Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Venerdì, 10 Febbraio 2012 16:16

San Remo horror picture show

Il più disastroso baraccone mangiasoldi d’Italia torna come ogni anno ad infestare l’etere, occupando le frequenze della rete ammiraglia per ben cinque serate.
Venerdì, 03 Febbraio 2012 17:35

Forza Uova!

Piccolo Uovo è una favola scritta da Francesca Pardi e disegnata dallo storico vignettista Altan. È la storia di un ovetto che non vuole nascere perché non sa dove andrà a finire e tra le varie possibili destinazioni sono descritte famiglie composte da un solo genitore o da genitori omosessuali.
Venerdì, 27 Gennaio 2012 14:00

Per disgrazia ricevuta

Ecco a voi... i nuovi martiri. Persone che di fronte a un calo d'immagine reagiscono con l'antico motto “ora ci credo” per rifarsi una pubblica verginità. Un chiaro caso di conversione apocalittica ha fulminato Paolo Brosio, che prima di vedere la madonna ha giocato alla piccola rockstar con party a base di droga, alcol e sesso.
Venerdì, 20 Gennaio 2012 15:35

Nu jeans e ‘na marchetta

Oblio, dimenticatoio, meglio ancora un inceneritore. Certe immagini andrebbero pubblicamente cancellate e rimosse dalla coscienza collettiva e invece si ripropongono a ciclo continuo come l’inarrestabile polpettone alla cipolla della zia Filippa.
Venerdì, 13 Gennaio 2012 17:36

110 e frode

Che cos’hanno in comune un cantante invecchiato male, un evasore fiscale e un illetterato al potere?
In Italia avere un cognome che fa rima con “promossi” aiuta negli studi quasi quanto avere dei precedenti penali.
Venerdì, 06 Gennaio 2012 15:50

La scena dei cretini

Sabrina Ferilli contro Mario Borghezio, la gallina in salsa di botox contro lo yeti della Val Padana, categoria: pesi flaccidi. Intervistata dall’autorevole periodico “Oggi”, che si autodefinisce non più settimanale ma “newsmagazine”, la regina dei burini erutta scomode verità che fanno tremare il mondo.

Venerdì, 30 Dicembre 2011 16:31

Ave, Augusto imbonitore

Augusto Minzolini non è un giornalista qualunque, il suo cranio mutante ha il potere di riflettere le bugie degli altri in diretta tv. Obnubilato da questa sua innata capacità, il piccolo Augusto fa strage di redazioni e si qualifica primo al torneo nazionale dei leccaculo, lasciandosi alle spalle professionisti della materia come Fede, Ferrara e Vespa. Insediatosi al TG1 fa piazza pulita dei colleghi e installa una consolle che sostituisce i fischi con gli applausi ad ogni epifania di Berlusconi, trasformando il telegiornale nella sit-com “Il Mio Amico Silvio”. Ma i finti dati dell’Auditel non bastano a renderlo felice e per mantenere il suo primato di adulatore dei criminali più potenti d’Italia si schiera a difesa di Bertolaso e Craxi, non prima però di condannare apertamente la manifestazione della libertà di stampa indetta dalla Federazione Nazionale Stampa Italiana. La scalata al deretano più profondo sembra non conoscere sosta, almeno finché il paparino presiede il governo. Tuttavia il posteriore di Monti risulta meno appetibile del previsto e il prode Minzolini viene rimosso dall’incarico di direttore con l’aiuto dei corpi speciali anti-salivazione. In seguito all’ennesimo rinvio a giudizio per peculato l’imperatore della bava mediatica, che ha speso circa 65.000 Euro con la carta di credito della RAI, annuncia di voler dare battaglia legale alla sua azienda. Nel culmine del delirio si paragona a Santoro, santificandone le gesta con un audace colpo di lingua, e si iscrive da solo nel registro dei perseguitati insieme a Nelson Mandela, Paperino e Gesù Cristo.

Venerdì, 23 Dicembre 2011 10:33

Le sacre letture

Quest’anno sarà un natale senza soldi e fin qui nulla di nuovo. C’è chi ha fatto debiti pur di non arrivare a mani vuote alla vigilia e chi ha bruciato la tredicesima in meno di un paio d’ore, il tempo della fila alla cassa.
Venerdì, 16 Dicembre 2011 15:10

Letteratura differenziata

Più che la tecnologia, sono le case editrici italiane ad aver ucciso la carta stampata, ma solo dopo averle strappato le interiora. Oltre che dai bavosi tomi annuali di Vespa e Fede, le librerie sono intasate da volumi che hanno la stessa utilità della legna da ardere.

Venerdì, 09 Dicembre 2011 16:26

Tu scendi dalle spese

Pochi soldi, panettoni senza uvetta, regali ancora meno, niente vacanze. Il natale dell’austerity vale solo per il popolo e mai per chi comanda sui soldi degli altri.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni