Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Professionisti esterni e politica

La zona grigia dei tecnici

26 Gennaio 2013 di  Elena Pasquini

Le Associazioni dei funzionari del Senato e dei Consiglieri parlamentari si interrogano, in un convegno, su criteri di scelta, ruolo, indipendenza, responsabilità e ricollocazione dei tecnici chiamati a sostegno dell’azione di governo.

Indipendenza e professionalità dei tecnici Indipendenza e professionalità dei tecnici
Indipendenza e responsabilità. Due termini che hanno trovato voce più volte nel seminario di studi sul “ruolo dei corpi tecnico-giuridici nell’evoluzione politico–istituzionale italiana” promosso dall’Associazione funzionari del Senato e dall’Associazione consiglieri parlamentari lo scorso 24 gennaio.

A partire dalle parole del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Antonio Catricalà, che ha aperto i lavori con una riflessione sulla tecnocrazia e sulla sua altalenante considerazione presso l’opinione pubblica, in un rapporto biunivoco in cui controparte è l’autorevolezza della politica.

Tanti gli interventi, molteplici i punti di vista e i modi di esporre e raccontare come, in che misura, da quando, i tecnici con distinte peculiarità sono stati di sostegno all’azione di governo pur non potendo – e dovendo – esercitare funzioni politiche.
Non sono mancate neanche le critiche al sistema: il rischio dell’autoreferenzialità, per esempio, citato da Catricalà in un più ampio discorso partito dalla unitarietà di alcune istituzioni per l’opinione pubblica, come la magistratura, e passato dalla sottolineatura di una perdita nel tempo della capacità di insegnare oralmente le prassi e le modalità di comportamento, oltre che le procedure. «Il tema del trattamento del funzionario non è economico, ma giuridico». La conseguenza del non aver affrontato alcune questioni inerenti le relazioni tra politica e corpi tecnici «è che i migliori se ne vanno», chiosa il Sottosegretario chiedendo ai dirigenti di «alzare la testa» e iniziare a dire dei no dettati dalla responsabilità verso il buon andamento dello Stato e dalla profonda conoscenza della materia.

I professionisti esterni - «La libera professione, soprattutto se specializzata, è un buon complemento per valorizzare le competenze interne, che ci sono», apre il suo intervento l’avvocato Damiano Lipani: «i corpi tecnici non arrivano a permeare l’attuale contesto pubblico allargato, settore che ha oggi la necessità di una guida sui problemi di carattere prevalentemente legale» a causa, per esempio, di una normativa poco coordinata e di una bassa coerenza nel tempo. Un lavoro per «scelte strategiche» su «terre di confine» quello del professionista legale a supporto dell’amministrazione secondo il legale romano, con l’obbligo di rispettare le regole etiche e deontologiche e mantenere l’indipendenza dalla politica.
Il problema non è l’interscambiabilità tra pubblico e privato quanto il fatto che il flusso è solo in uscita, verso la libera professione, riflette Lipani che in ogni caso indica come positiva e promettente la sinergia della gestione della “cosa pubblica” e della migliore pratica legale.

I nodi nella magistratura – Tutti d’accordo sulla posizione fondamentale e strategica dei tecnici anche sul versante della magistratura. Anche se la questione dei giudici fuori ruolo è stato spesso un argomento dei detrattori del terzo potere dello Stato. Ad avviare una riflessione critica è Luca Palamara, già presidente dell’Anm. «Certo è che dobbiamo porci dei problemi rispetto ad alcuni punti», riassunti sinteticamente in cinque questioni cardine. Intanto la questione dell’accesso, della massima trasparenza della chiamata e delle limitazioni, oggettive e soggettive. La durata dell’incarico è un altro nodo della questione: ora è fissata in dieci anni ma per Palamara si potrebbe dividere il decennio con una formula 5+5, rendendo più flessibile l’interscambio. Anche per l’ex presidente dell’Anm il requisito fondamentale da tutelare è quello dell’indipendenza visto che «nell’ultimo periodo della storia parlamentare ci sono stati spesso momenti di sofferenza». Come valutare la professionalità di questi magistrati e ricollocarli in ruolo sono gli ultimi due punti posti all’attenzione dei presenti, per evitare che l’incarico esterno sia considerato una «funzione oscura» e che si formino «carriere parallele a detrimento del magistrato stesso».
«Il magistrato è necessario per l’efficienza statale - ha affermato Palamara – ma nell’Italia che verrà ci si soffermi su aspetti in passato trascurati e oggi necessari per mettere a disposizione persone idonee a fornire un valido contributo tanto nelle amministrazioni che in magistratura».
«Ancora di più oggi, con la politica che si riprende il suo spazio, la complessità economico-finanziaria richiede siano valorizzate le figure tecniche nel rispetto dei relativi ruoli, soprattutto per i magistrati», concorda Tommaso Miele della Corte dei conti. Purché rimangano corpi tecnici e non si arrivi alla tecnocrazia; purché siano in grado di mantenere autorevolezza e conseguentemente indipendenza «nell’interesse delle istituzioni e del buon andamento dello Stato».

I no che servono - Il richiamo alla responsabilità si scontra con alcuni fattori interni al nostro stesso sistema gestionale e ha introdotto l’altro tema trasversale di tutto il seminario: la separazione tra politica e amministrazione, tra attività di indirizzo politico e quella di gestione. Ne ha parlato Francesco Verbaro dell’associazione classi dirigenti delle Pubbliche amministrazioni; ha affrontato nello specifico la questione il professore Gennaro Terracciano, ordinario della Seconda Università di Napoli. «In fondo, una funzione di supporto e consiglio si perde nella notte dei tempi: l’antecedente giuridico “moderno” è il Regio decreto 110 del 1924» ha esordito con verve il professore partenopeo ricordando quanto ammonito dal dispositivo del ’24: chi collabora con il vertice politico non deve amministrare. La complessità dell’amministrazione, il proliferare degli uffici di diretta collaborazione e la parallela regolamentazione degli stessi (non solo nello Stato) apre a profonde riflessioni sul loro ruolo: la sentenza della Corte costituzionale n. 304 del 2010 affida loro il compito di attività strutturale rispetto a quella svolta dal ministro e per tanto ammette il ruolo fiduciario. Il sistema è in tilt, quindi. Perché vale anche la parola del 1924. Sembrerebbe che questi uffici vadano collocati nell’area politica ma non si assumano una responsabilità politica vera e propria in quanto la scelta, alla fine della giostra, resta sempre del politico. Però non hanno neanche responsabilità amministrativa-gestionale. «Non è che si sono resi irresponsabili?» scherza Terracciano: «C’è un’area da chiarire, per correttezza» e per una certezza del diritto che semplifica le prassi e aumenta la consapevolezza delle possibilità di ciascuno di contribuire al buon andamento dello Stato.
Elena Pasquini
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Elena Pasquini
Elena Pasquini
Informazioni sull'autore

Giornalista. Ha lavorato per le guide professionali del gruppo "Il Sole 24 Ore" come redattrice di Guida agli Enti Locali, Guida al diritto, Responsabilità e Risarcimento, Famiglia e Minori. Collaboratrice per i dorsi regionali del gruppo, ha avuto anche esperienze come articolista per il supplemento romano di Avvenire e come analista televisiva presso la Geca Italia. Appassionata di arti figurative, è stata assistente del corso di Storia e tecniche della Fotografia presso la Facoltà di Lettere dell'Università Roma Tre.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni