Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Il matrimonio non consumato: una strada privilegiata per il divorzio

31 Agosto 2012 di 

L’evoluzione della giurisprudenza, le prove necessarie, le unioni simulate, le sentenze recenti, la decisione del tribunale di Salerno e la pronuncia della Cassazione sul caso di una donna al suo terzo matrimonio.

Il matrimonio non consumato: una strada privilegiata per il divorzio
E’ possibile ottenere direttamente il divorzio senza passare per il processo di separazione dei coniugi “allorché il matrimonio non sia stato consumato”. Tuttavia non è mai ammessa la semplice dichiarazione congiunta dei coniugi, ma si richiedono prove specifiche, le quali, salvo casi particolari di difetti fisici o di illibatezza della donna, sono di ben difficile effettuazione. Tuttavia alcune sentenze stanno, da qualche anno, mostrando una maggiore disponibilità dei Tribunali.

Il punto f) dell’art.3 della legge divorzile n.898/70 (singolarmente, a causa forse delle polemiche sorte al momento della promulgazione della legge, il Parlamento non ha mai inserito la normativa relativa all’interno del codice civile nella parte dedicata al matrimonio all’annullamento ed alla separazione), ammette che il Tribunale possa pronunciare il divorzio, allorché il matrimonio non sia stato consumato, senza la preventiva pronuncia della separazione.
Si tratta di una norma promulgata in parallelismo con l’analoga norma canonica, ma in stridente contrasto con la visione civilistica del matrimonio.
Infatti, mentre per la concezione cattolica, che vede nell’unione tra coniugi realizzarsi il fine della procreazione, è rilevante l’inesistenza di rapporti sessuali, per il diritto civile, ben può sussistere un matrimonio basato, sull’accordo dei coniugi, anche soltanto sul rapporto personale in assenza di rapporti fisici.
Sottaciamo su tutte le questioni di diritto, sorte all’epoca dell’introduzione della norma, circa il contenuto del concetto di consumazione. Quali tipi di rapporti fisici appaiono “consumare” il matrimonio e quali no, se il rapporto vaginale sia da equipararsi ad altri tipi di rapporto, se necessiti orgasmo o l’eiaculazione, se vadano conteggiati i rapporti prima del matrimonio e così via.

I PRIMI TENTATIVI
Poiché la possibilità in ottenere in tempi brevi il divorzio, senza passare prima per il processo di separazione, poi per l’attesa triennale (in origine quinquennale), per di più risparmiando i costi di un doppio processo, appariva di estremo interesse, numerose furono subito le domande di divorzio, anche presentate congiuntamente, corredate della semplice dichiarazione di entrambi gli interessati “di non aver consumato”.
Per evitare di trasformare il procedimento in una farsa, tuttavia la giurisprudenza si arroccò subito in una posizone di diniego, pretendendo specifiche prove, di fatto impossibili da fornirsi.
Nella mia vita professionale quarantennale, una sola volta mi è capitato di articolare il ricorso per divorzio in un caso di illibatezza della donna, situazione peraltro contestata dal marito il quale (spaventato dalla richiesta di assegno mensile) sosteneva comunque esservi stati rapporti fisici, sia pure diversi.
D’altra parte tutte le decisioni emanate fino al 2004-2005 respingevano sempre le domande, anche se presentate congiuntamente, non ammettendo seplicemente i mezzi istruttori richiesti, ritenendo inammissibili delle prove da espletarsi con soggetti che riferiscono per relato (cioè riportando le dichiarazioni dei coniugi), ma che nulla possono riferire per aver constatato personalmente.
Poiché in genere i testimoni non frequentano i talami coniugali, la norma diveniva di fatto inutilizzabile.

IL RIPENSAMENTO DEI GIUDICI
Alcuni Tribunali italiani tuttavia in determinate situazioni, cominciarono a rivedere le proprie posizioni.
In alcune fattispecie infatti, pur in assenza di prove dirette, sussistevano indizi univoci e concordanti tali da far ipotizzare la fondatezza delle deduzioni del o dei ricorrenti.
Ciò avveniva per esempio, allorché i coniugi, entrati in contrasto subito dopo il matrimonio, non erano andati a convivere sotto lo stesso tetto.
Questo stato di fatto, pur non essendo decisivo (i rapporti sessuali possono intrattenersi dovunque), tuttavia costituiva una circostanza tale da legittimare anche l’ammissione di prove testimoniali de relato le quali, se confermavano i fatti dedotti, convincevano il Collegio circa la fondatezza della domanda.

L’INTERVENTO DELLA CASSAZIONE
Anche la Corte Suprema rimetteva mano alla questione con la sentenza n.2815 dell’8.2.2006 in una fattispecie piuttosto singolare.
La questione riguardava una coppia nella quale la donna era al terzo matrimonio.
Il marito si rivolgeva al Tribunale sostenendo che lo stesso giorno della cerimonia nuziale, egli si era recato in viaggio di nozza in Costa Azzurra con la moglie, ma questa, la sera, nella camera dell’hotel, si era rifiutata di intrattenere rapporti fisici, sostenendo che lo considerava soltanto come un padre e di non sentirsi pronta ad un rapporto sessuale.
La stessa sera il marito aveva comunicato la situazione e tutto il suo disappunto telefonando in Italia a due conoscenti, delle quali una era un avvocato.
Trasferitisi i coniugi in altro hotel,   prendevano due camere separate.
Il giorno successivo interrompevano il viaggio ed il rapporto. Il marito si recava per lavoro in Lussemburgo ed al ritorno in Italia presentava il ricorso divorzile.
In tale processo, sussistendo prove documentali degli eventi (la locazione di due camere separate, la mancata convivenza), venivano ammesse le prove, pur se non relative a circostanze verificate direttamente. Sentite le due donne che avevano ricevuto le confidenze a caldo dal marito deluso, confermavano i fatti ed addirittura uno dei precedenti mariti della donna, citato singolarmente dalla stessa, narrava al Tribunale che analoga situazione si era verificata durante il suo matrimonio.
Sia il Tribunale che la Corte di appello pronunciavano il divorzio.
La Cassazione a cui si era rivolta la moglie, lamentando l’inammissibilità di prove con testi che riferivano fatti de relato, confermava le sentenze, precisando che, allorchè non sia possibile effettuare accertamenti medico legali sullo stato di verginità della donna o di difetti fisici dei coniugi, e semprechè vi siano rilevanti indizi, come quelli relativi alla mancata convivenza comune, divengono ammissibili e rilevanti anche le testimonianze de relato, o semplici elementi indiziari, come la tempestiva lettera dell’avvocato del marito che contestava gli eventi, non riscontrata, o la condotta processuale delle parti.

I MATRIMONI SIMULATI
Per completare l’argomento, va detto che lo stesso principio alcuni Tribunali lo hanno ritenuto valido per i matrimoni cosiddetti di comodo, allorché l’unione sia solo finalizzata a far ottenere la cittadinanza ad una donna.
In tal senso il Tribunale di Salerno con sent. n. 1909 del 2007 ha statuito che, nell'ipotesi in cui la mancata consumazione del matrimonio civile sia stata dai nubendi preordinata - come avviene qualora il matrimonio sia simulato - per sciogliere il vincolo la legge accorda due distinti rimedi.
Il primo consiste nel dedurre l'invalidità del matrimonio nel termine di decadenza di cui all'art. 123 c.c..
Il secondo nel proporre domanda di divorzio per inconsumazione ex art. 3, n. 2, lett. f), della legge n. 898/1970, rimedio che ben può essere fatto valere anche quando sia già maturato il termine di decadenza previsto per l'azione di simulazione e tra i coniugi non si sia mai instaurata una comunione spirituale e materiale.
Maurizio Bruno
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Maurizio Bruno
Maurizio Bruno
Informazioni sull'autore
Avvocato, iscritto all’albo dal 1973. E’ autore o coautore di oltre quindici opere di diritto civile e specificatamente di diritto di famiglia, molte in edizioni aggiornate di volta in volta. Tra i più venduti: (Buffetti editore: Separazione e Divorzio, La famiglia di fatto, Successioni ereditarie, Comunione e separazione dei beni, Convivenza more uxorio, Le adozioni, etc.), (Janua editrice: I ricorsi d’urgenza nel nuovo processo civile), (Giuffre: Separazione, divorzio: questioni processuali, I provvedimenti a tutela dei minori, I contratti di uso corrente). Collabora ed ha collaborato con siti Internet di diritto e con numerose riviste, tra le quali: Gente Money, Argos, Consulenza e Consulenza casa, Diritto e Giustizia. Svolge da oltre 40 anni l’ attività di avvocato nel proprio studio in Roma.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Abbandonare il tetto coniugale non è più reato ma l’obbligo di assistenza resta
Abbandono del tetto coniugale e il diritto alla casa
Il coniuge che, magari dopo un tradimento, sbatte la porta e se ne va rischia comunque un’imputazione e per giunta potrebbe perdere il diritto alla casa coniugale e vedersi addebitare la separazione.
Separazione e divorzio: a chi presentare la domanda?
Certe volte le questioni più semplici diventano, per l’intervento impreciso del legislatore o per le interpretazioni della giurisprudenza, di estrema complessità. Così è successo per una norma banale come quella che indica quale Tribunale sia competente per le istanze di separazione e divorzio.
Lui la tradisce e lei se ne va? Non c’è addebito della separazione
Il mantenimento va attribuito solo dopo una precisa valutazione della disparità di redditi tra i coniugi.
Il matrimonio non consumato: una strada privilegiata per il divorzio
L’evoluzione della giurisprudenza, le prove necessarie, le unioni simulate, le sentenze recenti, la decisione del tribunale di Salerno e la pronuncia della Cassazione sul caso di una donna al suo terzo matrimonio.
Non paghi le spese dei figli? E io ti denuncio
Ma negli ultimi anni la giurisprudenza applica la pena prevista per chi si sottrae agli obblighi di assistenza verso la famiglia soltanto se si dimostra lo stato di bisogno di chi dovrebbe ricevere l’assegno. Quando si viene condannati, come essere assolti.
Assegno di mantenimento: la Cassazione aiuta gli eredi che non vogliono più pagare
La Suprema Corte sceglie l’interpretazione rigorosa della norma secondo la quale l’obbligo per l’eredità sussiste solo in caso di stato di bisogno dell’ex coniuge superstite.
Lui la tradisce? Paga anche i danni: la Cassazione ci ripensa
Improvviso dietro-front della giurisprudenza. Pochi giorni fa una sentenza della Suprema corte non solo ha addebitato la separazione al coniuge… fedifrago, ma lo ha anche condannato al risarcimento.
Scoprire il tradimento dopo il divorzio non cancella l’assegno
La Cassazione conferma il mantenimento anche se la nascita… improvvisa di un bambino dimostra che l’ex moglie aveva una storia già prima della separazione.
Separazione: cede tutti i beni all’ex moglie per non pagare i debiti
Una recente sentenza del tribunale di Roma tenta di fare giustizia per i creditori rimasti a bocca asciutta in caso di cessione fraudolenta delle proprietà.
Divorzio: basta l’avvocato per obbligare l'ex marito a pagare
Non serve il giudice per incassare l’assegno di mantenimento direttamente dal datore di lavoro dell’ex coniuge inadempiente. Ecco come fare.
Assegno di mantenimento: se l’ex marito non paga ci pensa il datore di lavoro
La Cassazione in numerose occasioni ha confermato che l’ordine ai terzi di pagare possa anche essere rivolto ad un ente pubblico ovvero ad un ente previdenziale. Il magistrato tuttavia prima di emettere un simile provvedimento richiede sempre la dimostrazione del ritardo del pagamento, nonostante l’intimazione.
Moglie divorziata: quand’è che ha diritto al Tfr dell’ex marito?
C’è una certa confusione sui presupposti necessari per ottenere una parte del trattamento di fine rapporto (di lavoro). Anche perché, in passato, la giurisprudenza era contrastante. Attenzione: la norma non vale per le coppie di fatto.
Addebito della separazione: quando il coniuge paga anche i danni
Rileva la Cassazione che l’assegno di divorzio non ha alcuna funzione risarcitoria, ma soltanto assistenziale, e quindi resta aperta la possibilità di agire autonomamente per il risarcimento se sussiste violazione dei diritti della persona.
Come eliminare l’assegno di mantenimento rispettando la legge
Sempre più spesso si ricorre al trucco dell’annullamento del matrimonio avanti la Sacra Rota. E la giustizia civile fa finta di non capire.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni