Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

I vendicatori

Avengers Assemble!

21 Giugno 2013 di 

C’è la vendetta sana che serve a evitare la rassegnazione e quella figlia della rabbia, della sofferenza o della convinzione di aver subito un’ingiustizia. Come controllare la vendetta e come vincerla.

Avengers Assemble!
E’ inutile nasconderlo, la vendetta è un desiderio che si è innescato almeno una volta in ognuno di noi, tanto è vero che in psicologia viene spesso considerata un’emozione primaria, probabilmente legata all’istinto di sopravvivenza.

Bisogna però notare che il più delle volte l’uomo non è in grado di stabilire razionalmente cosa lo porti a sopravvivere, trovandosi spesso in deterioranti circoli viziosi. Uno di questi circoli viziosi è l’eterna ricerca dell’equilibrio: l’equilibrio sembra essere per l’uomo fonte di sicurezza, è nella sua ricerca che si innesca la vendetta.
Ma di vendette ne esistono diversi tipi, e non sempre possiamo decretare a priori se questa sia giusta o sbagliata, del resto se realmente nasce da un istinto di sopravvivenza una giusta dose e un corretto utilizzo potrebbero essere necessari.
Per comprendere con maturità i pregi e limiti di questo desiderio bisogna per prima cosa descrivere il percorso mentale che fa scaturire questo desiderio, le diverse motivazioni sottostanti e i suoi sottotipi.

Il percorso mentale che porta alla vendetta
Il processo della vendetta inizia con una esperienza negativa (reale o immaginaria),dovuta asofferenza, perdita di qualcosa, o mancata gratificazione dei propri bisogni, la cui causa è attribuita a terzi. Questo provoca nell’individuo la sensazione di aver subito ingiustizia da parte di altri, di fronte a tale sensazione il soggettosente un senso di frustrazione crescente che si trasforma in rabbia verso l’oggetto ritenuto responsabile dell’esperienza negativa: è da tale rabbia che viene prodotto il desiderio di vendetta. La rabbia nei confronti degli altri è prerogativa indispensabile perché nasca la vendetta, le persone piene di rabbia saranno quindi quelle tendenzialmente più vendicative.
Nascendo dalla rabbia, i modi in cui viene espressa la vendetta sarà da questa derivata, ma si adatterà allo stile caratteriale della persona o ai suoi disturbi di personalità, cosi avremo la collera esplosiva, il ritiro dal mondo, il risentimento rabbioso (tipico del paranoico, il quale soffre di veri e propri deliri di vendetta), il distacco e la rigidità verso gli altri.
Qualsiasi sia il modo di attuarla, con collera, con distacco o con il silenzio, gli individui attraverso la vendetta cercano di ottenere diversi effetti, quelli più comuni sono: regolare i conti seguendo la legge del taglione; provocare sofferenza così da far comprendere il proprio dolore (questa motivazione nasconde un tentativo di riconciliazione in seguito a un torto subito o immaginato); tentare di impartire un messaggio educativo basato sul castigo; provocare un condizionamento operante su stimolo punitivo o privazione.

“Tell me why”
Dalle esperienze negative che causano il desiderio di vendetta possiamo individuarne delle categorie specifiche:
- Vendetta dovuta a sofferenza; il soggetto soffre o ha sofferto e ritiene che questa sofferenza sia causata da terzi, decide di provocare la stessa sofferenza a chi ritiene responsabile, per ritrovare equilibrio godendo del male inflitto oppure per comunicare il proprio disagio in modo concreto.
- Vendetta dovuta a mancata gratificazione o alla sensazione di aver subito un torto; il soggetto sente di non essere trattato come meriterebbe, o di subire torti da parte degli altri, sente quindi mancare l’equilibrio tra ciò che crede di essere e come viene trattato, per tal motivo cerca di trattare male coloro che ritiene responsabili di questo disagio, mettendo in atto ripicche o cercando di regolare i conti.
- Vendetta dovuta a disonore (perdita dell’onore); il soggetto ha la sensazione di aver subito una mancanza di rispetto, spesso in un contesto pubblico o sociale, in questo caso la sua vendetta è funzionale alla riconquista della rispettabilità messa in gioco, dando prova pubblica del fatto che non conviene mettersi contro di lui. Molte volte questa mancanza di rispetto è solo immaginata dal soggetto, o non trova utilità alcuna la sua rivendicazione, come accade nelle questioni così dette di principio.
Vi sono altri due tipi di vendetta che andrebbero presi in considerazione, ovvero:
- La vendetta di massa; il soggetto sente di aver subito più di un sopruso e da più persone, mette quindi in atto una vendetta di massa, essa può essere attuata colpendo casualmente la massa ritenuta responsabile (come nei massacri scolastici: “I don’t like Monday” rispose Brenda Ann Spencer dopo il massacro da lei compiuto nella Bath School del 29 gennaio 1979 avvenuto a San Diego in California); o colpendo se stessi, cercando di provocare sensi di colpa negli altri (esempio classico è il suicidio per sdegno, o la minaccia di attuarlo).
- La vendetta sociale; chiamata giustizia, essa è attuata dallo Stato per difendere i suoi cittadini, ma se messa in atto dal cittadino che ha subìto il torto torna ad essere considerata dallo Stato pura e mera vendetta.

La vendetta sana e quelle insana
La vendetta, come abbiamo visto nell’articolo precedente, provoca un momentaneo senso di piacere nella persona che la attua, raramente questo piacere coincide con una sensazione di appagamento duraturo, il più delle volte viene sostituito da sensazioni di inutilità del gesto, in quanto l’essersi vendicati non ha cambiato le cose; oppure viene rimpiazzato da sensazioni di vuoto interiore che possono essere attenuate solo dalla ricerca di nuove vendette, portando quindi a una sorta di dipendenza.
Eppure la vendetta non nasce come impulso negativo, è legata all’istinto di sopravvivenza, anche se vi sono paradossali casi in cui porta al suicidio. Allora: qual è il lato sano della vendetta?
La vendetta diventa sana quando evita la rassegnazione, ovvero quando evita che si arrivi ad una forma impropria di perdono dove la persona da generosa si tramuta in vittima passiva. Quindi la vendetta può portare talvolta equilibrio nelle interazioni sociali, ciò che diviene importante e che non andrebbe mai perso di vista è una sua dose oculata, cercando di limitare il gusto piacevole della vendetta in favore della sua utilità.
Un altro tipo di vendetta sana è quello che non viene attuata realmente, ma che rimane nel mondo dei sogni, infatti è stato dimostrato che spesso è sufficiente immaginare la vendetta per sentirsi meglio dopo un torto subito, arrivando anche a dimenticare quanto accaduto.
Ma questo va fatto con una sorta di distacco e talvolta di ironia: deve essere un pensiero fugace che una volta creata la sensazione mentale di benessere non venga più richiamato, altrimenti rischia di indurre a rimuginare, e il rimuginare ha il grande potere di rovinare la vita delle persone. Inoltre per casi gravi e continui, immaginare ogni volta di vendicarsi per sopportare la frustrazione rischia di trasformare tale metodo in soluzione fittizia, ci sono infatti casi in cui è meglio agire piuttosto che rimanere in un sogno passivo.
La vendetta diviene quindi insana, così come il suo progettarla, quando diventa elemento quotidiano della propria vita, ovvero quando la persona ogni giorno sente moti di vendetta prodursi in se stesso. Questa condizione fa sospettare oltretutto che non siano gli altri ad avere colpe, ma che la persona dovrebbe meglio comprendere se stessa e i propri limiti, oppure dovrebbe abbandonare certe condizioni di vita.
Ancora: la vendetta è insana quando distrae le persone dalle proprie faccende e dai propri pensieri, occupando buona parte della loro attenzione; è insana quando i piani di vendetta che si elaborano sono sempre più dettagliati, in questi casi può far arrivare all’atto spesso estremo e non certo riparatore; è ovviamente insana quando invece di far diminuire la rabbia e l’aggressività produce un loro aumento; è insana quando invece di concedere alla persone di guardare avanti lega maggiormente al passato; è insana quando il moto vendicativo è sproporzionato rispetto al torto subito o immaginato.

Come vincere la vendetta
Nelle persone più mature il desiderio di vendetta va a scemare per lasciare spazio alla ricostruzione di sé, della propria vita, ritrovando nella propria forza di volontà quanto perduto; altre volte si sostituisce alla consapevolezza di essere i fautori del proprio destino e quindi di aver dato ingiustamente colpa agli altri, altre volte ancora si sviluppa una forma di accettazione di quanto accaduto utile per andare avanti senza subire ulteriore danno oltre quello già sofferto.
Ma sono ben poche le persone che riescono ad agire con tale maturità alle sofferenze, così come spesso le sofferenze sono considerate così forti da non poter perdonare.
Allora come fare per resistere alla sofferenza della vendetta e canalizzarla?
In molti suggeriscono di scrivere lettere ai propri carnefici senza però spedirle, in tal modo ci si potrà liberare dai pensieri che tormentano, infatti paradossalmente spesso si continua a rimuginare proprio perché non si vuole dimenticare il dolore arrecatoci, scriverlo è un modo per fissarlo così da poter smettere di pensarci e tornare ad andare avanti a vivere, e allo stesso tempo scrivere provoca una sensazione liberatoria come se si fossero dette realmente quelle cose alla persona che ci ha arrecato sofferenza.
Altre volte sarebbe sano sputare subito il rospo su chi riteniamo averci fatto del male così da evitare di rimuginarci in futuro, talvolta una litigata può mettere i cuori in pace.
Ovviamente non sempre basta mettere in atto trucchi di questo tipo, il percorso migliore sarebbe quello di lavorare sulla propria persona, maturare o impedire a chiunque di farci male più di quello che già ci è stato fatto, andando avanti, rimboccandoci le maniche.

Ma, come vedremo nel prossimo articolo, esistono altre forme di vendetta più sottili e nascoste, presenti nella vita di tutti i giorni! (fine seconda parte - continua)
Dalila Liguoro
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Dalila Liguoro
Dalila Liguoro
Informazioni sull'autore

Nata a Milano nel 1977, vive e lavora tra Milano e Lainate dove ha aperto due studi di Psicologia e Grafologia. Di matrice interattivo-cognitiva, ha sviluppato la teoria del Ruolo e del Personaggio della quale si serve nei suoi corsi sull'autostima e di geragogia. 
Pioniera delle consulenze online, dedicate a coloro che non possono raggiungere gli studi facilmente.
Specializzata in criminologia; organizza gruppi d'aiuto per chi subisce violenza o convivenze difficili, ed è consulente di studi legali per perizie psicologiche e criminologiche.
Specializzata in grafodiagnosi e successivamente in perizia grafotecnica. Svolge corsi di Grafologia sia per privati che per aziende. Collabora con diversi avvocati e con il tribunale di Milano per il quale è consulente di ufficio.
Collabora con centri culturali e università dedicate agli adulti e alla terza età
Esperta psicologa in ambito sportivo, collabora con diverse palestre, circuiti, organizzazioni sportive e riviste dedicate allo sport.
E' stata presentatrice e autrice di rubriche dedicate alla psicologia e alla grafologia per TeleNBC e Tele Cuore.

http://www.facebook.com/spaziopsichico

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Eliminare lo Iago che è in noi
Combattere l’invidia
Cosa fare ma soprattutto cosa non fare se si vuole imparare a non essere invidiosi e a trasformare l’invidia da negativa in positiva. Come distinguerla dalla gelosia.
E tu di che invidia sei?
Invidiosi e invidiati
C’è l’invidia ostile, quella depressiva e quella emulativa. Ecco il test per scoprire a quale categoria di invidiosi appartieni.
Lo yin e lo yang dell’invidia
Orgoglio e autostima
Chi e cosa invidiamo. Le differenze tra uomo e donna. Il vero amico si vede nel momento… dell’invidia. L’invidia dolorosa e quella costruttiva. Come eliminare l’odio dall’invidia.
La mela e lo specchio
Le origini dell’invidia
L’invidioso dimentica se stesso per concentrarsi sugli altri. Offre mele avvelenate ma finisce per mangiarle egli stesso. Il successo proprio non è gratificante quanto l’insuccesso altrui.
L’invidia di Adamo ed Eva
Dalla gelosia all’invidia
Gene del progresso e vizio capitale. Esaltata dalle società consumistiche, condannata dai buddisti come causa di ostilità. Dalla mela di Paride all’erba del vicino: l’invidia è un sentimento positivo o negativo?
Ricette per i gelosoni
I danni della gelosia
Ecco come sconfiggere il virus della gelosia. Anzitutto bisogna riconoscerla: il vostro partner è depressivo, ansioso, ossessivo o paranoico?
Con un poco di zucchero la gelosia va giù
Tu a che gelosia appartieni?
I gelosi spesso vedono ciò che non esiste. Ecco come cambiare il proprio comportamento e qualche trucco per migliorare la propria autostima ed evitare di consegnare il partner nelle mani del “nemico”.
La medicina contro la gelosia
Tu a che gelosia appartieni?
Depressi, ansiosi e paranoici: la gelosia nuoce gravemente alla salute, oltre che alla vita di coppia. Chi è geloso rovina anche te: digli di smettere. Ecco come fare.
Gelosi si nasce e si diventa
Tu a che gelosia appartieni?
Può essere depressiva, ansiosa, ossessiva o paranoica. Cresce nell’insicurezza ma se impegna per più di un’ora al giorno, la gelosia è patologica. Attenzione a non farla diventare cronica. Ecco come curarla.
L’estate dagli occhi verdi
Vacanze e gelosia
Cosa è la gelosia e a che serve? C’è quella romantica e quella materiale e perfino quella sociale. Le differenze tra la gelosia maschile e quella femminile.
La forza del perdono
Emozione e razionalità
Come imparare a perdonare e perché. La giustificazione il falso perdono e quello costruttivo che ci insegna a non dare tutte le colpe agli altri. Perdonare nella vita di coppia.
Più che la vendetta poté il perdono
Perdonare è potere
Non è sacrificio, non è rinuncia, non è rassegnazione e soprattutto non vuol dire porgere l’altra guancia e nemmeno fiducia: cos’è il perdono? Vendicarsi è sentimentale, perdonare è spietato. E chi non perdona ha problemi di pressione.
Ultimate Avengers
Vendetta e paranoia
Piacevole ma anche pericolosa la vendetta si nasconde nella vita quotidiana. Dalle punizioni alle rivincite sportive. Musa di cinema e letteratura e perfino fonte di saggezza popolare.
Avengers Assemble!
I vendicatori
C’è la vendetta sana che serve a evitare la rassegnazione e quella figlia della rabbia, della sofferenza o della convinzione di aver subito un’ingiustizia. Come controllare la vendetta e come vincerla.
La vendetta: dovere o piacere?
Vendetta e giustizia
Un tempo era un diritto del singolo, oggi è delegata al sistema sociale a tutela della collettività. E si chiama giustizia. Ristabilisce l’equilibrio perduto ma può creare dipendenza.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni