Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Mondo Motori
Mondo Motori

Mondo Motori (10)

 
Macchine, notizie & segreti
Rubrica a cura di Nicola Rotondella

Con questo articolo Golem inaugura una rubrica, che sarà affidata all’esperto Nicola Rotondella, dedicata al mondo dei motori Dalla prossima settimana troverete la rubrica in apertura della colonna a destra. Come valutare un’auto, come evitare i rischi, come scegliere una vettura usata ma anche notizie, retroscena, aspetti critici e capacità professionali di un settore, quello dei motori, che rappresenta una fetta notevolissima dell’economia. Basti pensare non solo e non tanto alle fabbriche di automobili ma a tutto l’indotto: officine, carrozzieri, artigiani, tappezzieri, gommisti e tecnici di ogni tipo. Centinaia di migliaia di persone alle quali rivolgersi e dalle quali, in alcuni casi, difendersi.

Prendiamo una vettura a trazione posteriore, facciamola sbandare e, senza aver paura, controlliamola con il controsterzo e il gas dosato in modo da non finire in testacoda o far terminare il sovrasterzo. Facile a dirsi, molto più complicato a farsi, ecco che abbiamo scoperto il Drifting!
Nato in Giappone agli albori degli anni '80, è figlio di un ex pilota motociclistico passato alle auto a causa di un grave incidente sulle due ruote. Sempre spettacolare, era poi diventato un beniamino del pubblico perché non si accontentava semplicemente di guidare la sua vettura, ma percorreva tutte le curve mettendola di traverso, in sovrasterzo, con grande soddisfazione di chi lo seguiva dalle tribune dei circuiti. Da lì l'intuizione che il drifting potesse splendere di luce propria e la nascita della specialità. Le prime gare, abusive, si svolsero per strada, poi si passò ai circuiti, dove il drifting si è imposto rapidamente per poi essere esportato prima negli Stati Uniti e poi, diffondendosi come un'epidemia, in tutta Europa. Una maggiore conoscenza presso il grande pubblico si deve, infine, alla serie di film “Fast & Furious”, che gli ha dedicato l'episodio “Tokyo drift”.

Permettetemi di andare oltre. Per una volta vorrei parlarvi di una gara automobilistica ma non dicendovi solo chi ha vinto, come e perché. Vorrei spiegare perché una gara automobilistica può essere un ottimo veicolo promozionale per zone turisticamente poco sfruttate, magari fuori stagione. E' un argomento spinoso, soprattutto per i politici locali, solitamente sordi alle richieste di chi vuole organizzare manifestazioni motoristiche e sempre pronti, invece, ad aprire i cordoni della borsa per il torneo interscolastico di calcio...

L'essenza dell’auto

18 Maggio 2012 di
Il legno ha un fascino particolare: colori, venature si mescolano con resistenza, leggerezza e flessibilità. La possibilità di lavorarlo per portarlo ad assumere forme a volte incredibili grazie alla sua malleabilità, ne fanno un compagno di viaggio ideale per il mondo dell'automobile.

Gilles

04 Maggio 2012 di
Ho pianto, tanto... Non lo potrò scordare mai, quel dolore che ti prende dentro, ti attanaglia lo stomaco e ti fa stare male. Eppure non era un mio parente stretto, non lo conoscevo nemmeno di persona. Quando cominciarono a circolare le prime notizie dell'incidente, allora la televisione non trasmetteva le prove di qualificazione in diretta come accade oggi, si sperava che tutto andasse per il meglio, come era già accaduto altre volte.
Quando mi è stato chiesto di far parte dell'equipaggio per quattro quinti napoletano di “Posillipo Promotion” che avrebbe corso sulla pista di Le Mans alla guida di una sport prototipo Lola B09/60, non ho saputo, potuto dire di no!
L'automobile non nasce così come la conosciamo, con il motore a scoppio, ma elettrica. La “Jamais contente”, un siluro costruito e pilotato dal belga Camille Jenatzy, fu la prima vettura a superare i 100 km/h ed era elettrica. Stiamo parlando del 1899, con precisione del 1° maggio di quell'anno, ed il record stabilito era frutto di un concorso indetto da un giornale francese per vedere quale tra elettrico, vapore e scoppio fosse il miglior sistema di trazione per l'automobile.
L'automobilismo viene visto dalla gente comune come uno sport d'élite, riservato a pochi, danarosi personaggi. Gente che arriva sul luogo dove si disputa la gara con l'elicottero privato, l'aereo privato, gira in auto lussuose e vive al di sopra della realtà quotidiana del 90 per cento della popolazione terrestre. Fidatevi, guardano troppa Formula 1...
Ci sono luoghi indissolubilmente legati all'automobilismo. Monza, per esempio, o Imola che, in particolare per gli appassionati di Formula 1, sono il massimo teatro dello sport a quattro ruote. Su quell'asfalto sono transitati alcuni, la maggioranza, dei più talentuosi piloti che il globo ricordi.
Diciamoci la verità: una volta l'automobile era semplice. Aveva quattro ruote, un motore, una carrozzeria, un abitacolo più o meno capiente e serviva per spostarsi, da soli o in compagnia, per le strade del mondo.
Marco Antonio ne è vittima ad opera di Ottaviano. Napoleone II lo subisce dal nonno. E il lupo solitario non è altro che un componente del branco vittima di mobbing. C’è quello orizzontale e quello verticale, il bossing, lo straning e il doppio mobbing.
Gli aspetti previdenziali per gli avvocati che non raggiungono il reddito annuo minimo per l'obbligatorietà dell'iscrizione alla Cassa, ma iscritti d'ufficio all'INPS. Il quadro della situazione e le regole da seguire, a cura del dott. Massimiliano Toriello.
Una lunga serie di articoli che affrontano e approfondiscono il ruolo della donna nella politica e nella società attuale. Le prolematiche e le sfide che sono chiamate ad affrontare le donne nelle società occidentali e non solo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni