Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Roma: il mistero buffo del vademecum antistupro

05 Agosto 2011 di 

Il sindaco Gianni Alemanno con la scusa della sicurezza delle donne distribuisce un opuscolo pieno di pensierini elementari che incita alla caccia all’immigrato e all’acquisto di un prodotto di una società privata.

Roma: il mistero buffo del vademecum antistupro
La continua confusione tra pubblico e privato frutto di politiche neoliberiste nell'economia e conservatrici nella gestione della res publica, è sostenuta dalla mancanza di trasparenza con cui si amministra, e dalla confusione che la comunicazione di massa ha instillato nei cittadini.

Protagoniste dirette e indirette di questo continuo e pericolosissimo garbuglio di pubblico e privato, di beni pubblici devoluti per favorire pochi privati, di corpi scambiati con voti, sono molto spesso le donne.

Roma e la sua amministrazione sono un esempio lampante.

Da qualche tempo è distribuito nella metropolitana della capitale, e preceduto da grande clamore, un opuscoletto rosa fucsia. In copertina una fanciulla sorride distesa su un prato di violette. Non è una scatola di cioccolatini anni' 60 ma un vademecum anti stupro confezionato per le cittadine romane.

Come ci si difende dal maschio rapace che si aggira per le strade della capitale? E' la domanda sottintesa. Con delle politiche intelligenti che mirino a contrastare culture arretrate? Con più forze dell'ordine nelle strade? No. Il comune si presenta alla cittadinanza con una serie di consigli della nonna. Anche il sempreverde “non indossare abiti appariscenti in strade isolate” che si credeva fosse stato superato, ritorna nelle hit per “non farsi stuprare”, ove mai una non sapesse già che se va in giro sola di notte in mutande, un qualche rischio lo corre.

Moltissime donne infatti pensano, e lo fanno da sole come delle adulte, che ci sia effettivamente il rischio che taluni vogliano imitare i sollazzi del presidente ma non ne abbiano i mezzi economici, o magari abbiano visto troppa tv del presidente, o diano retta ai cartelloni pubblicitari incollati ovunque nella capitale che invitano a servirsi delle donne. E senza timore di essere troppo generici si può tracciare un principio di massima: le donne si difendono istintivamente dalle sollecitazioni istituzionali e del marketing ovunque rivolte agli uomini, che li invitano a fare ciò che si vuole delle donne, pagandole o meno.

Per quanto riguarda l' Italia si sono recentemente pronunciate le Nazioni Unite, in particolare per quanto riguarda la violenza sulle donne, i cui centri anti violenza, nel Lazio, stavano per essere smantellati e solo grazie alle numerose proteste, si è sventata l'infelice iniziativa istituzionale.

“Nonostante la nota positiva per l’adozione della legge 11/2009 che introduce il crimine di stalking, il Comitato delle Nazioni Unite esprime la propria preoccupazione per l’alto numero di violenze perpetrate su donne e bambine, per la mancanza di dati sulle violenze contro immigrate, Rom e Sinti e per la persistenza di attitudini socio-culturali che “condonano” la violenza domestica.

In particolare, stupisce e preoccupa l’alto numero di donne uccise da partner o ex-partner, indice del fallimento dell’autorità nel suo fondamentale compito di protezione delle donne.

Ecco perché il Comitato ONU chiede al Governo di presentare entro due anni un rapporto sulle misure intraprese contro stereotipi e violenza di genere e raccomanda al nostro paese di adottare tutte le misure legali, amministrative, politiche ed educative necessarie a ridurre tali stereotipi. In particolare, le Nazioni Unite chiedono che lo Stato intervenga sulle immagini sessiste divulgate dall’industria della pubblicità e dai media, nelle quali donne e uomini sono spesso raffigurati in modo stereotipato.

Sull'opuscolo anti stupro, in alto, spicca il simbolo Roma Capitale.
Questo simbolo dice che il Comune sta comunicando ai cittadini. La scritta, sotto la foto della ragazza finalmente felice di vivere, dice: “Sicurezza è un lusso che oggi noi donne vogliamo permetterci”.

Apprendiamo perciò che le cittadine non hanno più diritto alla sicurezza, e che questa, un po' come il parrucchiere, sia un lusso.

Siccome la frase è rivolta solo alle donne, apprendiamo che gli uomini, previsti a questo punto come causa della mancanza di sicurezza, non ne hanno diritto a loro volta. E nemmeno i bambini e le bambine quindi. O gli anziani. O i giovani. O gli immigrati. Insomma la sicurezza non è garantita a tutti. Oppure se lo è - peggio ancora - non vale per le donne. Questo è il primo messaggio avallato da un'istituzione, e immediatamente leggibile nel titolo dell'opuscolo.
Il secondo, sta nel   tragico tono confidenziale: “noi donne oggi”, che riporta a una marca di assorbenti. Mancava: “in certi giorni”.

All'interno, a pagina due, non c' è il messaggio del sindaco, come vorrebbe una qualsiasi comunicazione alla cittadinanza, ma di tal signora Anna Di Lallo a capo dell'agenzia di comunicazione che ha ideato, prodotto, e ahinoi, redatto l'assurdo testo. La comunicazione a casaccio viene perciò ben prima della politica e dell'amministrazione della cosa pubblica.
Tra le missioni dell'agenzia della signora c' è la sicurezza, ossessione di ogni buon politico di destra anche perché a questa corrisponde il nemico immigrato da rinchiudere nei Cie o da far espellere.

Anna Di Lallo, come un ministro degli Interni, presenta la sua personale strategia sicurezza alla cittadinanza romana:

“Alcune semplici regole e suggerimenti per sentirsi più libere e più forti per poter vivere la straordinarietà del quotidiano. A volte dimentichiamo, per le tante paure e timori che affollano la nostra mente, che le città in cui viviamo sono fatte anche di luci, colori, profumi, angoli di storia, incredibili paesaggi e laboratori culturali unici al mondo. Riscopriamole con naturalezza e gioia di vivere, sentendoci più sicure di noi stesse.”

Per quelle che per esempio sono state assunte in un posto di lavoro e costrette a firmare delle dimissioni in bianco in caso di maternità, quelle che sono state licenziate, quelle che non hanno lavoro, o che devono pagare un asilo comunale 600 euro, se non vivono la straordinarietà del quotidiano, è perché sanno perfettamente che potrebbero farsi accoppare da un momento all'altro. E se non lo sanno, devono imparare a esserne coscienti, come viene ripetuto qua e là nel vedemecum. Ma chi potrebbe accopparle non viene esplicitato. Si sottintende.
L'angosciante lacuna nella narrazione del libretto viene però colmata dal dibattito pubblico che avviene altrove: ogni donna infatti oggi deve aver paura dell'immigrato, che come dice Cota “violenta le nostre donne”.

Nelle dieci pagine successive all'annuncio Di Lallo si susseguono i volti e le professioni delle supporters della signora. Dalla deputata Beatrice Lorenzin, fino all'operatrice ecologica Valentina Orsi. Chiude la serie, l'ultimo dei fan, il sindaco di Roma, che copincolla le sue “frasi-cavallo di battaglia”:

“Ho sempre considerato la sicurezza come una delle priorità del mio mandato, nella convinzione
che il diritto alla sicurezza sia una precondizione fondamentale per garantire qualità
della vita, relazioni sociali, esercizio dei diritti di libertà”.

Non il lavoro dunque, ma la sicurezza. Che peraltro, con il vademecum, confessa di non saper garantire. E che le donne e il sesso siano uno strumento per le sue ossessioni è fin troppo evidente: c'è voluto un giudice che costringesse il sindaco a un rimpasto della giunta e all'inserimento di una donna

Al libretto, compendio e fotografia dell'arretratezza italiana, non manca la pensata della delegata Pari Opportunità on Lavinia Mannuni, che si definisce al maschile “delegato”,, ma parla alle cittadine da “donna a donna” (scritta rigorosamente in grassetto rosa fucsia). Anche lei parlando “da donna a donna” non dà consigli per la ceretta, ma suggerisce di angosciarsi un po' per sentirsi poi più libere con i consigli della signora Di Lallo.

E nemmeno lei, come Carfagna, ha saputo issare una barriera contro l'ennesima presa in giro. E nemmeno la moglie del sindaco, Isabella Rauti, capo dipartimento del Ministero delle Pari Opportunità e oggi consulente della ministra, è riuscita a bloccare un simile osceno della comunicazione. In un'intervista a Repubblica ha infatti precisato che con il marito parla solo di questioni familiari. Le donne romane si mettessero l'anima in pace perciò, che manco per sbaglio, di fretta nell'ascensore, riesce a dire al marito che ne sta accumulando una dietro l'altra. Anzi.
Ha lodato l'iniziativa patrocinata anche dalla Regione Lazio, tanto per metterci un'altra istituzione pubblica.

La signora Di Lallo, per quanto immaginiamo santa, a occhio, non deve aver lavorato gratis.

Il problema è che a questo punto non si capisce più chi ha pagato la pubblicazione.

Se è stato il comune, significa che dei soldi pubblici sono andati a arbitrario sostegno di un'iniziativa privata.

Se Anna Di Lallo invece se l'è finanziato da sola, un'istituzione ha sponsorizzato con canali pubblici un' iniziativa privata, investendola di autorevolezza.

E' stata fatta un'immensa campagna di comunicazione del Comune di Roma, in tutti i tg e mezzi di informazione, compreso il nazionale tg1 che pur avendo perso molti ascolti, conserva   diversi milioni di spettatori.

In sostanza la signora Di Lallo s'è fatta una campagna pubblicitaria del valore di diverse centinaia di migliaia di euro, mettendo insieme una serie di ovvietà.

Ma il marketing a volte prende strade insperate. Contestualmente ai giorni di campagna per la presentazione dell'opuscolo, il sindaco Alemanno, con sprezzo del pericolo internet, copincolla di nuovo il discorso sicurezza, ma dimostra di aver intuito che era una fregatura. Come è noto infatti, e era noto anche durante la campagna elettorale, le auto della polizia scarseggiano per mancanza di fondi. E quello semmai è il pericolo. Non i troppi immigrati. Ma stavolta il nostro sindaco decide di andare da Maroni a cantargliene quattro.

Per essere convincente prende la moto, si fa riprendere mentre fa un giro per le strade (buie) di Roma. In “due ore” dice allarmato “abbiamo incontrato solo due auto della polizia”. Stavolta l'allarme non è lo stupratore su cittadine, ma sono le prostitute e clienti. Una pratica che vuole che diventi un reato. Tanto per usare ancora donne e sesso, e mai, per carità, andare all'origine delle cose, come invitano a fare le Nazioni Unite. (Vedi video).

Ma riveniamo al manualetto anti violenza. Ovunque si dice “stia tranquilla, le forze dell'ordine sono con te”. Addirittura tra i consigli c'è quello di memorizzare sul cellulare un numero di telefono delle forze dell'ordine.

A questo punto una cittadina dopo essere stata resa consapevole dei pericoli di essere accoppata da un momento all'altro, di fronte alla realtà dichiarata che il comune non sa fare fronte alla questione sicurezza, e che le forze dell'ordine, come dice il sindaco, non sono sufficienti, si sente praticamente spacciata.

La signora Di Lallo ha pensato anche questo.

A pagina 23, dopo aver angosciato tutte, offre una soluzione che spiega anche il titolo: comprare un attrezzetto chiamato Petra collegato, vedi tu, a una società di sicurezza. Costo: 300 euro. Ecco a cosa è servita la campagna del comune di Roma. Alla società di sicurezza Synaps Technology. Privata.
Sabina Ambrogi
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Sabina Ambrogi
Sabina Ambrogi
Informazioni sull'autore

Autrice televisiva, saggista, traduttrice. Collabora in Italia  con Repubblica, il Fatto Quotidiano, il Manifesto (nella pagina Visioni). In Francia,  per  il portale francese Rue89.com e TV5 Monde. Esperta di media , comunicazione politica e rappresentazione di genere all'interno dei media, è stata consigliera di comunicazione di Emma Bonino quando era  ministra delle politiche comunitarie. In particolare, per Red Tv ha ideato scritto e condotto “Women in Red”  13 puntate  sulle  donne nei  media. Per Donzelli editore ha pubblicato il saggio “Mamma” e per Rizzoli ha curato le voci della canzone napoletana per Il Grande Dizionario della canzone italiana.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Video correlati

Articoli dell'approfondimento

In copertina sempre meglio una donna
Indignazione in Francia per la copertina dell'Express
Se non può essere nuda non resta che pescare negli stereotipi maschio-contro-femmina. L’importante è salvare la faccia buttandola in politica. In Francia l’ultima copertina dell’Express ha fatto discutere. In Italia l’Espresso sintetizza la crisi della Grecia con una bandiera dipinta sulla natica di una modella. E non si discute.
Lolite e baby gigolò nella pubblicità: di chi è la colpa?
C’è chi se la prende con i genitori dei bambini, chi con la rivista, altri con i pubblicitari che a loro volta si dicono disperati dalle richieste dei clienti. Così si dimentica il vero responsabile che pure si autodenuncia col suo nome scritto a lettere cubitali.
Odio razziale mascherato da femminismo (ipocrita)
Con la scusa di denunciare la condizione delle donne molestate per strada, il documentario “Femme de la Rue” che sbanca sui media francesi propaganda l’equazione “i ricchi non sono maschilisti, i poveri e gli immigrati sì”. Ma le associazioni per delinquere di stampo culturale fanno finta di non accorgersene.
Libertà sessuale e sfruttamento
A proposito di due vicende che hanno visto coinvolti due italiani in Tunisia, dell’omofobia nei Paesi musulmani, del turismo sessuale che per un terzo è gay ed è praticato principalmente dagli under 30 e delle donne che comprano i fidanzati.
Il corpo delle atlete
Competizioni, agonismo e sforzo atletico lasciano spesso il posto a primi piani su costumi e fondoschiena. De Coubertin sosteneva che “I Giochi Olimpici devono essere riservati agli uomini, le donne devono prima di tutto incoronare il vincitore”. Un secolo dopo qual è l’immagine che sta diffondendo Londra delle donne? Quella imposta dal meccanismo del marketing.
Sei incinta? Ti assumo
Primi casi in controtendenza negli Stati Uniti, il Paese che spende meno per i bambini e che non sempre garantisce il congedo per maternità. Brasile e Vietnam assicurano maggiori tutele. In Italia è Bankitalia a puntare sulle donne: un tasso di occupazione femminile del 60% innalzerebbe il Pil di 7 punti.
Le dimissioni di Minetti e la prostituzione del giornalismo italiano
Tutti le chiedono ma nessuno spiega perché. Fino a qualche mese fa il Pdl e Berlusconi consideravano la consigliera dalla bocca pneumatica persona di elevatissimo spessore culturale. Un caso da manuale che rivela rimozioni e complicità.
Il sesso utile delle giornaliste francesi
Quando i valori della famiglia sono politica e informazione. Dal neo presidente Hollande ai ministri del Lavoro e della Pubblica Istruzione passando per Strauss-Khan e le relazioni teoricamente segrete di Sarkozy.
Lorella Zanardo: Occupy Rai
Per la prima volta una candidatura al Cda della tv pubblica non viene dalla politica. Per la prima volta perfino Bersani si accorge che qualcosa è (potrebbe essere) cambiato. E il nome dell’autrice del web-documentario “Il corpo della donne” non arriva dalla rete ma attraverso la rete.
Beatrice Cenci, la giovane ribelle
Condannata per parricidio assieme ai fratelli, venne giustiziata a 22 anni. La morte del padre (autoritario e violento), le indagini e il processo ripercorsi attraverso la documentazione dell’Archivio Storico di Roma. Il dubbio su un verdetto voluto da papa Clemente VIII che acquisì così il patrimonio della famiglia nobiliare.
Amo’… che al cor gentil ratto (o zoccola) s’apprende
Stralci dell’antropologia femminile nell’epoca del berlusconismo. Nomi da fumettone di provincia, Iris, Ines, Marystelle, Nicole, Ruby… Questo primo reality- feuilleton restituito dalla procura di Milano ha due tratti fondamentali: la sceneggiatura da Oscar e l'uso consapevole che le donne fanno del loro corpo con l’assimilazione totale del disprezzo verso se stesse.
Le camicette a fiori: il programma di Marine Le Pen
I simboli sua religione, come il maquillage di Berlusconi e la canotta di Bossi, parlano molto di più dei suoi programmi: le camicette a fiorellini da Francia profonda, le rouche sovradimensionate affollate sotto il collo allentato e il sorriso infantile.
Le donne in politica ci sono… per fortuna
Della scarica di accuse a Rosi Mauro e delle frasi da epuratori etnici usciti dall'adunata di Bergamo si deve conservare per saggi di antropologia l'articolo del Foglio del 7 aprile: Ritratto del Capo nella sua isola delle femmine. Un racconto dell'Italia arcaica e arretrata non solo per i protagonisti ma soprattutto per l'opacità e l'acriticità dello sguardo di chi scrive.
Quanto è lontana l'Italia dai siti (sani) del sesso...
Non si contano neppure le ragazze che si pagano gli studi con le sex cam, prostituzione internet, come non si conta la fruizione di youporn. In Francia invece www.educationsexuelle.com è concepito da esperti per la sessualità degli adolescenti, destinato a genitori e ragazzi, corredato da70 video di approfondimenti con esperti e forum aperti.
Le femministe moraliste
La sciura Maria Luisa Agnese di Corriere.it. L'archivio di video della rubrica è un trattato di sociologia. Che dire del fenomeno della cantante Adele? Si chiede la giornalista: come avrà fatto a imporsi nello show biz così grassa?
La farfallina della politica che non vola mai
Lorenzo Calza disegnatore di “Julia” per Bonelli, e inventore di She, una donna problematica e complessa, ha giustamente ingrandito solo il dettaglio inguinale senza testa (che tanto non serve) di Belen e ha sostituito la farfalla con una svastica.
L’apartheid di Lego per le bambine
Il più tradizionale gioco del mondo inaugura le quote rosa e apre un “ghetto” fatto di cucine e saloni di bellezza tutti di mattoncini colorati.
Le indignate
Il ruolo centrale dei corpi delle donne nelle proteste in tutto il mondo e le risposte del mercato: la “Diesel” ha messo in commercio ginocchiere per praticare sesso orale senza provare dolore alle ginocchia. Si chiamano “Blowjob kneepads”.
Donna letterata? Meglio letterina
Riflessioni sull’articolo (provocazione?) che invita a togliere i libri alle donne per fare più figli e impedire l’immigrazione. Versione moderna della raccomandazione dei gerarchi fascisti: “chiavate e lasciatelo dentro”.
Il Ramadan via satellite e la libertà del corpo
Le ispezioni vaginali della polizia del Cairo suscitano meno scandalo della foto nuda che una ragazza egiziana ha pubblicato su Facebook in segno di protesta.
La maternità della Chiesa cattolica
Otto facciate dei quattro basamenti su cui poggiano le colonne dell’altare del Bernini in San Pietro, raffigurano i momenti salienti della gestazione. Fino al parto. Lo stemma di Urbano VIII, che commissionò l’opera, si gonfia come un ventre gravido.
Le scuse di Strauss Kahn e quelle di Berlusconi
Le differenze tra la porno-questione italiana e quella d’oltralpe. Uno non aveva un ruolo di guida del paese ma solo la velleità, non paga le prede, semplicemente ne approfitta e poi nega di averlo fatto. Si potrebbe dire che ha un maggiore senso dello Stato. L’altro dovrebbe invece servire il paese ma fa pagare alla collettività i suoi gusti sessuali e poi inchioda il parlamento a occuparsi della sua vita.
Terry De Nicolò e la favola delle api
Un film su questi ultimi anni di berlusconismo, a sua volta sintesi dell’ideologia neoliberista in salsa cattolica, dovrebbe iniziare con l’intervista alla escort Terry De Nicolò seguita dalla replica del direttore del Giornale Sallusti nella trasmissione “L’ultima parola”.
La diva chenoncè
Hatsune Miku, pop star di enorme successo in Giappone, ha 16 anni, è alta 1 metro e 58 centimetri e… non esiste. E’ figlia di un software e un’invenzione commerciale che affonda le radici nel tamagochi e che nasconde non poche insidie.
Miss Italia: le nuove cavie dell’industria
La violenza della manifestazione non ha limiti. Per le ragazze alle quali viene ipocritamente ripetuto che “sono belle lo stesso”, il “no” si trasforma in disperazione. Alcune piangono e si chiedono cosa c'è nei loro fianchi che non vada. In verità non si butta niente.
L'Italia dentro al burqa
Multa di 500 euro alla donna che indossa il velo e un anno di carcere a chi l’ha “costretta”. La proposta di legge sarà in aula a settembre. Occuparsi di “liberare le donne islamiche” evita all’opinione pubblica sempre più impaurita e confusa di pensare ai diritti delle donne che si stanno frantumando a velocità mai vista imbrigliati in questioni di lavoro.
Roma: il mistero buffo del vademecum antistupro
Il sindaco Gianni Alemanno con la scusa della sicurezza delle donne distribuisce un opuscolo pieno di pensierini elementari che incita alla caccia all’immigrato e all’acquisto di un prodotto di una società privata.
Pornopolitica: l’eclissi del desiderio
“Il godimento, il piacere, la soddisfazione stanno diventando un perverso piacere etico. Viviamo in una società dove ti devi sentire colpevole se non godi abbastanza. L'idea è quella di inventare se stessi continuamente”
Giovanna d’Arco e Barbie: se non ora, quando?
Mezzi di informazione e manifestazioni delle donne: tra resistenza patriarcale e arretratezza culturale dei media e della politica.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni