Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Dal nulla al libro: i costi legali

25 Maggio 2012 di 

In Italia l’avvocato rimane sempre sullo sfondo di qualsiasi attività. Succede quando, in un Paese oltremodo litigioso oltre che popolato da furbi, ma che si crede avanzato, non esiste una legislazione chiara che difenda quello che, tra i contraenti, abbia ragione.

Dal nulla al libro: i costi legali
Volete aprire una società? Produrre e vendere libri, mozzarelle o bulloni?
Bravi. Prima tappa della via crucis: il notaio.
Scartoffie, uno studio magari un po’ vecchiotto ma con le caramelline gratis, parcella da urlo: questi gli estremi della vostra esperienza nello studio notarile. Complimenti: avete appena fondato la vostra azienda ma per ora non avete fatto altro che firmare assegni: il notaio, la consulenza del commercialista, parcelle a destra e a manca. E avete appena cominciato.

Da quel drammatico momento, dall’istante, ovvero, in cui avete prima messo la firma sotto le scartoffie, poi sull’assegno, i costi legali rimangono per tutta la durata della (si spera lunga) vita della vostra azienda sullo sfondo della vostra (auguriamo lunga) esistenza.

Perché, come ogni azienda, anche la casa editrice prima o poi ha bisogno dell’intervento di un avvocato. Quando? Vediamo: stesura di un contratto editoriale standard; modifiche ed eccezioni mosse allo stesso; violazioni da parte degli autori o di terzi; plagio dei contenuti di un libro; violazione dei diritti secondari scaturenti dal libro (opere teatrali, cartoni animati, fumetti, magliette…);contratti per la fornitura di grosse quantità di libri; esame del contratto per l’avvio della distribuzione; contratto d’affitto della sede; recupero crediti con i clienti che non onorano gli impegni…

In Italia l’avvocato, e le sue onerose parcelle, rimane sempre sullo sfondo di qualsiasi attività imprenditoriale. Peggio: di qualsiasi rapporto interpersonale. Succede quando, in un Paese oltremodo litigioso oltre che popolato da furbi, ma che si crede avanzato, non esiste una legislazione chiara che difenda quello che, tra i contraenti, abbia ragione.

Facciamo un esempio che ha toccato da vicino molti piccoli editori, negli ultimi due anni: poniamo che un’enorme azienda attiva a mille livelli, vi proponga di vendere i vostri e-book a condizioni accettabili e senza esborsi iniziali; trovate rapidamente l’accordo poiché, tra l’altro, la persona con cui trattate si presenta come persona a modo (e poi è milanese, vuoi mettere? Figurati se un milanese ti viene a fregare…); la persona a modo vi spedisce il contratto, lo leggete, è tutto in regola e glielo rimandate; spedite i vostri primi e-book, che vengono pubblicati e cominciano a vendere; poi improvvisamente questa persona scompare, il contratto debitamente firmato dalla controparte non vi torna indietro, nonostante le vostre ripetute insistenze, costui non risponde più alla posta elettronica e al telefonino e quando chiami il centralino di questa mega azienda prima fanno finta di non conoscere il nome della loro risorsa on line che sta vendendo i tuoi e-book, poi quando se ne ricordano fanno ogni genere di ostruzionismo, fino al fingere di prendere appunti per farti richiamare. Ebbene, questa un non-avvocato la potrebbe definire “truffa”, ma un avvocato vi dirà: “Carissimi, avete ragione, siete stati gabbati ma non ci possiamo fare niente. Loro sono stati più furbi perché non vi hanno rimandato indietro il contratto firmato. E sanno che non gli farete mai causa per pochi libri venduti. E comunque, anche se gliela faceste, se ne riparlerebbe forse tra dieci anni e per allora voi avrete speso mille volte più di quel che forse riavrete. Il mio consiglio è lasciate perdere, la mia parcella è cento euro”. Questa è l’Italia, dunque. E il “merito” è tutto di quei cialtroni strapagati che siedono nel Parlamento della Repubblica italiana e che hanno perso qualsivoglia contatto col Paese reale (che per loro forse è la barca ancorata chissà dove o la pertica per la lap-dance in soggiorno).

Se poi, invece, per puro caso esiste una legge chiara e incontrovertibile che vi dà senz’altro ragione, allora si va a sbattere la testa contro un sistema giudiziario che non sa, può o vuole dare risposte certe e rapide a chi campa del proprio lavoro e non di pubblico e certo stipendio.

Chiunque, dunque, voglia aprire una casa editrice si metta l’anima in pace: l’avvocato, prima o poi, vi servirà. E non è detto che potrà risolvere i vostri problemi. Avere un coniuge o un parente molto stretto attivo nel campo potrebbe rappresentare una svolta non indifferente per il futuro vostro e dei vostri amati libri, almeno sotto il profilo della convenienza e dello sconto sulla parcella…
Luca Leone
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Luca Leone
Luca Leone
Informazioni sull'autore
Giornalista professionista, cofondatore e direttore editoriale della casa editrice Infinito edizioni. Ha scritto o scrive, tra gli altri, per Liberazione, Avvenimenti, Internazionale, Modus Vivendi, Il Venerdì di Repubblica, Popoli e Missione, Medici Senza Frontiere, Galatea, Vita, Misna, Il Cassetto. Ha scritto: - Infanzia negata, Prospettiva edizioni, Roma, 2003; - Il fantasma in Europa. La Bosnia del dopo Dayton tra decadenza e ipotesi di sviluppo, Il Segno dei Gabrielli, Verona, 2004; - Anatomia di un fallimento. Centri di permanenza temporanea e assistenza (a cura di), Sinnos editore, Roma, 2004; - Srebrenica. I giorni della vergogna, Infinito edizioni, Roma, 2005 (seconda edizione, 2007); - Uomini e belve. Storie dai Sud del mondo, Infinito edizioni, 2008; - Bosnia Express, Infinito edizioni, 2010; - Saluti da Sarajevo, Infinito edizioni, 2011.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Dal nulla al libro: i costi fiscali
Complessivamente il carico fiscale annuo si aggira per una piccola azienda italiana tra il 55 e il 60 per cento dell’utile. Quindi non si riesce a reinvestire niente, mentre all’estero investono in ricerca e sviluppo.
Dal nulla al libro: i costi legali
In Italia l’avvocato rimane sempre sullo sfondo di qualsiasi attività. Succede quando, in un Paese oltremodo litigioso oltre che popolato da furbi, ma che si crede avanzato, non esiste una legislazione chiara che difenda quello che, tra i contraenti, abbia ragione.
Dal nulla al libro: i costi di promozione
Tutte le piccole case editrici si trovano a dover fare il massimo con i mezzi che hanno, talvolta per ottenere con immane fatica giusto il minimo, contando soprattutto sul tam tam internettiano e degli eventuali fan dell’autore del momento.
Dal nulla al libro: i costi legati al pagamento dei diritti d’autore
Una volta pubblicata l’opera, c’è il codice Isbn a proteggerla per tutta la durata del contratto stipulato con l’editore. È in questo contratto che l’autore e l’editore devono fissare il compenso derivante dalla cessione del diritto d’autore dal primo al secondo: pubblicazione, riproduzione, trascrizione, rappresentazione, distribuzione, traduzione, elaborazione, vendita vanno adeguatamente regolate nel contratto d’edizione.
Dal nulla al libro: le presentazioni, i costi di viaggio, vitto e alloggio
Ipotizzando anche soltanto 150 euro per ogni iniziativa, se moltiplichiamo questa cifra per una media di 500 eventi all’anno otterremo una spesa mostruosa che nessuno, nemmeno i grandi editori, può permettersi. Ed è improbabile che le vendite dei libri vadano a coprire questi costi.
Dal nulla al libro: i costi di trasporto e di movimentazione
Con il decreto 30 marzo 2010, “Tariffe postali agevolate per l’editoria”, il ministero dello Sviluppo economico insieme al ministero dell’Economia di fatto eliminavano la Tariffa editoriale ridotta per gli editori. Nel volgere di 24 ore l’intera programmazione di budget di migliaia di aziende editoriali italiane veniva sconvolta con un incremento medio del 700 per cento dei costi di spedizione.
Dal nulla al libro: i costi fiscali di magazzino
Un libro rappresenta un potenziale ricavo nel momento in cui la casa editrice investe dei soldi per produrlo e distribuirlo. Proprio per questa ragione lo Stato passa una prima volta a incassare l’Iva, che l’editore paga sì agevolata, ma anticipata, direttamente in tipografia. A fine anno arriva poi, come per tutti, il resto della mazzata, ma non finisce qui.
Dal nulla al libro: i costi di magazzino
Sono legati non solo all’affitto o all’acquisto dello spazio ma anche alla sua messa in sicurezza, alla movimentazione interna dei libri, alle assicurazioni, alle tasse, alla manutenzione e così via.
Dal nulla al libro: i costi di distribuzione
Avere un distributore vuol dire anche dover rinunciare a una percentuale che, a seconda dei contratti, può variare dal 50 al 65 per cento degli incassi di tutto ciò che viene venduto in libreria o sul Web.
Dal nulla al libro: ciò che i lettori (a volte) non sanno
Dai costi redazionali e a quelli amministrativi (di cui già si è parlato) a quelli di distribuzione, a quelli di distribuzione, di magazzino, di trasporto, di viaggio, di promozione per finire con quelli legali, fiscali e di pagamento dei diritti.
Dal nulla al libro: i costi amministrativi e di gestione
La piccola azienda editoriale ha non più di tre, massimo quattro persone attive al suo interno. Che cumulano gli incarichi di amministratore, esattore, responsabile della distribuzione, direttore editoriale, editor, addetto stampa, correttore di bozze, grafico, magazziniere, spedizioniere, amministratore di sistema, amministratore del sito Web e, eventualmente anche uomo o donna delle pulizie.
Dal nulla al libro: i costi interni redazionali
Tra le spese ci sono quelle per l’affitto di sale per la presentazione del volume e i costi di viaggio e alloggio dell’autore. Queste voci sono diventate oramai così pesanti che la maggior parte della piccole e medie case editrici presenta libri solo se l’autore si paga i costi o se viene ospitato dagli organizzatori.
Lei non sa chi sono io… / parte seconda
Casistica (abbastanza) rappresentativa degli aspiranti autori. Da quelli folli a quelli sgangherati.
Lei non sa chi sono io… / parte prima
Categoria a rischio è quella degli autori frustrati, quelli che hanno vinto al primo libro il premio della critica in un concorso bandito in un paesino montano di 21 abitanti.
Gentile editore, le invio in allegato
Come fare per inviare una proposta editoriale a un editore? E quando farlo? Se l’editore non è uno che pubblica solo aps (autori a proprie spese),ogni momento è… sbagliato!
Pubblicate best seller?
Come spiegare ai milioni di aspiranti grandi scrittori italiani che per creare un best seller servono 50-60.000 euro e tanta fortuna? E che per scrivere un buon libro prima bisogna leggerne almeno un centinaio?

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni