Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Patrimonio artistico

Con la cultura si mangia (non in Italia)

31 Gennaio 2014 di 

Il Guggenheim di Bilbao ha creato 6 mila posti di lavoro e incassa 274 milioni annui. A Lens decolla la succursale del Louvre con una mostra sugli etruschi di Cerveteri. Il British Museum fa il boom di incassi con un documentario su Pompei. Anche gli arabi puntano sui musei di nuova generazione. E l’Italia?

Con la cultura si mangia (non in Italia)

In Italia "con la cultura non si mangia". Lo ha ben spiegato Giulio Tremonti quando era ministro dell’Economia e avvió un provvedimento grazie al quale le onlus ambientaliste, obbligate ad affrontare ingenti spese per i giudizi da loro avviati, non possono più difendere efficacemente paesaggio e patrimonio artistico. Eppure basta uscire di poco dai confini nazionali per rendersi conto che la cultura in molti paesi è un vero affare.

Molti sono i Paesi che hanno attuato una riconversione economica puntando proprio sulla cultura. Il Guggenheim di Bilbao per esempio è una struttura all'avanguardia in titanio, progettata dall'architetto americano Gehry, che attira circa un milione di visitatori l'anno. Costata 120 milioni di euro, ha generato 6 mila posti di lavoro e solo nel 2011 di milioni ne ha guadagnati ben 274. È stato stimato che in nove anni ha portato ricavi pari a 18 volte il denaro investito per realizzarlo. Ormai è diventata una delle istituzioni culturali europee con il più alto livello di autofinanziamento.  Si tenga presente che due terzi dei ricavi provengono dai botteghini del museo. I nostri cugini francesi un anno fa a Lens, cittadina raggiungibile da Parigi con un'ora di treno, hanno inaugurato la succursale del Louvre e, di conseguenza,  creato 400 nuovi posti di lavoro. Nel suo primo anno di vita il museo è stato visitato da 900 mila persone tanto che Lens è diventata "uno dei 50 luoghi da visitare in Europa".  Indovinate che mostra vi è stata inaugurata a dicembre? Una mostra sulla città etrusca di Cerveteri, sito Unesco da noi poco considerato e poco visitato. Un paio di mesi fa l'uscita del film-documentario su Pompei realizzato dal British Museum. Insomma, c'è poco da andarne fieri. Gli stranieri ci stanno mostrando e insegnando che con la cultura, soprattutto la nostra, si può mangiare e anche bene.


La politica (miope) italiana

Un patrimonio il nostro che non sappiamo tutelare ne tantomeno valorizzare e gestire. Stiamo permettendo la distruzione di siti unici al mondo, di siti considerati dall'Unesco patrimonio dell'umanità. Pompei crolla, le isole eolie sono minacciate da programmi edilizi,  il litorale del parco nazionale del Cilento rischia una capillare cementificazione, Ostia antica è abbandonata a se stessa, il restauro del Colosseo, monumento simbolo del nostro Paese, bloccato a lungo da ricorsi. Questi i casi più eclatanti ma la lista è lunga. Eppure la nostra politica va avanti con continui tagli alla cultura, noncurante che una giusta visione della situazione potrebbe migliorare le sorti del nostro paese. Il bilancio del Ministero dei Beni Culturali è passato dai 2,7 milioni di euro del 2001 a 1, 5 del 2013, lo 0,2% del bilancio dello Stato. L'omologo ministero francese nel 2013 ha avuto 4 milioni di euro. I tagli riguardano musei, monumenti,  archivi, biblioteche e cinema. Conseguenza di questa politica è la diminuzione di fondi per gli interventi di conservazione programmata: quella ordinaria è scesa da 87 milioni (2010) a 47 milioni (2013), quella straordinaria (finanziata dagli introiti del Lotto)  da 60 milioni (2010) a 29 milioni (2013). Ne consegue che Comuni e Province possono spendere sempre meno per la cultura: i Comuni sono passati dai 2,4 milioni del 2008 ai 2,1 del 2011, le Province da 295 milioni a 213. È stato diminuito anche il contributo per gli istituti culturali. I tagli hanno causato anche mancati investimenti. 


Tagli ai fondi e scarsa innovazione

Secondo Federculture nel 2013 il settore culturale ha perso 1,3 miliardi di euro. Eppure, secondo i dati diffusi dal Mibact, nel 2011 la spesa dei turisti stranieri per vacanze in comuni di interesse storico artistico è stata di 10 miliardi di euro. Secondo Pierluigi Sacco, docente dello Iulm di Milano, non bisogna però investire sui beni culturali solo per attirare il turismo e fare profitto. In questo modo "si minerebbe la sostenibilità fisica e sociale del nostro patrimonio". Per questo è necessario investire su tutto il settore culturale, di cui fanno parte oltre i beni culturali anche cinema, musica, editoria, architettura, moda e comunicazione. In Italia, secondo il rapporto del 2013  elaborato da Fondazione Symbola e Unioncamere, il settore culturale ha prodotto un valore aggiunto di 80, 8 miliardi di euro, ossia il 5, 8% dell'economia nazionale. Eppure il problema è proprio qui: "non siamo innovativi sulla produzione culturale cosi da attrarre investimenti per rendere sostenibile il patrimonio storico-artistico. Non investiamo sullo sviluppo delle tecnologie che permettano di fruire in modo innovativo di monumenti e opere d'arte. Senza innovazione perderemo la sfida del futuro". Questo concetto lo hanno ben capito addirittura negli Emirati Arabi. Ad Abu Dhabi l'emirato spenderà più di un milione di euro per costruire una nuova sede del Louvre. Una iniziativa questa che attrarrà investimenti su altri settori, con la conseguente creazione di nuovi posti di lavoro.


Il paesaggio culturale italiano
Noi italiani rimaniamo a guardare. Noi che abbiamo un patrimonio artistico unico al mondo. Noi che potremmo vivere delle nostre bellezze naturali e artistiche.  Vantiamo 5 mila tra musei, monumenti e aree archeologiche, di questi 423 sono gestiti dallo Stato; 50 mila beni archeologici e architettonici vincolati; deteniamo il record mondiale di siti Unesco: 49 su 981. Un patrimonio immenso che non riusciamo a gestire forse proprio a causa della sua vastità. Eppure, nonostante il nostro poco impegno nel valorizzarlo, il nostro "paesaggio culturale" continua ad attirare turisti da tutto il mondo. Il monumento italiano più visitato è il Colosseo con 5,2 milioni di persone (2012) con un incasso di 37,4 milioni di euro. Con lo stesso biglietto è possibile visitare Colosseo, Foro romano e Palatino. Al secondo posto Pompei con 2,3 milioni di visitatori e un incasso di 19, 2 milioni; al terzo gli Uffizi con 1,8 milioni di visitatori e un incasso di 8,7 milioni. I 423 musei/monumenti/aree archeologiche statali sono stati visitati da 36,4 milioni di persone con un incasso di 113,3 milioni di euro. A questi vanno aggiunti gli introiti derivanti dai servizi ausiliari come audioguide, bookshop, bar, visite guidate (circa 6, 1 milioni nel 2011). Cifre da capogiro. Ma se le confrontiamo con quelle di altre nazioni ci rendiamo conto che qualcosa non torna. La reggia di Caserta nel 2012 è stata visitata da 531 mila persone,  la reggia di Versailles da più di 10 milioni. Il Louvre nel 2012 ha registrato 9,7 milioni di visitatori  per un incasso di 58 milioni di euro, a cui vanno aggiunti i profitti ricavati da servizi ausiliari e donazioni: per un totale di 100 milioni di euro. Insomma il Louvre da solo incassa quanto tutti i siti archeologici, i monumenti e i musei italiani.  Com'è possibile? Innanzitutto nel nostro paese sono veramente in pochi a pagare il biglietto. Al Louvre ad esempio dei 9,7 milioni visitatori che vi sono entrati, 6 milioni sono risultati paganti. In Italia 204 tra siti e musei sono gratuiti, nei 219 a pagamento circa 8,7 milioni di persone sono entrate gratuitamente usufruendo delle più disparate agevolazioni. Tra i siti "a pagamento gratuti" figura Ostia Antica, una città antica romana perfettamente conservatasi fino ai nostri giorni. Sino a pochi anni fa anche il Foro Romano era visitabile gratuitamente,  bisognava pagare "due lire" solo per Colosseo e Palatino, con il risultato però che la maggior parte dei turisti  si recava a visitare l'Anfiteatro Flavio tralasciando di vedere la collina delle dimore imperiali.  Risultato di questa politica "anti culturale" è il debito di circa 40 milioni di euro che il Mibact ha accumulato per bollette non pagate e il blocco delle assunzioni con conseguente mancanza di personale. C'è chi ha pensato di risolvere il problema del personale proponendo una turnazione dei musei, trovando la dura opposizione di chi al contrario ritiene che ogni museo, in quanto rappresentante l identità passata dell'Italia, meriti di rimanere sempre aperto. "Servono mille nuove assunzioni nel giro di tre anni" ha tuonato l'archeologo Andrea Carandini "ed è necessario portare gli investimenti per il settore almeno a 200 milioni. Non è più possibile tagliare alcunché. Uno Stato che non investe crea difficoltà anche ai privati: come si può chiedere loro soccorso se il pubblico per primo non fa il suo dovere? ". Si tenga presente che "il Louvre con 9 milioni di visitatori l'anno ha 2.231 persone in servizio, il Colosseo con 5 milioni di visitatori ha 31 dipendenti divisi su due turni". Per Roberto Cecchi, ex sottosegretario del Mibact, sarebbe necessario distribuire meglio i 35 milioni di turisti che ogni anno visitano i nostri musei,  e che si concentrano nei siti più rinomati, orientandoli verso gioielli poco conosciuti. Non dimentichiamo che "nessun altro paese al mondo ha quello che abbiamo noi".


La ricerca archeologica (dimenticata)

Nonostante la vastità del patrimonio "il Mibact ha pochi funzionari" spiega Luigi Malnati direttore della Direzione generale per le Antichità "ci sono pochi archeologi,  dirigenti, restauratori,  magazzinieri,  archivisti e maestranze varie senza le quali è difficile lavorare. Per la ricerca archeologica pura ci sono pochi finanziamenti perché la priorità è data a manutenzione e messa in sicurezza delle aree archeologiche". I capitali che finanziano la ricerca provengono sempre più da enti stranieri. si tenga presente che sono circa 42 gli enti stranieri che hanno cantieri aperti sul suolo italiano. Se il Mibact ha stanziato 700 mila euro per le campagne di scavo da fare in Italia, 600 mila sono invece quelli stanziati da tre dei 42 enti stranieri: la Michigan University  per lo scavo di Gabii (300 mila euro), l'Istituto Archeologico Germanico per quattro scavi (200 mila euro) e l'Università del Texas per lo scavo di Oplontis. Per Salvatore Settis,  decano degli archeologi italiani, questa vergognosa situazione è frutto della "politica suicida" avviata nel 2008 dall'allora ministro Bondi che portò al taglio improvviso di 1,5 milioni alla cultura. Da quel momento le Soprintendenze hanno smesso di fare ricerca e hanno iniziato ad occuparsi solo di tutela. Il risultato è che oggi gli stranieri investono molto più di noi sul nostro suolo non solo in attività di ricerca, ma anche di conservazione: vedasi l'investimento del Packard Humanities Institute per la tutela del sito di Ercolano. Oggi gli unici istituti italiani a svolgere attività di ricerca sono le Università ma anche qui la situazione è critica per i forti tagli ai fondi. Le Università sono costrette a ricorrere a risorse provenienti da fondazioni bancarie o culturali e da fondi personali dei singoli docenti. Non deve stupire quindi se a Pompei siano presenti 23 scuole straniere, tra cui Giappone e Sud America. Ovviamente i tagli hanno riguardato anche i fondi per le missioni all'estero,  di cui l'Italia ha una lunghissima tradizione: dai 5 milioni di euro del 2002 si è scesi ai 675 mila euro previsti per il 2014. Il risultato di questa situazione è che sempre più archeologi disoccupati fuggono all'estero cercando fortuna negli atenei stranieri per poi tornare a scavare in Italia al loro servizio. Al nostro patrimonio oramai pensano gli stranieri.

© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

La Barcaccia dei rifiuti olandesi
L'arte dei vandali
Come fingersi tifosi, danneggiare opere d’arte (e non solo) e cavarsela a buon mercato. Senza pagare le spese.
I lavoratori (donatori) della cultura
Beni culturali & lavoro
Il turismo culturale in Italia genera un volume di affari da un miliardo di euro che potrebbe essere incrementato. Governo e Comune di Roma però non investono e cercano di risparmiare sugli stipendi puntando sui volontari. La protesta di archeologi e professionisti del settore.
I tesori di Roma s’involano per l’America
Lavoro e archeologia negata
Gli archeologi (e non solo) contestano il sindaco della capitale che firma un accordo per trasferire, far studiare e catalogare centomila reperti archeologici inediti alle università statunitensi.

ArtBonus? Ai turisti, non agli studiosi
Il decreto delle polemiche
Nei musei e nei siti archeologici del Belpaese è ora possibile fotografare. Anche con i cellulari. Il decreto approvato di recente esclude però gli studenti e i ricercatori: per loro le riproduzioni hanno sempre un costo.
Per Ostia antica: tutti giù per terra
Archeologia negata
Dopo una petizione popolare, si tiene sabato un sit per chiedere l’istituzione del Parco archeologico Fiumicino Ostia antica
Appia antica, il parco che non c’è
Archeologia a rischio
Ministero ed enti locali discutono su come tutelare la strada romana concepita a due sensi. In attesa di un accordo vengono violati i vincoli. Anche quelli paesaggistici.
Veduta con Fori
Archeologia negata a Roma
Un progetto per il recupero dei Fori Imperiali: il più importante complesso archeologico del mondo spaccato in due da un incongruo nastro d’asfalto voluto da Mussolini.
La Roma invisibile
Archeologia negata
Elenco ragionato del patrimonio monumentale della capitale che visitatori e turisti difficilmente potranno vedere perché “provvisoriamente” chiusi o eccezionalmente aperti.
Stop all’affitto e il museo statale chiude
Beni artistici negati
Spending review. Il ministero per i Beni culturali sospende il pagamento dell’affitto a una società del ministero dell’Economia e il Museo Nazionale dell’Alto Medioevo di Roma chiude i battenti.
I volontari dei monumenti
Patrimonio artistico a rischio
“Non siamo in grado di tutelare i monumenti”. A Pisa le istituzioni pubbliche si arrendono e aprono le porte ai volontari suscitando le ire delle associazioni professionali.
Stato di calamità (permanente)
Beni artistici a rischio
A Volterra crollano le mura antiche, in Calabria rischia di essere sommerso il Parco archeologico Paolo Orsi. Come nel Belpaese la pioggia può spazzare via il patrimonio artistico.
Con la cultura si mangia (non in Italia)
Patrimonio artistico
Il Guggenheim di Bilbao ha creato 6 mila posti di lavoro e incassa 274 milioni annui. A Lens decolla la succursale del Louvre con una mostra sugli etruschi di Cerveteri. Il British Museum fa il boom di incassi con un documentario su Pompei. Anche gli arabi puntano sui musei di nuova generazione. E l’Italia?
Ciampino, abitazioni con vista (archeologica)
Archeologia a rischio
Un progetto immobiliare pari a un intero quartiere potrebbe essere realizzato a pochi passi dalla villa di Valerio Messalla Corvino, una delle maggiori scoperte archeologiche degli ultimi anni.

Ostia, ma che bel castello
Patrimonio archeologico negato
Uno dei manieri più spettacolari dell’Italia centrale, esempio unico di architettura militare rinascimentale, in ottimo stato di conservazione è visitabile (gratuitamente) solo da 60 persone a settimana. Prosegue il viaggio di Golem tra i tesori archeologici negati.
Ostia, che scempio!
Patrimonio archeologico negato
Restauri in perenne attesa di completamento, muri a rischio crollo, erba e acqua sui mosaici, tasselli e intarsi raccolti e portati via dai turisti come souvenir: visita guidata a Ostia antica. Prosegue il viaggio di Golem tra i tesori archeologici a rischio.
Il valore della cultura
Assunzioni ai Beni culturali
Il Mibact pubblica un bando per 500 “giovani” laureati a cui offre un tirocinio sottopagato suscitando le proteste di tutte le associazioni di categoria: “Due milioni e mezzo di euro sprecati”. (english version)
L’Ara Pacis della discordia
Roma, monumenti allagati
La copertura non regge all’impeto della pioggia e il monumento augusteo finisce in ammollo. Stessa sorte per le fondamenta del Tempio di Giove e la sala degli Orazi e Curiazi dove nel 1957 furono firmati i Trattati di Roma e nel 2004 fu sottoscritta la Costituzione per l’Europa.
Il litorale (perduto) dei romani
Patrimonio archeologico negato
Un patrimonio immenso e unico, negato ai visitatori, ignorato dai turisti. Come perdere un’opportunità di rilancio e favorire l’incuria. Prosegue il viaggio di Golem tra i tesori archeologici a rischio.
Cerveteri, i banditi della Banditaccia
Patrimonio artistico negato
Definita dall’Unesco “una testimonianza unica ed eccezionale dell’antica civiltà etrusca”, la necropoli più estesa del Mediterraneo in balìa di furti, saccheggi e incuria potrebbe rinascere. Prosegue il viaggio di Golem nell’Italia archeologica a rischio.

Umbria, curia, affari e rovine
Beni artistici negati
A Narni il Castello di San Girolamo (pronto per diventare albergo di lusso) finisce sotto sequestro. A Perugia un bassorilievo di Canova in pezzi durante il trasferimento dall’Accademia di Belle Arti. Prosegue il viaggio di Golem nel patrimonio artistico negato.

Valle d’Aosta. Gli archeoritardi
Beni artistici negati

La realizzazione del Parco di Saint Martin de Corléans, una delle più importanti testimonianze archeologiche dell’età preistorica in Italia, va avanti da 40 anni. Storia di un guinness, fra sprechi, errori di progettazione, ritardi e mancanza di fondi. Prosegue l’inchiesta di Golem sul patrimonio artistico negato.

Colosseo in (eterna) attesa di restauro
Archeologia negata
Cade a pezzi a causa di traffico, vibrazioni, sbalzi di temperatura e scarsa manutenzione. Due anni fa Tod’s ne ha sponsorizzato il recupero con 25 milioni di euro, ma tra ritardi burocratici e ricorsi i lavori non sono ancora iniziati. Prosegue il viaggio di Golem nei beni artistici a rischio.
Emilia Romagna, il patrimonio crollato
Beni culturali
A poco più di un anno dal terremoto che ha colpito le province di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia si procede al recupero di oltre duemila immobili di valore artistico. Trasferite tele, sculture e reperti. Numerosi i preziosi in attesa di restauro. Prosegue il viaggio di Golem nei beni artistici italiani.
Gorizia, ascensore per il castello
Beni culturali
Raddoppiano i costi, si allungano i tempi (15 anni già trascorsi) per la realizzazione di un’opera che rischia di diventare a grosso impatto ambientale in un’area archeologica ancora da valorizzare. Prosegue il viaggio di Golem nel patrimonio artistico negato.
Trieste e le rane (vere) di Aristofane
Beni artistici abbandonati
Il Teatro romano invaso dai rumorosi anfibi; il parco e il castello di Miramare in pieno declino tra erbacce e acqua stagnante al punto da indurre il discendente dalla casa d’Asburgo in una recente visita a dichiarare: “La situazione si commenta da sé”.
L’arte ritrovata
Mostra di reperti trafugati
Castel Sant’Angelo a Roma ospita una mostra di capolavori archeologici recuperati dopo essere stati trafugati. Ottantamila gli oggetti sequestrati lo scorso anno dai carabinieri della Tutela del patrimonio culturale, per un valore di oltre 150 milioni di euro.
Piemonte, archeologia ad alta velocità
Scavi in Val di Susa
Smantellati il Museo e il sito di Chiomonte per ospitare un cantiere della linea ferroviaria Torino-Lione. Tra tombe e reperti anche i cingolati delle forze dell’ordine. Un gruppo di studiosi lancia la Carta archeologica online per monitorare e archiviare il patrimonio artistico regionale.
Aci, soccorso archeologico
Archeologia negata in Sicilia
I responsabili dei Beni culturali sopprimono quattro parchi nel Catanese. In attesa di un Piano Territoriale, i provvedimenti si basano su norme temporanee scadute. L'assessore regionale archeologa in controtendenza approva i Parchi di Selinunte e Segesta. Prosegue il viaggio di Golem nel patrimonio artistico negato.
Siracusa, il dramma del teatro Greco
Musei restaurati e chiusi

Musei aperti ma senza reperti, musei restaurati, inaugurati e subito dopo richiusi, torri saracene cadenti, parchi archeologici invasi dalle erbacce e privi di manutenzione, aspiranti soprintendenti dell’Inda bocciati e riciclati. Prosegue l’inchiesta di Golem nel patrimonio artistico negato.

Catania, parchi archeologici a rischio
La guerra dell'archeologia
Potrebbero essere soppressi quelli del sito greco-romano, delle Aci, del Calatino e del Simeto. La proposta è del sovrintendente, mentre la nuova giunta regionale lavora a un piano di rilancio. Prosegue l’inchiesta di Golem sul patrimonio negato.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni