Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Scoprire il tradimento dopo il divorzio non cancella l’assegno

01 Giugno 2012 di 

La Cassazione conferma il mantenimento anche se la nascita… improvvisa di un bambino dimostra che l’ex moglie aveva una storia già prima della separazione.

Scoprire il tradimento dopo il divorzio non cancella l’assegno
A seguito del processo di separazione dei coniugi, il Tribunale attribuiva alla moglie un congruo assegno di mantenimento. Successivamente, dalla intempestiva nascita di un bambino, il marito si accorgeva che la moglie lo aveva tradito già durante il rapporto coniugale. Essendo passata la sentenza in giudicato, attivava il procedimento di revocazione per ottenere l’annullamento del mantenimento, stante l’evidenza della colpevolezza della moglie.

Tuttavia la Cassazione con sentenza n. 5648 depositata il 10/04/2012 gli dava torto, non ritenendo sussistere alcun obbligo per la moglie di riferire, in corso di causa, l’esistenza della gravidanza.

La questione prende dunque le mosse da una separazione nella quale il Tribunale aveva attribuito un assegno di mantenimento in favore della moglie, in assenza di autonomia economica.
Solo in seguito il marito apprendeva della relazione della moglie con altro compagno, relazione sicuramente già in corso all’epoca della comparizione dei coniugi avanti al Presidente del Tribunale, “certificata” dalla nascita dopo poco tempo di un bimbo non suo.
Tuttavia poiché uno dei presupposti del diritto all’assegno di mantenimento è proprio la mancanza di responsabilità nel fallimento dell’unione e quindi, sussistendo a dire del ricorrente tutti i presupposti per ottenere l’addebito della separazione a carico della moglie, addebito che avrebbe portato all’annullamento dell’assegno, il coniuge tradito chiedeva giustizia alla Corte di appello con l’azione di revocazione.
Rilevava infatti come era stato proprio il dolo della moglie nel nascondere tale situazione a convincere il giudice di primo grado nell’attribuire l’assegno.
Poiché i termini per l’appello erano scaduti, il marito attivava dunque la procedura di revocazione di cui agli articoli 395 e seguenti c.p.c. chiedendo la modifica della sentenza e l’annullamento del mantenimento.

LA REVOCAZIONE DELLA SENTENZA
Ricordiamo che il processo di revocazione può essere attivato in alcuni tassativi casi previsti dalla legge.
Di norma le sentenze pronunciate in grado di appello o in un unico grado, possono essere impugnate per revocazione
1) se sono l’effetto del dolo di una delle parti in danno dell’altro
2) se si è giudicato in base a prove riconosciute o dichiarate false
3) se dopo la sentenza sono stati trovati uno o più documenti decisivi
4) se la sentenza è l’effetto di un errore di fatto, ovvero se è contraria ad altra precedente avente fra le parti autorità di cosa giudicata
5) se è l’effetto del dolo del giudice.
Inoltre, ed è questo il caso che ci interessa, è impugnabile per revocazione, la sentenza per la quale è scaduto il termine per l’appello, ma (soltanto per alcune fattispecie) se la decisione è “l’effetto del dolo di una delle parti in danno dell’altra”.
La questione di cosa si intenda per dolo è stata più volte oggetto dell’esame della giurisprudenza della Cassazione, e proprio su questo punto la Corte di Appello adita dal marito, respingeva il ricorso ritenendolo inammissibile e comunque infondato per difetto dei presupposti per l’azione revocatoria. Avverso tale decisione ricorreva il marito tradito alla Corte Suprema.

LA DECISIONE DELLA CORTE SUPREMA
La Corte di Cassazione, tuttavia, confermava la sentenza della Corte di Appello.
Si ribadiva sostanzialmente che il dolo processuale di una delle parti in danno dell’altra può costituire motivo di revocazione della sentenza ai sensi dell’art. 395 n. 1 c.p.c., solo in quanto consista in un’attività deliberatamente fraudolenta, concretantesi in artifizi o veri e propri raggiri, tali comunque da paralizzare o sviare la difesa avversaria, impedendo al giudice l’accertamento della verità.
In sostanza è necessario un comportamento che faccia apparire una situazione diversa da quella reale, ma senza alcun onere per le parti di dedurre argomenti a proprio sfavore.
Non sono tuttavia idonei, secondo la Corte Suprema, a realizzare tale fattispecie la semplice allegazione di fatti non veritieri favorevoli alla propria tesi, o nel caso in esame, il silenzio su fatti decisivi della controversia, ovvero la mancata produzione di documenti.
Tali comportamenti sono senz’altro censurabili sotto il diverso profilo della lealtà e correttezza processuale, ma non pregiudicano il diritto di difesa della controparte, la quale rimane pienamente libera di avvalersi dei mezzi offerti dall’ordinamento al fine di pervenire all’accertamento della verità.
La Corte di Appello, con la motivazione confermata dalla Cassazione, evidenziava come nessun comportamento qualificabile come idoneo presupposto per configurare il dolo processuale era stato posto in essere dalla moglie, e tale affermazione non era smentita da alcun elemento positivo da parte del ricorrente.
Tra l’altro, rilevava la Cassazione, durante l’istruzione era ben chiaro che sussistesse la ricostituzione di una nuova famiglia da parte della moglie, e tuttavia tale circostanza non è stata lamentata tempestivamente nel processo di primo grado, né di contro sussisteva l’obbligo della moglie di procedere ad una tempestiva comunicazione al giudice della separazione dell’esistenza della propria relazione sentimentale estranea al matrimonio o ancor di più dello stato di gravidanza derivante da tale relazione.
Tutte circostanze che, secondo la Cassazione, la moglie poteva ben decidere di non riferire al giudice, non essendo costretta a dichiarare situazioni e fatti in contrasto con i propri interessi sostanziali e processuali.
Maurizio Bruno
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Maurizio Bruno
Maurizio Bruno
Informazioni sull'autore
Avvocato, iscritto all’albo dal 1973. E’ autore o coautore di oltre quindici opere di diritto civile e specificatamente di diritto di famiglia, molte in edizioni aggiornate di volta in volta. Tra i più venduti: (Buffetti editore: Separazione e Divorzio, La famiglia di fatto, Successioni ereditarie, Comunione e separazione dei beni, Convivenza more uxorio, Le adozioni, etc.), (Janua editrice: I ricorsi d’urgenza nel nuovo processo civile), (Giuffre: Separazione, divorzio: questioni processuali, I provvedimenti a tutela dei minori, I contratti di uso corrente). Collabora ed ha collaborato con siti Internet di diritto e con numerose riviste, tra le quali: Gente Money, Argos, Consulenza e Consulenza casa, Diritto e Giustizia. Svolge da oltre 40 anni l’ attività di avvocato nel proprio studio in Roma.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Video correlati

Articoli dell'approfondimento

Abbandonare il tetto coniugale non è più reato ma l’obbligo di assistenza resta
Abbandono del tetto coniugale e il diritto alla casa
Il coniuge che, magari dopo un tradimento, sbatte la porta e se ne va rischia comunque un’imputazione e per giunta potrebbe perdere il diritto alla casa coniugale e vedersi addebitare la separazione.
Separazione e divorzio: a chi presentare la domanda?
Certe volte le questioni più semplici diventano, per l’intervento impreciso del legislatore o per le interpretazioni della giurisprudenza, di estrema complessità. Così è successo per una norma banale come quella che indica quale Tribunale sia competente per le istanze di separazione e divorzio.
Lui la tradisce e lei se ne va? Non c’è addebito della separazione
Il mantenimento va attribuito solo dopo una precisa valutazione della disparità di redditi tra i coniugi.
Il matrimonio non consumato: una strada privilegiata per il divorzio
L’evoluzione della giurisprudenza, le prove necessarie, le unioni simulate, le sentenze recenti, la decisione del tribunale di Salerno e la pronuncia della Cassazione sul caso di una donna al suo terzo matrimonio.
Non paghi le spese dei figli? E io ti denuncio
Ma negli ultimi anni la giurisprudenza applica la pena prevista per chi si sottrae agli obblighi di assistenza verso la famiglia soltanto se si dimostra lo stato di bisogno di chi dovrebbe ricevere l’assegno. Quando si viene condannati, come essere assolti.
Assegno di mantenimento: la Cassazione aiuta gli eredi che non vogliono più pagare
La Suprema Corte sceglie l’interpretazione rigorosa della norma secondo la quale l’obbligo per l’eredità sussiste solo in caso di stato di bisogno dell’ex coniuge superstite.
Lui la tradisce? Paga anche i danni: la Cassazione ci ripensa
Improvviso dietro-front della giurisprudenza. Pochi giorni fa una sentenza della Suprema corte non solo ha addebitato la separazione al coniuge… fedifrago, ma lo ha anche condannato al risarcimento.
Scoprire il tradimento dopo il divorzio non cancella l’assegno
La Cassazione conferma il mantenimento anche se la nascita… improvvisa di un bambino dimostra che l’ex moglie aveva una storia già prima della separazione.
Separazione: cede tutti i beni all’ex moglie per non pagare i debiti
Una recente sentenza del tribunale di Roma tenta di fare giustizia per i creditori rimasti a bocca asciutta in caso di cessione fraudolenta delle proprietà.
Divorzio: basta l’avvocato per obbligare l'ex marito a pagare
Non serve il giudice per incassare l’assegno di mantenimento direttamente dal datore di lavoro dell’ex coniuge inadempiente. Ecco come fare.
Assegno di mantenimento: se l’ex marito non paga ci pensa il datore di lavoro
La Cassazione in numerose occasioni ha confermato che l’ordine ai terzi di pagare possa anche essere rivolto ad un ente pubblico ovvero ad un ente previdenziale. Il magistrato tuttavia prima di emettere un simile provvedimento richiede sempre la dimostrazione del ritardo del pagamento, nonostante l’intimazione.
Moglie divorziata: quand’è che ha diritto al Tfr dell’ex marito?
C’è una certa confusione sui presupposti necessari per ottenere una parte del trattamento di fine rapporto (di lavoro). Anche perché, in passato, la giurisprudenza era contrastante. Attenzione: la norma non vale per le coppie di fatto.
Addebito della separazione: quando il coniuge paga anche i danni
Rileva la Cassazione che l’assegno di divorzio non ha alcuna funzione risarcitoria, ma soltanto assistenziale, e quindi resta aperta la possibilità di agire autonomamente per il risarcimento se sussiste violazione dei diritti della persona.
Come eliminare l’assegno di mantenimento rispettando la legge
Sempre più spesso si ricorre al trucco dell’annullamento del matrimonio avanti la Sacra Rota. E la giustizia civile fa finta di non capire.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni