Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Archeologia negata

Colosseo in (eterna) attesa di restauro

31 Luglio 2013 di 

Cade a pezzi a causa di traffico, vibrazioni, sbalzi di temperatura e scarsa manutenzione. Due anni fa Tod’s ne ha sponsorizzato il recupero con 25 milioni di euro, ma tra ritardi burocratici e ricorsi i lavori non sono ancora iniziati. Prosegue il viaggio di Golem nei beni artistici a rischio.

Colosseo in (eterna) attesa di restauro

“Tod’s spa si impegna a finanziare la realizzazione del Piano degli Interventi mettendo a disposizione una somma in denaro omnicomprensiva pari a 25 milioni di euro. Il pagamento del contributo sarà erogato alle imprese appaltatrici sulla base degli stati di avanzamento lavori approvati dal Commissario delegato e dalla Soprintendenza”. Il 21 gennaio 2011 viene firmata e resa pubblica l'intesa tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il patron di Tod's, Diego Della Valle, per dare il via ai lavori di restauro del Colosseo. Il 20 giugno 2011 il contratto viene registrato e quindi reso operativo. Oggi, a più di due anni di distanza, i restauri non sono ancora iniziati.


Il Piano degli interventi relativo al Colosseo è promosso dal Commissario delegato per le aree archeologiche di Roma e Ostia Antica d'intesa con la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma. Nel maggio 2010  il Mibac e il Comune di Roma hanno condiviso la scelta di ricorrere alla sponsorizzazione per renderne possibile la realizzazione. Al termine dei lavori è previsto un incremento del 25% della superficie visitabile. L’intervento è stato programmato a seguito di alcuni crolli verificatisi nel monumento, tra i quali grande preoccupazione ha destato quello dei tre frammenti di intonaco staccatisi da uno degli ambulacri a piano terra. Traffico, vibrazioni, sbalzi di temperatura e scarsa manutenzione sono le principali cause del degrado. La procedura di sponsorizzazione è stata avviata il 4 agosto 2010 con la pubblicazione di un bando e ha previsto come termine per la presentazione delle proposte il 30 ottobre 2010. Dato che la gara si è conclusa con proposte “non appropriate”, è stata avviata una fase di trattativa che ha consentito di stipulare un contratto per il finanziamento dei lavori con la Tod's SpA. L'imprenditore si è impegnato a versare 25 milioni di euro per finanziare gli otto ambiti di lavoro previsti dal Piano degli Interventi elaborato dal Commissario delegato per La realizzazione degli interventi urgenti nelle aree archeologiche di Roma e Ostia antica, l'architetto Roberto Cecchi, che ha controfirmato l’accordo insieme a Anna Maria Moretti, allora Soprintendente speciale per i beni archeologici di Roma. Nella tabella sono riportati gli importi stimati per ciascun ambito:

Descrizione

Importo stimato netto

A.1
Restauro del Prospetto settentrionale

€ 5.165..000,00

A.2
Restauro del Prospetto meridionale

€ 1.936.000,00

A.3
Sostituzione delle chiusure dei fornici del I ordine con cancellate

€ 1.680.000,00

 

 

Descrizione

Calcolo sommario della spesa

B.1
Ambulacri (I e II), revisione e restauro

€ 7.000.000,00  ca

B.2
Ipogei, revisione, restauro e consolidamento

€ 4.500.000,00 ca

C.1
IMPIANTI

€ 900.000,00 ca

C.2
ILLUMINAZIONE

Da definire a seguito del compimento del progetto sul Foro Romano

D.1
CENTRO SERVIZI

€ 2.500,00/mq



Colosseo 2Ricorsi e carte da bollo
All’indomani del contratto, il Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) si è rivolto all’Autorità per la concorrenza, chiedendo di «pronunciarsi in merito alla correttezza della procedura che ha portato ad affidare la sponsorizzazione dell’Anfiteatro Flavio al gruppo guidato da Diego Della Valle». A gennaio 2012, esattamente a un anno dall’accordo, l’Antritrust ha inviato una segnalazione a Roberto Cecchi in cui si dichiara che "lo sponsor deve assumersi la responsabilità del completamento dell’attività di progettazione e direzione dei lavori, il coordinamento della sicurezza, l’appalto a terzi o l’esecuzione diretta dei lavori, anche mediante imprese esecutrici dei lavori. L’accordo, invece, prevede il mero finanziamento dell’opera, che si risolve nella semplice messa a disposizione di una somma di denaro, a fronte della possibilità di avvalersi dei diritti di sfruttamento dell’immagine del Colosseo". Si fa notare inoltre che l’accordo prevede una durata del periodo di sfruttamento dei diritti ben superiore ai limiti introdotti dall’Avviso, pari a due anni. Non sarebbero state infine rispettate le norme sulla concorrenza dal momento che le autorità competenti avrebbero analizzato poche offerte, optando per “una procedura negoziata, svoltasi interpellando un numero molto limitato di soggetti, che ha causato una restrizione concorrenziale e quindi non ha permesso all’amministrazione appaltante di beneficiare di un’offerta più vantaggiosa”. Insomma il ricorso alla procedura negoziata, senza aver dato inoltre adeguata pubblicità alla possibilità di fare ricorso alla mera sponsorizzazione finanziaria, non avrebbe rispettato i principi comunitari di trasparenza, par condicio e tutela della concorrenza. L’Antitrust fa notare che l’amministrazione appaltante, una volta ricevuta la proposta del gruppo Tod’s, ha stabilito che gli altri soggetti interessati avrebbero potuto consegnare le loro offerte entro 48 ore. Una scadenza così imminente non ha permesso una reale concorrenza tra i soggetti. Il dubbio è che si sia cercato di non dar tempo ad Colosseo 1altri di presentare offerte migliori. Al Commissario delegato è stato quindi chiesto di illustrare entro 60 giorni le iniziative adottate in relazione alle problematiche evidenziate. Ebbene, dopo i chiarimenti forniti, l’Antitrust ha dato il via libera al contratto dal momento che "la procedura ad evidenza pubblica condotta nella prima fase ha rispettato i principi di trasparenza, par condicio e tutela della concorrenza concludendosi con due offerte giudicate inappropriate e dunque non accettate. Ciò ha determinato il passaggio alla successiva fase di procedura negoziata, scelta che appare ragionevole alla luce del fatto che la precedente gara pubblica non aveva raggiunto lo scopo". Anzi si raccomanda di adottare la “nuova procedura” per eventuali nuove sponsorizzazioni.
A luglio 2012 arriva anche la sentenza del ricorso al Tar del Lazio presentato dallo stesso Codacons sempre contro l’appalto di sponsorizzazione. Il Tribunale respinge il ricorso, giudicandolo non ammissibile e chiarendo che “la legittimazione sussiste ove i provvedimenti che si impugnano abbiano effettivamente leso un interesse collettivo dei consumatori e degli utenti, la cui tutela viene assunta dalla relativa associazione”. L’associazione dei consumatori fa subito appello al Consiglio di Stato. Trascorrono tre mesi dall’ultima udienza e finalmente arriva la sentenza che boccia il ricorso. I lavori però ancora non partono.


Il contenzioso fra privati
A mancare è anche la decisione legata al contenzioso tra la società Gherardi, vincitrice dell’appalto della prima tranche di lavori del valore di circa 8 milioni di euro, e la ditta Lucci, seconda classificata. Eppure a febbraio il Tar aveva dato il via libera ai lavori, respingendo il ricorso della Lucci e accogliendo il contro ricorso della Gherardi che, aggiudicatasi l’appalto, si era vista escludere per la mancata presentazione di una parte della documentazione richiesta. I lavori sarebbero dovuti partire a maggio e invece è ancora tutto fermo. Si sono susseguiti ricorsi, la richiesta di Diego Vaiano, avvocato della Lucci, di sospensiva avanzata e il rifiuto da parte dei giudici per i quali è necessario dare “prevalenza agli interessi pubblici inerenti alla celere realizzazione delle opere oggetto della procedura di gara”. L’ultima udienza si è svolta il 18 giugno.

Sponsorizzazioni private, istruzioni per l’uso
Insomma ancora è fermo un progetto che sta suscitando l’interesse mondiale perché riguarda la sopravvivenza del monumento simbolo della romanità, che nel frattempo ha continuato a perdere pezzi: se un anno e mezzo fa un frammento è finito davanti l’arco di Costantino, a gennaio alcuni frammenti d’intonaco si sono staccati da una delle volte. Il più grande è largo una ventina di centimetri.
Proprio a gennaio, a seguito dei numerosi ricorsi, polemiche e norme poco chiare, l’allora ministro Ornaghi ha firmato le linee guida da seguire da soprintendenze e amministrazioni pubbliche per accettare sponsorizzazioni: dovrà essere indetta una gara pubblica per ogni sponsorizzazione superiore a 40 mila euro e che preveda un intervento sul bene; Mibac, Ministero delle infrastrutture e Authority per i contratti pubblici dovranno redigere i modelli di bando; le soprintendenze dovranno stilare piani triennali con l’elenco dei beni per i quali si richiede un intervento privato e dovranno cercare lo sponsor; il valore economico del vantaggio sarà calcolato anche in base all’importanza e alla fama del bene; i cartelloni pubblicitari non dovranno offuscare la dignità del bene. Gli sponsor potranno scegliere di finanziare l’intervento, o di farsi carico anche del progetto e dei lavori, o scegliere una formula mista.


Colosseo 3Fori imperiali, pedonalizzazione e Metro C
Il Colosseo è al centro di un’altra polemica relativa alla pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali e dell’area dell’Anfiteatro, un provvedimento per preservare i monumenti dall’inquinamento ed evitare le sollecitazioni da mezzi pesanti. La riduzione del traffico è da tempo richiesta da Legambiente che, dopo aver stimato a poco più di 2 mila i veicoli che ogni ora si riversano sulla via, a gennaio ha organizzato una manifestazione presentando una petizione internazionale a sostegno della delibera per la pedonalizzazione che, pur sottoscritta da 6400 romani, da circa tre mesi “giace dentro i cassetti del Campidoglio”. Questa proposta è stata appoggiata dal candidato sindaco Ignazio Marino che in campagna elettorale ha promesso “la pedonalizzazione in 100 giorni”. Una volta eletto ha mantenuto la promessa presentando un piano che prevede la chiusura della strada a tutti i mezzi privati: “Il 14 agosto farò l'ultimo giro con la mia Panda rossa su via dei Fori poi ci tornerò con la mia bici”. Rossella Rea, direttrice del Colosseo, ha riferito che l’approvazione è stata unanime e ha aggiunto che il provvedimento deve essere l’occasione per riqualificare tutta l’area archeologica centrale, afflitta da abusivismo commerciale e da manifestazioni non culturali. L’intento è quello di interdire il passaggio anche ai bus turistici. “È tempo di fare dell’area archeologica di Roma un’eccellenza mondiale, così come è stato fatto ad Atene. Si potrebbe approfittare dei lavori della metro C per scavare il tempio della Pace che per il 70% giace ancora nascosto sotto la via. Un foro importante perché conservava il bottino della presa di Gerusalemme e la pianta marmorea di Roma, ospitava una biblioteca e forse una scuola medica”. Parallelamente al restauro del Colosseo si potrebbe riqualificare lo spazio circostante, oggi “troppo piccolo per ospitare i 17mila turisti che ogni giorno visitano il monumento e che già nell’antichità aveva una destinazione pedonale. Dal passato ancora una volta potremmo prendere spunto per il futuro”. La Rea ipotizza un’area di servizio con pannelli didattici, indicazioni su prezzi, visite e orari utili per evitare il bagarinaggio.

Colosseo 4 intSette anni di lavoro. Turisti a rischio
I lavori della tratta T3 della metro C, circa tre chilometri tra la stazione San Giovanni e via dei Fori Imperiali, sono infatti iniziati a metà aprile tra polemiche e denunce. Il costo complessivo è di 792 milioni di euro, mentre per la realizzazione delle opere saranno necessari 84 mesi di lavoro, ossia 7 anni. Le accuse  mosse dall’associazione Italianostra,  circa i danni irreversibili che i lavori causerebbero al monumento sia sul fronte stabilità, dato che “i terreni di riporto potrebbero cedere e trascinarlo a terra”, sia relativo allo smog, sono stati smentiti dal Soprintendete capitolino Umberto Broccoli, il quale ha spiegato che il progetto è stato approvato dal Mibac nel 2009 dopo aver progettato tutte le misure di sicurezza sui monumenti coinvolti. La reale preoccupazione è che il flusso turistico ne risenta. Secondo uno studio fatto stilare dalla Soprintendenza, l’introito annuo del Colosseo è di 35 milioni di euro. Per questo la Rea ha chiarito che “se ci sarà un decremento di flussi turistici, l'ente appaltante, che è il comune di Roma, ci dovrà risarcire".
Intanto l’8 luglio Marino ha annunciato la possibile partenza del restauro del Colosseo nel giro di pochi giorni. Carlo Rienzi, presidente del Codacons, ha subito dichiarato che “Marino farebbe meglio ad aspettare la sentenza del Consiglio di Stato, a meno che non abbia avuto rassicurazioni a riguardo. E comunque sia le decisioni dei giudici potranno essere impugnate sia per revocazione che per Cassazione”.
Insomma, se i lavori per la pedonalizzazione sono già stati avviati, tanto che per sabato 3 agosto ne è prevista l’inaugurazione, sul fronte restauro vige ancora l’incertezza. La dichiarazione di Marino, rilasciata in questi giorni, di aver consegnato “le aree adiacenti al Colosseo alla Soprintendenza speciale” apre uno spiraglio alla possibilità che i lavori partano entro l’estate e che quindi non si aspetti la decisione dei giudici. Impedimenti di carattere organizzativo all’inizio del restauro non ce ne sono, dal momento che la Rea ha dichiarato che “la Soprintendenza ha espletato le pratiche tecniche e amministrative necessarie. Noi siamo pronti dal 1 luglio tuttavia è necessario avere la certezza che entrambe le sentenze siano favorevoli”. La scelta è se aspettare gli interminabili tempi della giustizia italiana o se dare avvio a due iniziative importanti per incentivare la costruzione della “più grande area archeologica del mondo”.


(18 / Continua. Le precedenti puntate sono leggibili negli articoli correlati)

© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

La Barcaccia dei rifiuti olandesi
L'arte dei vandali
Come fingersi tifosi, danneggiare opere d’arte (e non solo) e cavarsela a buon mercato. Senza pagare le spese.
I lavoratori (donatori) della cultura
Beni culturali & lavoro
Il turismo culturale in Italia genera un volume di affari da un miliardo di euro che potrebbe essere incrementato. Governo e Comune di Roma però non investono e cercano di risparmiare sugli stipendi puntando sui volontari. La protesta di archeologi e professionisti del settore.
I tesori di Roma s’involano per l’America
Lavoro e archeologia negata
Gli archeologi (e non solo) contestano il sindaco della capitale che firma un accordo per trasferire, far studiare e catalogare centomila reperti archeologici inediti alle università statunitensi.

ArtBonus? Ai turisti, non agli studiosi
Il decreto delle polemiche
Nei musei e nei siti archeologici del Belpaese è ora possibile fotografare. Anche con i cellulari. Il decreto approvato di recente esclude però gli studenti e i ricercatori: per loro le riproduzioni hanno sempre un costo.
Per Ostia antica: tutti giù per terra
Archeologia negata
Dopo una petizione popolare, si tiene sabato un sit per chiedere l’istituzione del Parco archeologico Fiumicino Ostia antica
Appia antica, il parco che non c’è
Archeologia a rischio
Ministero ed enti locali discutono su come tutelare la strada romana concepita a due sensi. In attesa di un accordo vengono violati i vincoli. Anche quelli paesaggistici.
Veduta con Fori
Archeologia negata a Roma
Un progetto per il recupero dei Fori Imperiali: il più importante complesso archeologico del mondo spaccato in due da un incongruo nastro d’asfalto voluto da Mussolini.
La Roma invisibile
Archeologia negata
Elenco ragionato del patrimonio monumentale della capitale che visitatori e turisti difficilmente potranno vedere perché “provvisoriamente” chiusi o eccezionalmente aperti.
Stop all’affitto e il museo statale chiude
Beni artistici negati
Spending review. Il ministero per i Beni culturali sospende il pagamento dell’affitto a una società del ministero dell’Economia e il Museo Nazionale dell’Alto Medioevo di Roma chiude i battenti.
I volontari dei monumenti
Patrimonio artistico a rischio
“Non siamo in grado di tutelare i monumenti”. A Pisa le istituzioni pubbliche si arrendono e aprono le porte ai volontari suscitando le ire delle associazioni professionali.
Stato di calamità (permanente)
Beni artistici a rischio
A Volterra crollano le mura antiche, in Calabria rischia di essere sommerso il Parco archeologico Paolo Orsi. Come nel Belpaese la pioggia può spazzare via il patrimonio artistico.
Con la cultura si mangia (non in Italia)
Patrimonio artistico
Il Guggenheim di Bilbao ha creato 6 mila posti di lavoro e incassa 274 milioni annui. A Lens decolla la succursale del Louvre con una mostra sugli etruschi di Cerveteri. Il British Museum fa il boom di incassi con un documentario su Pompei. Anche gli arabi puntano sui musei di nuova generazione. E l’Italia?
Ciampino, abitazioni con vista (archeologica)
Archeologia a rischio
Un progetto immobiliare pari a un intero quartiere potrebbe essere realizzato a pochi passi dalla villa di Valerio Messalla Corvino, una delle maggiori scoperte archeologiche degli ultimi anni.

Ostia, ma che bel castello
Patrimonio archeologico negato
Uno dei manieri più spettacolari dell’Italia centrale, esempio unico di architettura militare rinascimentale, in ottimo stato di conservazione è visitabile (gratuitamente) solo da 60 persone a settimana. Prosegue il viaggio di Golem tra i tesori archeologici negati.
Ostia, che scempio!
Patrimonio archeologico negato
Restauri in perenne attesa di completamento, muri a rischio crollo, erba e acqua sui mosaici, tasselli e intarsi raccolti e portati via dai turisti come souvenir: visita guidata a Ostia antica. Prosegue il viaggio di Golem tra i tesori archeologici a rischio.
Il valore della cultura
Assunzioni ai Beni culturali
Il Mibact pubblica un bando per 500 “giovani” laureati a cui offre un tirocinio sottopagato suscitando le proteste di tutte le associazioni di categoria: “Due milioni e mezzo di euro sprecati”. (english version)
L’Ara Pacis della discordia
Roma, monumenti allagati
La copertura non regge all’impeto della pioggia e il monumento augusteo finisce in ammollo. Stessa sorte per le fondamenta del Tempio di Giove e la sala degli Orazi e Curiazi dove nel 1957 furono firmati i Trattati di Roma e nel 2004 fu sottoscritta la Costituzione per l’Europa.
Il litorale (perduto) dei romani
Patrimonio archeologico negato
Un patrimonio immenso e unico, negato ai visitatori, ignorato dai turisti. Come perdere un’opportunità di rilancio e favorire l’incuria. Prosegue il viaggio di Golem tra i tesori archeologici a rischio.
Cerveteri, i banditi della Banditaccia
Patrimonio artistico negato
Definita dall’Unesco “una testimonianza unica ed eccezionale dell’antica civiltà etrusca”, la necropoli più estesa del Mediterraneo in balìa di furti, saccheggi e incuria potrebbe rinascere. Prosegue il viaggio di Golem nell’Italia archeologica a rischio.

Umbria, curia, affari e rovine
Beni artistici negati
A Narni il Castello di San Girolamo (pronto per diventare albergo di lusso) finisce sotto sequestro. A Perugia un bassorilievo di Canova in pezzi durante il trasferimento dall’Accademia di Belle Arti. Prosegue il viaggio di Golem nel patrimonio artistico negato.

Valle d’Aosta. Gli archeoritardi
Beni artistici negati

La realizzazione del Parco di Saint Martin de Corléans, una delle più importanti testimonianze archeologiche dell’età preistorica in Italia, va avanti da 40 anni. Storia di un guinness, fra sprechi, errori di progettazione, ritardi e mancanza di fondi. Prosegue l’inchiesta di Golem sul patrimonio artistico negato.

Colosseo in (eterna) attesa di restauro
Archeologia negata
Cade a pezzi a causa di traffico, vibrazioni, sbalzi di temperatura e scarsa manutenzione. Due anni fa Tod’s ne ha sponsorizzato il recupero con 25 milioni di euro, ma tra ritardi burocratici e ricorsi i lavori non sono ancora iniziati. Prosegue il viaggio di Golem nei beni artistici a rischio.
Emilia Romagna, il patrimonio crollato
Beni culturali
A poco più di un anno dal terremoto che ha colpito le province di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia si procede al recupero di oltre duemila immobili di valore artistico. Trasferite tele, sculture e reperti. Numerosi i preziosi in attesa di restauro. Prosegue il viaggio di Golem nei beni artistici italiani.
Gorizia, ascensore per il castello
Beni culturali
Raddoppiano i costi, si allungano i tempi (15 anni già trascorsi) per la realizzazione di un’opera che rischia di diventare a grosso impatto ambientale in un’area archeologica ancora da valorizzare. Prosegue il viaggio di Golem nel patrimonio artistico negato.
Trieste e le rane (vere) di Aristofane
Beni artistici abbandonati
Il Teatro romano invaso dai rumorosi anfibi; il parco e il castello di Miramare in pieno declino tra erbacce e acqua stagnante al punto da indurre il discendente dalla casa d’Asburgo in una recente visita a dichiarare: “La situazione si commenta da sé”.
L’arte ritrovata
Mostra di reperti trafugati
Castel Sant’Angelo a Roma ospita una mostra di capolavori archeologici recuperati dopo essere stati trafugati. Ottantamila gli oggetti sequestrati lo scorso anno dai carabinieri della Tutela del patrimonio culturale, per un valore di oltre 150 milioni di euro.
Piemonte, archeologia ad alta velocità
Scavi in Val di Susa
Smantellati il Museo e il sito di Chiomonte per ospitare un cantiere della linea ferroviaria Torino-Lione. Tra tombe e reperti anche i cingolati delle forze dell’ordine. Un gruppo di studiosi lancia la Carta archeologica online per monitorare e archiviare il patrimonio artistico regionale.
Aci, soccorso archeologico
Archeologia negata in Sicilia
I responsabili dei Beni culturali sopprimono quattro parchi nel Catanese. In attesa di un Piano Territoriale, i provvedimenti si basano su norme temporanee scadute. L'assessore regionale archeologa in controtendenza approva i Parchi di Selinunte e Segesta. Prosegue il viaggio di Golem nel patrimonio artistico negato.
Siracusa, il dramma del teatro Greco
Musei restaurati e chiusi

Musei aperti ma senza reperti, musei restaurati, inaugurati e subito dopo richiusi, torri saracene cadenti, parchi archeologici invasi dalle erbacce e privi di manutenzione, aspiranti soprintendenti dell’Inda bocciati e riciclati. Prosegue l’inchiesta di Golem nel patrimonio artistico negato.

Catania, parchi archeologici a rischio
La guerra dell'archeologia
Potrebbero essere soppressi quelli del sito greco-romano, delle Aci, del Calatino e del Simeto. La proposta è del sovrintendente, mentre la nuova giunta regionale lavora a un piano di rilancio. Prosegue l’inchiesta di Golem sul patrimonio negato.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni