discarica sotto casa).

COMMISSIONI
La commissione Affari sociali ha approvato la relazione sullo stato di attuazione della legge 194/78 sull'interruzione di gravidanza. Il testo è leggibile in allegato.

SENATO
AULA

Ineleggibilità dei magistrati: il provvedimento è ad un passo dall'approvazione, manca, come ha affermato il relatore Pierantonio Zanettin (FI) una banale verifica sulla copertura finanziaria della norma che prevede che i magistrati, cessata l'attività politica, possono essere collocati a riposo, con il versamento a loro carico di contributi volontari senza oneri a carico dello Stato". SEL avrebbe voluto una riforma organica delle ineleggibilità e incompatibilità dei magistrati, Lega Nord e PSI la separazione delle carriere, per il resto FI e PD pensano si sia raggiunto un buon equilibrio... la prossima settimana si avrà il verdetto. Continuerà il nostro DDL il suo iter?
L'Aula ha approvato il Ddl che introduce nel Codice penale il reato di tortura con aggravante per il pubblico ufficiale e se dalla condotta derivino gravi conseguenze. Il testo adesso passa a Montecitorio.

COMMISSIONI
La commissione Affari costituzionali ha concluso l'esame del Ddl in materia di equilibrio di genere alle elezioni del Parlamento europeo... e allora ci si chiede: perché al parlamento europeo si e in quello italiano no? Il testo ora passerà all'esame dell'Aula.
La commissione Giustizia ha concluso l'esame del Ddl 1232 sulle modifiche al Codice di procedura penale in materia di misure cautelari personali.
Lunedì, 03 Marzo 2014 15:10

Dotto', mio figlio è un po' strano...

"A dotto'... sarebbe stato meglio un tumore". Questa è malattia mentale e non esiste cura, cantava Simone Cristicchi in una bellissima canzone del 2007. Eppure le cure ci sarebbero, basterebbe approcciare l'argomento senza tabù.
Lunedì, 03 Marzo 2014 09:25

Il fattore "C"

Il Milan gioca bene ma perde, la Juve arriva due volte in porta e segna, la Fiorentina esce da una settimana difficile fatta di contestazioni e decisioni arbitrali forse discutibili, a Roma pure il gatto si prende l'influenza e a Napoli Reina fa una parata che manco io...
Venerdì, 28 Febbraio 2014 16:58

Onora chi vuoi tu

Sembra che succeda tutto a Montecitorio: taglio delle spese per i telefoni dei deputati, ritiro di decreti ostruzionati, sospensioni agli indisciplinati... Ma il Senato dimostra di non essere da meno e approva il Milleproroghe.

CAMERA
AULA

Sospensione di 15 giorni dai lavori parlamentari per Stefano Dambruoso (SC) a partire da lunedì 10 marzo. La scelta di strattonare la deputata Lupo è stata poco Civica. folta la pattuglia dei 5 stelle che si sono beccati 10 giorni: 23 persone, mentre la deputata Benedetti ne ha vinti 12. Tutti a casa (per la sospensione, s'intende). Ma non potranno assentarsi tutti contemporaneamente (sennò chi vota?) allora si assenteranno scaglionati (senza cambiare vocali, per favore).
Da inserire tra le good news, la decisione dell'Ufficio di Presidenza di sopprimere il rimborso forfettario per le spese telefoniche (più di tre milioni di euro all'anno per ogni deputato!) sostituito con un plafond di 1200 euro massimo e il rimborso delle spese documentate, ma le utenze dovranno essere rigorosamente intestate al deputato.
Comunque, è stata approvata la delega fiscale, tra le novità la revisione del catasto dei fabbricati, norme in materia di evasione ed erosione fiscale, semplificazione fiscale e molto altro ancora (http://www.camera.it/leg17/465?tema=465&La+delega+fiscale+).
La cosa ha pure incassato il plauso degli avvocati, che di questi tempi...
Ma la delega fiscale è andata in porto grazie al ritiro da parte del governo del decreto 151/2013 sulle Disposizioni di carattere finanziario indifferibili finalizzate a garantire la funzionalità degli enti locali (Salva Roma) e allora è successo il finimondo. Il neo ministro per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi ha esordito con questa iniziativa. Quando si dice chi ben comincia è a metà dell'opera...

COMMISSIONI
La commissione Giustizia ha dato parere favorevole con condizioni e osservazioni allo schema di decreto ministeriale sulla regolamentazione dei parametri per i compensi degli avvocati. Ripristinare la percentuale fissa per il rimborso delle spese generali forfettarie, in un valore fisso compreso tra il 10 e il 20 per cento del compenso per la prestazione e la motivazione del giudice per la sua determinazione del compenso, tabelle a parte per giudizi di famiglia e minorili tra le condizioni poste.
(I pareri delle commissioni di Camera e Senato sono leggibili in allegato).

SENATO
AULA

Fino a questo momento potrebbe sembrare che quasi tutto sia successo a Montecitorio in questa settimana, invece no. PalazzoMadama ha approvato definitivamente niente po' po' di meno che il Milleproroghe e, se facciamo una classifica dei decreti questo si piazza secondo solo ad un decreto contenente misure fiscali serie.

COMMISSIONI
Anche al Senato la Commissione Giustizia ha dato parere favorevole ma solo con osservazioni (senza condizioni). Palazzo Madama per le spese forfettarie suggerisce il 15 per cento ma soprattutto chiede che questo non venga affidato alla discrezionalità del giudice (la Camera chiede una motivazione per la decisione). Sta di fatto che, ovviamente, sono tutte condizioni e osservazioni che a via Arenula può liberamente decidere di prendere in considerazione (ma anche no).
Ma se alla Camera affossavano il famoso decreto sulla Capitale, Palazzo Madama non ha voluto essere da meno e la commissione Bilancio ha svolto un bel dibattito sulle conseguenze derivanti dalla decadenza. Mancava solo il cineforum pre-dibattito.
Giovedì, 27 Febbraio 2014 15:44

L'Antitrust: ecco i nemici dello sviluppo

Durante l'audizione di questa mattina davanti alla commissione parlamentare per la semplificazione, il presidente dell'Autorità garante per la concorrenza e il mercato, Giovanni Pitruzzella ha tracciato uno spaccato della burocrazia italiana.
Mercoledì, 26 Febbraio 2014 18:49

Fiducia all'umanità

Al di là dei numeri , quella di martedì 25 febbraio è stata soprattutto la giornata dell'umanità, una umanità debole, coraggiosa, orgogliosa e leale.
Lunedì, 24 Febbraio 2014 09:59

Irriducibili

E sì, in questa 25ma giornata di campionata ad essere irriducibili sono stati sicuramente gli arbitri: sbagliano come sempre e più di sempre... immanentemente...

Lazio Sassuolo 3-2
Da Lotirchio vattene a Lotito che Dio te convochi, questi gli striscioni degli irriducibili biancocelesti che sventolavano ieri tra le bandiere raffiguranti il mai dimenticato Sergio Cragnotti (che purtroppo però è stato condannato per bancarotta fraudolenta). Decide la partita un autogol di Paolo Cannavaro, irriducibile anche lui, sbagliava al Napoli, persevera al Sassuolo.

Sampdoria Milan 2-0
Ci sarà modo per parlare di questo ragazzo, Taarabt che se fossimo in una precedente rubrica diremmo Taarabt quanto sei bravo! Tra gli irriducibili, da segnalare sicuramente Balotelli che non gioca ma litiga lo stesso e l'arbitro Doveri che non onora il suo nome ma sbaglia spesso e volentieri: dubbi forti sulla validità del secondo gol rossonero e Gabbiadini che su Taarabt forse era da rosso.

Juventus Torino 1-0
Ma che deve fare Vidal per farsi cacciare dal campo? Uccidere qualcuno? Rizzoli irriducibile, non crede che Arturetto sia un cattivo ragazzo e che il principe Pirlo possa essere uno da rigore. I tifosi della Signore non si chiameranno irriducibili, ma in quanto a scemenza non demordono mai: prima i cori razzisti ora gli striscioni sulla tragedia di Superga... Che dire irriducibilmente stupidi.

Inter Cagliari 1-1
Irriducibile Mazzarri che si lamenta sempre, si, vabbè, il fallo su Icardi ci poteva pure stare, ma lamentarsi sempre...

Bologna Roma 0-1
Irriducibile i giocatori giallorossi che fanno disperare i loro tifosi fino alla fine: è come un thriller, non sai mai come va a finire. Irriducibile l'arbitro Massa che controlla il fuorigioco fino al millimetro. Consiglio a Gervinho: dieci centimetri indietro no, eh??
Ai tifosi giallorossi certo non li si può chiamare irr... (non si può! Rischio denuncia per diffamazione da entrambi i lati) però conoscono solo un refrain: "Juve sempre aiutata"; inutile recriminare, così è se vi pare scriveva uno molto più importante.

Udinese Atalanta 1-1
Squadre irriducibili, vorrebbero allontanarsi dalla zona "rossa" (pericolo retrocessione). Di Natale, irriducibile, raggiunge Battistuta al 12° posto nella classifica marcatori di tutti i tempi con 184 gol. Peccato che il rigore fosse dubbio, irriducibile arbitro Di Bello.

Livorno Verona 2-3
Nonostante l'irriducibile Peruzzo che non vuole dare il rigore al Verona, ma gli scaligeri dimostrano tutta la loro classe e vincono lo stesso. Per Luca Toni gol e assist: Prandelli se ci sei batti un colpo, non fare l'irriducibile.

Chievo Catania 2-0
Attenzione all'irriducibile arbitro Orsato che giudica sempre involontario il povero Spolli che passeggia sulla testa di Hetemaj. Gli etnei irriducibili, giocano ma perdono.

Napoli Genoa 1-1
Stramaledetta e irriducibile legge dell'ex che punisce i partenopei in casa, ma Calaiò fa davvero una bella cosa. Il primo tempo Perin continua a dimostrare di valere e, come cantava De Gregori, il ragazzo si farà anche se ha le spalle strette e magari quest'altranno verrà pure convocato da Prandelli. Irriducibile Napoli che quando deve concretizzare perde sempre l'occasione.

Parma Fiorentina 2-2
Diciamolo, il neo premier Renzi ha fatto tardi al Senato perché voleva vedere almeno un pezzetto di partita. Non so se sia stato meglio vederla tutta o rimanere a sentire gli interventi degli irriducibili senatori. Irriducibile Cassano che al momento giusto si fa trovare pronto. Una partita decisamente animata perché finisce nove contro dieci con tanto di rissa, proprio da irriducibili.

Sabato, 22 Febbraio 2014 15:25

Arriverà la fiducia

Si vota la legge sul finanziamento ai partiti ed è di nuovo bagarre a Montecitorio. Ma come, si dirà, cancellano il finanziamento diretto ai partiti e si protesta ugualmente? I pentastellati non si accontentano mai, come recitava una vecchia pubblicità: incontentabili.

CAMERA
AULA

I soldi che lo Stato elargisce alle forze politiche diminuiranno progressivamente a partire da quest'anno, fino al taglio definitivo che arriverà nel 2017, anno che vedrà la fine del finanziamento pubblico ai partiti che dovranno sostenersi con donazioni private. Della serie si salvi chi può. Cavallo di battaglia del Renzi scalatore, la cancellazione del finanziamento pubblico ai partiti è stato approvato con 312 voti a favore, 141 contrari e 5 astenuti. Gli esponenti del Movimento 5 Stelle hanno esposto striscioni e protestato duramente perché chiedevano l'eliminazione della Cassa integrazione riservata al personale dipendente delle forze politiche e la restituzione di 2,7 miliardi di euro di finanziamenti percepiti illegalmente dal 1994 ad oggi. Se la proposta fosse stata accolta a rimetterci sarebbero stati solo tutti i dipendenti, gente che a volte lavora anche 12 ore al giorno con un contratto part-time. Quando si dice non riuscire a discernere la casta dai lavoratori e viceversa.

Per chi volesse dilettarsi con un paragone sul finanziamento della politica in Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti:
http://documenti.camera.it/leg17/dossier/Testi/MLC17002.htm#dossierList

Per quanto riguarda il milleproroghe, ritorna al 30 ottobre 2014 il termine per la proroga dei contratti per alcuni dirigenti dell'Aifa (agenzia del farmaco) che al Senato era stato spostato a marzo 2015, dopo che già il decreto sulla Pa lo aveva prorogato al 30 ottobre 2014.
COMMISSIONI
Nelle commissioni, al solito, a farla da padrone sono le direttive europee.
Finalmente la commissione Giustizia in sede di atti del Governo ha iniziato l'esame dello schema di decreto ministeriale contenente il Regolamento sulla determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense. Un regolamento che il mondo forense aspetta solo da un anno. Che volete che sia, la riforma dell'ordinamento forense è arrivata dopo 70 anni, i parametri li volete subito?
Da segnalare poi che la commissione Affari sociali, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sull'organizzazione dell'attività dei medici che svolgono gli accertamenti sanitari per verificare lo stato di salute del dipendente assente per malattia, ha svolto l'audizione di rappresentanti dell'Associazione nazionale dei medici di medicina fiscale, dell'Associazione nazionale medici Inps, del sindacato medici di visite di controllo, della Società italiana di medicina legale e delle assicurazioni, del sindacato italiano specialisti in medicina legale e del Coordinamento medici legali aziende sanitarie. Sommessamente, a tutte le associazioni, ci permettiamo di far notare che basterebbe rimuovere i dottori che certificano malattie immaginarie e probabilmente l'assenteismo per false malattie smetterebbe. Ma questo è populismo, si sa.
La crisi di governo non ferma la nomina di Antonio Carrara a presidente dell'Ente parco nazionale d'Abruzzo: parere favorevole dalla commissione Ambiente.
Mentre ci si interroga se l'Italia riuscirà ad andare avanti o affonderà definitivamente, la commissione Trasporti ha iniziato l'esame dello schema di decreto del Presidente del Consiglio dei ministri sulla determinazione dei criteri di privatizzazione e modalità di alienazione della partecipazione detenuta dal Ministero dell'economia e delle finanze nel capitale di Poste Italiane Spa. A noi l'orchestra del Titanic ci fa un baffo.
In compenso però la commissione Finanze ha avviato l'esame del decreto riguardante le Disposizioni urgenti in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all'estero, per il parere.

GIUNTE
la Giunta per le autorizzazioni ha iniziato l'esame della domanda di autorizzazione a procedere in giudizio nei confronti di Michela Vittoria Brambilla, all'epoca dei fatti non ancora parlamentare ma ministro per il turismo per il governo Berlusconi IV.
La giunta ha inoltre iniziato l'esame della richiesta di deliberazione in materia di insindacabilità avanzata da Fabrizio Cicchitto nell'ambito di un procedimento civile intentato nei suoi confronti da Antonio Di Pietro. Cambiano i governi ma il gatto e il topo non finiscono mai di litigare.

SENATO
AULA

Approvato il decreto sugli Enti locali, infrastrutture e calamità (compresa la famosa norma su Roma Capitale) che passa a Montecitorio; approvato invece definitivamente il decreto cosiddetto svuotacarceri. E anche qui è stata tutta una protesta: pare che, tra le altre cose, serva a poco, nel senso che usciranno poco più di 1000 detenuti. E' stata più risolutiva la mossa della Cassazione che, dichiarando l'incostituzionalità della Giovanardi-Fini, ne farà uscire a migliaia. Suggerimento: e se provassimo a fare leggi fatte bene con una finalità concreta calcolando bene l'impatto sul mondo reale? Non ci fare arrabbiare Lega e M5S a vuoto.
Approvato definitivamente anche il piano Destinazione Italia. Ricordiamo, senza l'articolo 8 sulle Rc auto.

COMMISSIONI
Gli Affari costituzionali sono già al lavoro sul milleproroghe. Che non si dica che non lavorano.
La commissione Istruzione è impegnata nella conversione del decreto legge in materia di automatismi stipendiali del personale della scuola. Che lavorino bene e in serenità: ricordate la storia della decurtazione di gennaio. Ecco, non gli mettete fretta che poi si fanno pastrocchi.
La commissione Ambiente in Ufficio di Presidenza ha ascoltato l'assessore Marino sulle conseguenze delle recenti piogge sulla discarica di Malagrotta. A leggerla così, già la questione mette un po' di agitazione... 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni