Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Separazione: cede tutti i beni all’ex moglie per non pagare i debiti

25 Maggio 2012 di 

Una recente sentenza del tribunale di Roma tenta di fare giustizia per i creditori rimasti a bocca asciutta in caso di cessione fraudolenta delle proprietà.

Separazione: cede tutti i beni all’ex moglie per non pagare i debiti
E’ frequente ormai da qualche tempo il fenomeno dei coniugi i quali, stante il momento di crisi, si rivolgono al tribunale per richiedere la separazione consensuale non perché realmente ritengano di separarsi, ma al solo fine di trasferire, in esenzione di imposta, i beni all’altro coniuge sottraendoli così ai creditori di uno di essi.

Una interessante sentenza del Tribunale di Roma (n. 22875 del 23/11/2011) ha affrontato la questione della possibilità per il creditore di agire con l’azione revocatoria
ex art. 2901 c.c., avverso il trasferimento dei beni operato con la separazione dai coniugi in modo fittizio e fraudolento.
L’utilizzo strumentale della separazione dei coniugi in effetti viene talvolta realizzato nella pratica per ottenere determinati benefici, in alcuni casi lecitamente ed in altri casi meno correttamente.
Capita per esempio che i coniugi attivino la procedura per ottenere le provvidenze previste per le coppie separate dalla legislazione sociale, per passare dal regime di comunione al regime di separazione dei beni, per far risultare il pagamento di un assegno di mantenimento utile ai fini fiscali, per salire nella graduatoria per le coppie disagiate, per trasferire la casa coniugale senza pagare le tasse e per far assegnare, come nel nostro caso, la casa coniugale alla moglie con quanto in essa contenuto, inibendo così i creditori dell’altro coniuge di porre in essere atti di esecuzione sul bene ormai ceduto.

L’INIBIZIONE DELLE AZIONI DEI CREDITORI
Il fenomeno in effetti sta diventando diffuso e d’altra parte non è facilmente eliminabile, apparendo impossibile distinguere, fra le tante separazioni autentiche, quelle meramente strumentali
e anzi talvolta sono gli stessi tecnici del diritto che suggeriscono agli interessati di percorrere tali strade, tenuto anche conto dei costi ridotti delle procedure, comunque di gran lunga inferiori a quelli necessari per opporsi alle azioni dei creditori, siano essi privati, banche, enti pubblici o lo stesso fisco.
Come è noto del resto la legge divorzile 898/70 e successive modifiche, permette, anche nell’ambito della separazione dei coniugi, la cessione dei beni, pur di importo rilevante, da uno all’altro coniuge in totale esenzione di imposte.

AZIONE PER SIMULAZIONE DEL CONIUGE CHE CI RIPENSA
La Corte di Cassazione si è occupata della questione
in varie occasioni sia sotto il profilo della tutela del creditore, sia più raramente allorchè è lo stesso cedente che “ci ripensa”.
Può accadere infatti che sia lo stesso ex proprietario ad impugnare la separazione, facendo valere la simulazione della stessa (ex art. 1414 e seg.ti c.c.).
Capita talvolta la singolare situazione nella quale il marito spogliatosi artatamente, in danno dei creditori, delle proprietà con il procedimento di separazione, dopo aver attribuito tutti i beni immobili alla moglie, successivamente a seguito di contrasti intercorsi richieda i beni indietro. Al rifiuto della moglie egli si rivolge al Tribunale, facendo valere la simulazione della separazione.
Tuttavia la Corte di Cassazione (Cass. 20/11/2003 n. 17607) ritiene quasi sempre non impugnabile per simulazione la separazione, né tantomeno l’accordo, contenuto nel provvedimento del tribunale, che comporta il passaggio di proprietà dei beni,e facente piena fede e stato sia nei confronti dei terzi che fra le parti.

AZIONE REVOCATORIA DEI CREDITORI E IMPUGNAZIONE DELLA CESSIONE CONTENUTA NEL VERBALE DI SEPARAZIONE
Ricordiamo che l’art. 2901 c.c. prevede il diritto per il creditore di poter agire giudizialmente contro il venditore e contro l’acquirente chiedendo che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti gratuiti di disposizione del patrimonio, con il quale il debitore rechi pregiudizio alle sue ragioni.
Nel caso più complesso di atti a titolo oneroso, va dimostrato che il terzo fosse consapevole del pregiudizio che si arrecava al creditore stesso.
L’azione revocatoria inizialmente non veniva considerata attuabile nei confronti di un procedimento giudiziale di separazione dei coniugi.
Infatti la Corte di Cassazione (ex multis Cass. 23/03/2004 n. 574), considera che “…Gli accordi di separazione personale dei coniugi contenenti attribuzioni patrimoniali da parte di uno nei confronti dell’altro e concernenti beni mobili od immobili, non risultano collegati necessariamente alla presenza di uno specifico oggetto o di uno specifico riferimento ai tratti propri della donazione, ai fini di una loro assoggettabilità all’azione revocatoria di cui all’art. 2901 c.c., ma rispondono di norma ad un più specifico spirito di sistemazione dei rapporti, proprio in occasione della separazione consensuale o del divorzio congiunto”.
Né d’altra parte la semplice circostanza che un coniuge sia sposato fa presumere, in caso di atti a titolo oneroso, che l’altro coniuge sia a conoscenza della situazione debitoria, proprio in quanto la separazione fa ipotizzare che non vi sia più convivenza o contatti fra gli ex coniugi.
Quindi deve essere data specifica prova da parte del creditore, non potendosi avvalere quest’ultimo della presunzione di conoscenza per il semplice fatto del rapporto di coniugio (per es. Trib. Roma n. 10642/09).

UN CAMBIAMENTO DI ORIENTAMENTO
A seguito forse della diffusione del fenomeno è tuttavia ravvisabile un mutamento di orientamento, nel tentativo di porre fine a tali trasferimenti di proprietà meramente strumentali.
La sentenza sopra richiamata del Tribunale di Roma (n. 22875 del 23/11/2011) affrontava il caso di due ex soci in affari contrapposti da motivi di interesse, avendo sostenuto uno di essi il pagamento di numerose tasse e volendone ottenere il pagamento da parte dell’altro.
Quest’ultimo trasferiva al proprio coniuge la sua quota di proprietà di due unità immobiliari (tutte quelle che possedeva) mediante il procedimento di separazione consensuale dichiarando di essersi separato dalla moglie e compensando il presunto credito della moglie, maturato nel corso del rapporto coniugale, con la cessione degli immobili.
Il creditore tuttavia impugnava la separazione, più esattamente il trasferimento di proprietà contenuto all’interno della separazione, rilevando che il marito continuava a vivere con la moglie nella casa familiare e quindi ritenendo pregiudizievole tale atto, considerandolo asseritamente simulatorio, finalizzato a creare pregiudizio alle ragioni creditorie.
Richiedeva quindi la pronunzia di inefficacia del trasferimento di proprietà ex art.2901 c.c.

LE MOTIVAZIONI DELLA DECISIONE
Il giudice del tribunale romano riteneva sussistere tutte le condizioni di cui all’art. 2901 c.c. affinché il creditore potesse ottenere la declaratoria di inefficacia dell’atto dispositivo compiuto dal debitore in pregiudizio delle proprie ragioni.
Ciò in quanto si era dimostrata la sussistenza del credito, ed inoltre essendo evidente la consapevolezza in capo al debitore del pregiudizio arrecato alle ragioni del creditore. Nel caso specifico era peraltro irrilevante la posizione dell’acquirente, trattandosi sostanzialmente di atti dispositivi non a titolo oneroso.
Rilevava il tribunale che, poiché l’atto dispositivo riguardava l’intero patrimonio immobiliare del marito, diventava impossibile per il creditore rivalersi su altri beni.
Soprattutto andava considerato che il trasferimento di proprietà all’interno di una separazione era intervenuto di fatto senza alcun corrispettivo e successivamente al sorgere del credito.
L’elemento soggettivo secondo il tribunale era dunque rappresentato dalla mera coscienza in capo al debitore del fatto che mediante l’atto dispositivo egli avrebbe diminuito il proprio patrimonio e quindi la garanzia spettante al creditore; dall’altro lato, rilevava il Tribunale come non fosse necessario dimostrare la conoscenza da parte della moglie della situazione debitoria, in quanto di fatto il semplice trasferimento con la separazione senza il passaggio di un corrispettivo economico, costituiva un atto sostanzialmente gratuito e come tale appariva irrilevante la conoscenza o meno della moglie, dei debiti del marito.

ATTO GRATUITO O ATTO ONEROSO
Il giudice del tribunale affrontava comunque anche l’altro aspetto che aveva trovato divergenti interpretazioni nella giurisprudenza.
Rilevava infatti che anche volendo considerare il trasferimento immobiliare intervenuto contestualmente alla separazione giustificato dalla volontà di voler regolamentare definitivamente l’assetto del patrimonio immobiliare dei coniugi, egualmente la consapevolezza dell’atto in pregiudizio del creditore da parte della moglie, doveva ritenersi comprovata da presunzioni consistenti nell’assenza di corrispettivo relativamente alla cessione, nell’integrale cessione dei beni da parte del marito non giustificata da risorse economiche più favorevoli dello stesso, mentre più ragionevole sarebbe stato uno scambio delle rispettive quote di proprietà tra coniugi, divenendo ognuno proprietario esclusivo di uno dei due immobili in comunione.
Pertanto conclusivamente il magistrato dichiarava l’inefficacia nei confronti del creditore dell’atto di trasferimento, condannando tra l’altro i coniugi convenuti anche al pagamento delle spese di lite.
Maurizio Bruno
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Maurizio Bruno
Maurizio Bruno
Informazioni sull'autore
Avvocato, iscritto all’albo dal 1973. E’ autore o coautore di oltre quindici opere di diritto civile e specificatamente di diritto di famiglia, molte in edizioni aggiornate di volta in volta. Tra i più venduti: (Buffetti editore: Separazione e Divorzio, La famiglia di fatto, Successioni ereditarie, Comunione e separazione dei beni, Convivenza more uxorio, Le adozioni, etc.), (Janua editrice: I ricorsi d’urgenza nel nuovo processo civile), (Giuffre: Separazione, divorzio: questioni processuali, I provvedimenti a tutela dei minori, I contratti di uso corrente). Collabora ed ha collaborato con siti Internet di diritto e con numerose riviste, tra le quali: Gente Money, Argos, Consulenza e Consulenza casa, Diritto e Giustizia. Svolge da oltre 40 anni l’ attività di avvocato nel proprio studio in Roma.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Abbandonare il tetto coniugale non è più reato ma l’obbligo di assistenza resta
Abbandono del tetto coniugale e il diritto alla casa
Il coniuge che, magari dopo un tradimento, sbatte la porta e se ne va rischia comunque un’imputazione e per giunta potrebbe perdere il diritto alla casa coniugale e vedersi addebitare la separazione.
Separazione e divorzio: a chi presentare la domanda?
Certe volte le questioni più semplici diventano, per l’intervento impreciso del legislatore o per le interpretazioni della giurisprudenza, di estrema complessità. Così è successo per una norma banale come quella che indica quale Tribunale sia competente per le istanze di separazione e divorzio.
Lui la tradisce e lei se ne va? Non c’è addebito della separazione
Il mantenimento va attribuito solo dopo una precisa valutazione della disparità di redditi tra i coniugi.
Il matrimonio non consumato: una strada privilegiata per il divorzio
L’evoluzione della giurisprudenza, le prove necessarie, le unioni simulate, le sentenze recenti, la decisione del tribunale di Salerno e la pronuncia della Cassazione sul caso di una donna al suo terzo matrimonio.
Non paghi le spese dei figli? E io ti denuncio
Ma negli ultimi anni la giurisprudenza applica la pena prevista per chi si sottrae agli obblighi di assistenza verso la famiglia soltanto se si dimostra lo stato di bisogno di chi dovrebbe ricevere l’assegno. Quando si viene condannati, come essere assolti.
Assegno di mantenimento: la Cassazione aiuta gli eredi che non vogliono più pagare
La Suprema Corte sceglie l’interpretazione rigorosa della norma secondo la quale l’obbligo per l’eredità sussiste solo in caso di stato di bisogno dell’ex coniuge superstite.
Lui la tradisce? Paga anche i danni: la Cassazione ci ripensa
Improvviso dietro-front della giurisprudenza. Pochi giorni fa una sentenza della Suprema corte non solo ha addebitato la separazione al coniuge… fedifrago, ma lo ha anche condannato al risarcimento.
Scoprire il tradimento dopo il divorzio non cancella l’assegno
La Cassazione conferma il mantenimento anche se la nascita… improvvisa di un bambino dimostra che l’ex moglie aveva una storia già prima della separazione.
Separazione: cede tutti i beni all’ex moglie per non pagare i debiti
Una recente sentenza del tribunale di Roma tenta di fare giustizia per i creditori rimasti a bocca asciutta in caso di cessione fraudolenta delle proprietà.
Divorzio: basta l’avvocato per obbligare l'ex marito a pagare
Non serve il giudice per incassare l’assegno di mantenimento direttamente dal datore di lavoro dell’ex coniuge inadempiente. Ecco come fare.
Assegno di mantenimento: se l’ex marito non paga ci pensa il datore di lavoro
La Cassazione in numerose occasioni ha confermato che l’ordine ai terzi di pagare possa anche essere rivolto ad un ente pubblico ovvero ad un ente previdenziale. Il magistrato tuttavia prima di emettere un simile provvedimento richiede sempre la dimostrazione del ritardo del pagamento, nonostante l’intimazione.
Moglie divorziata: quand’è che ha diritto al Tfr dell’ex marito?
C’è una certa confusione sui presupposti necessari per ottenere una parte del trattamento di fine rapporto (di lavoro). Anche perché, in passato, la giurisprudenza era contrastante. Attenzione: la norma non vale per le coppie di fatto.
Addebito della separazione: quando il coniuge paga anche i danni
Rileva la Cassazione che l’assegno di divorzio non ha alcuna funzione risarcitoria, ma soltanto assistenziale, e quindi resta aperta la possibilità di agire autonomamente per il risarcimento se sussiste violazione dei diritti della persona.
Come eliminare l’assegno di mantenimento rispettando la legge
Sempre più spesso si ricorre al trucco dell’annullamento del matrimonio avanti la Sacra Rota. E la giustizia civile fa finta di non capire.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni