Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Assegno di mantenimento: se l’ex marito non paga ci pensa il datore di lavoro

11 Maggio 2012 di 

La Cassazione in numerose occasioni ha confermato che l’ordine ai terzi di pagare possa anche essere rivolto ad un ente pubblico ovvero ad un ente previdenziale. Il magistrato tuttavia prima di emettere un simile provvedimento richiede sempre la dimostrazione del ritardo del pagamento, nonostante l’intimazione.

Assegno di mantenimento: se l’ex marito non paga ci pensa il datore di lavoro
Accanto alla tutela offerta dai normali mezzi di esecuzione forzata previsti dall’ordinamento, l’art. 156 del codice civile in tema di separazione prevede espressamente una serie di mezzi di tutela a favore del coniuge avente diritto all’assegno di mantenimento.

A) Nella possibilità di costringere l’obbligato a prestare idonea garanzia reale o personale;
B) Nella possibilità di sequestro sui beni dell’obbligato ovvero di ordinare ai terzi debitori di quest’ultimo di versare le somme dovute direttamente al coniuge creditore;
C) Nell’attribuzione alla sentenza di primo grado di titolo valevole per l’iscrizione di ipoteca sui beni del coniuge obbligato.

L’ORDINE AI TERZI DI PAGARE L’ASSEGNO DIRETTAMENTE
La forma di tutela più utilizzata nella pratica è la possibilità di richiedere al giudice l’ordine diretto al terzo, in genere il datore di lavoro, di provvedere direttamente al pagamento dell’assegno dovuto a moglie e figli.

In sostanza, dunque, la situazione che l’articolo 156 c.c. prende in esame, è quella dell’inadempienza già accertata che legittima la richiesta di ordine ai terzi di pagare al posto del coniuge obbligato, le somme statuite dal Tribunale a titolo di mantenimento.
Tale possibilità è stata estesa anche alle separazioni consensuali dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 144 del 31/05/1983, e la stessa Consulta con sentenza n. 278/94 ha statuito che l’ordine ai terzi può essere imposto oltre che dal Collegio anche dal Giudice Istruttore, e quindi sostanzialmente in corso di causa.

DATORE DI LAVORO – PUBBLICO E PRIVATO – ENTE PREVIDENZIALE
La possibilità di ottenere il pagamento direttamente dal datore di lavoro è un beneficio di particolare importanza per la donna, in quanto evita le continue diatribe e contestazioni mensili sull’entità delle somme, evita i continui ritardi e costituisce una sicurezza nella percezione costante di quanto dovuto per il mantenimento dei figli e nel caso del coniuge.
La Cassazione in numerose occasioni ha confermato che l’ordine ai terzi di pagare può anche essere rivolto ad un ente pubblico ovvero ad un ente previdenziale.
La richiesta può essere avanzata anche in grado di appello.
Quindi è legittimo che in caso di inadempimento, il coniuge avente diritto possa rivolgersi al giudice anche al fine di ottenere una parte della pensione mensile spettante all’altro coniuge.
Un vantaggio ulteriore è dato dal fatto che il datore di lavoro e ancor di più l’ente pubblico o l’ente previdenziale, in genere effettua i conteggi Istat automaticamente e quindi di fatto l’interessata è sollevata dalle contestazioni in tema di inesatto adempimento e dagli altri problemi circa il calcolo esatto dell’assegno.

LA DIMOSTRAZIONE DELL’INADEMPIMENTO
Uno dei temi più dibattuti nella giurisprudenza anche nella Cassazione è l’interpretazione di ciò che si intenda per l’inadempimento.

Infatti l’ordine impartito al terzo senza ombra di dubbio costituisce un grosso onere per il coniuge obbligato, sia sotto il profilo psicologico in quanto rende pubblico il comportamento posto in essere in ambito familiare, sia perché preclude comunque ogni eventuale contestazione, in quanto il datore di lavoro è tenuto all’adempimento, non potendo sollevare contestazioni nè operare compensazioni o decurtazioni di sorta.
Il magistrato tuttavia prima di emettere un simile provvedimento richiede sempre la dimostrazione del ritardo del pagamento, nonostante l’intimazione.
E’ buona norma quindi, al fine di poter richiedere l’ordine di pagamento nei confronti del terzo, prima notificare il titolo esecutivo al debitore con l’atto di precetto: ciò in modo da poter dimostrare in modo inoppugnabile al magistrato la situazione creatasi in danno del coniuge avente diritto.
Dunque il giudice in presenza della dimostrazione dell’inadempimento, ordinerà al datore di lavoro di corrispondere, parte della retribuzione conseguente alla somma dovuta mensilmente all’avente diritto.
La Cassazione ha chiarito in numerose occasioni che non è necessario dimostrare un adempimento rilevante, essendo sufficiente anche una modesta serie di ritardi o una certa irregolarità nei pagamento, (in tal senso vedasi Cass. n. 23668 del 2006 che precisa come sia sufficiente“..la mancanza di puntualità e l’irregolarità nella esecuzione dei pagamenti, talchè anche reiterati ritardi o inadempimenti parziali possono essere posti a base della richiesta ex art. 156 sesto comma c.c. di ordinare il versamento dell’assegno da parte del giudice al datore di lavoro”.

I TERZI TENUTI AL PAGAMENTO
Infine ricordiamo che ormai la giurisprudenza è costante nel ritenere “terzo” qualunque soggetto che sia tenuto al pagamento di somme periodiche nei confronti del soggetto obbligato.
In tal senso, a parte il caso classico del datore di lavoro, si possono annoverare altresì il conduttore dell’immobile di proprietà del marito, i soggetti tenuti al pagamento di una somma rateale, quali adempimento di un debito e ovviamente come si è visto, gli enti previdenziali e pensionistici.
Infine ricordiamo che alcune decisioni di merito, anche recenti (per esempio Trib. Caltanissetta 7/02/2011) hanno ritenuto che l’ordine del giudice di pagare direttamente possa essere impartito non solo ai terzi, quali il datore di lavoro, l’ente pensionistico e simili, ma anche al debitore di una somma predeterminata, non essendo necessario, a parere del giudice siciliano, che si debba trattare di prestazioni periodiche e non anche di prestazioni economiche da eseguirsi in un’unica soluzione.
Maurizio Bruno
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Maurizio Bruno
Maurizio Bruno
Informazioni sull'autore
Avvocato, iscritto all’albo dal 1973. E’ autore o coautore di oltre quindici opere di diritto civile e specificatamente di diritto di famiglia, molte in edizioni aggiornate di volta in volta. Tra i più venduti: (Buffetti editore: Separazione e Divorzio, La famiglia di fatto, Successioni ereditarie, Comunione e separazione dei beni, Convivenza more uxorio, Le adozioni, etc.), (Janua editrice: I ricorsi d’urgenza nel nuovo processo civile), (Giuffre: Separazione, divorzio: questioni processuali, I provvedimenti a tutela dei minori, I contratti di uso corrente). Collabora ed ha collaborato con siti Internet di diritto e con numerose riviste, tra le quali: Gente Money, Argos, Consulenza e Consulenza casa, Diritto e Giustizia. Svolge da oltre 40 anni l’ attività di avvocato nel proprio studio in Roma.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Abbandonare il tetto coniugale non è più reato ma l’obbligo di assistenza resta
Abbandono del tetto coniugale e il diritto alla casa
Il coniuge che, magari dopo un tradimento, sbatte la porta e se ne va rischia comunque un’imputazione e per giunta potrebbe perdere il diritto alla casa coniugale e vedersi addebitare la separazione.
Separazione e divorzio: a chi presentare la domanda?
Certe volte le questioni più semplici diventano, per l’intervento impreciso del legislatore o per le interpretazioni della giurisprudenza, di estrema complessità. Così è successo per una norma banale come quella che indica quale Tribunale sia competente per le istanze di separazione e divorzio.
Lui la tradisce e lei se ne va? Non c’è addebito della separazione
Il mantenimento va attribuito solo dopo una precisa valutazione della disparità di redditi tra i coniugi.
Il matrimonio non consumato: una strada privilegiata per il divorzio
L’evoluzione della giurisprudenza, le prove necessarie, le unioni simulate, le sentenze recenti, la decisione del tribunale di Salerno e la pronuncia della Cassazione sul caso di una donna al suo terzo matrimonio.
Non paghi le spese dei figli? E io ti denuncio
Ma negli ultimi anni la giurisprudenza applica la pena prevista per chi si sottrae agli obblighi di assistenza verso la famiglia soltanto se si dimostra lo stato di bisogno di chi dovrebbe ricevere l’assegno. Quando si viene condannati, come essere assolti.
Assegno di mantenimento: la Cassazione aiuta gli eredi che non vogliono più pagare
La Suprema Corte sceglie l’interpretazione rigorosa della norma secondo la quale l’obbligo per l’eredità sussiste solo in caso di stato di bisogno dell’ex coniuge superstite.
Lui la tradisce? Paga anche i danni: la Cassazione ci ripensa
Improvviso dietro-front della giurisprudenza. Pochi giorni fa una sentenza della Suprema corte non solo ha addebitato la separazione al coniuge… fedifrago, ma lo ha anche condannato al risarcimento.
Scoprire il tradimento dopo il divorzio non cancella l’assegno
La Cassazione conferma il mantenimento anche se la nascita… improvvisa di un bambino dimostra che l’ex moglie aveva una storia già prima della separazione.
Separazione: cede tutti i beni all’ex moglie per non pagare i debiti
Una recente sentenza del tribunale di Roma tenta di fare giustizia per i creditori rimasti a bocca asciutta in caso di cessione fraudolenta delle proprietà.
Divorzio: basta l’avvocato per obbligare l'ex marito a pagare
Non serve il giudice per incassare l’assegno di mantenimento direttamente dal datore di lavoro dell’ex coniuge inadempiente. Ecco come fare.
Assegno di mantenimento: se l’ex marito non paga ci pensa il datore di lavoro
La Cassazione in numerose occasioni ha confermato che l’ordine ai terzi di pagare possa anche essere rivolto ad un ente pubblico ovvero ad un ente previdenziale. Il magistrato tuttavia prima di emettere un simile provvedimento richiede sempre la dimostrazione del ritardo del pagamento, nonostante l’intimazione.
Moglie divorziata: quand’è che ha diritto al Tfr dell’ex marito?
C’è una certa confusione sui presupposti necessari per ottenere una parte del trattamento di fine rapporto (di lavoro). Anche perché, in passato, la giurisprudenza era contrastante. Attenzione: la norma non vale per le coppie di fatto.
Addebito della separazione: quando il coniuge paga anche i danni
Rileva la Cassazione che l’assegno di divorzio non ha alcuna funzione risarcitoria, ma soltanto assistenziale, e quindi resta aperta la possibilità di agire autonomamente per il risarcimento se sussiste violazione dei diritti della persona.
Come eliminare l’assegno di mantenimento rispettando la legge
Sempre più spesso si ricorre al trucco dell’annullamento del matrimonio avanti la Sacra Rota. E la giustizia civile fa finta di non capire.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni