Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Assegno di mantenimento: la Cassazione aiuta gli eredi che non vogliono più pagare

06 Luglio 2012 di 

La Suprema Corte sceglie l’interpretazione rigorosa della norma secondo la quale l’obbligo per l’eredità sussiste solo in caso di stato di bisogno dell’ex coniuge superstite.

Assegno di mantenimento: la Cassazione aiuta gli eredi che non vogliono più pagare
L’ex coniuge con il divorzio perde, ovviamente, ogni diritto ereditario. Tuttavia (come si è già detto: vedi articolo correlato a questo) la riforma della normativa divorzile (legge n. 898/70 e successive modifiche), per sopperire alla situazione per cui, con la morte del soggetto obbligato, in genere il marito, la donna perde la possibilità di continuare a percepire l’assegno periodico essenziale per la propria sopravvivenza, ha inserito una disposizione (l’art. 9 bis) secondo la quale “A colui al quale è stato riconosciuto il diritto alla corresponsione periodica di somme di denaro, qualora versi in stato di bisogno, il Tribunale dopo il decesso dell’obbligato, può attribuire un assegno periodico a carico dell’eredità…”.

Secondo la disciplina vigente tuttavia, affinché dopo la morte del marito, obbligato al mantenimento, la moglie possa richiedere agli eredi il versamento dell’assegno periodico o di una somma in un’unica soluzione, sono necessari tre presupposti:
A) Che il richiedente sia titolare di un assegno divorzile (non percepito però come assegno “una tantum”).
B) Che non abbia contratto nuovo matrimonio;
C) Che si trovi in stato di bisogno.

Per la determinazione materiale dell’assegno periodico a carico dell’eredità, una volta accertato il diritto, il Tribunale dovrà valutare: l’entità dell’assegno divorzile, l’entità del bisogno, la percezione eventuale di pensione di reversibilità, e deve considerare ancora l’entità dei beni caduti in successione, il numero, la qualità e le condizioni economiche degli altri eredi.

L’INTERPRETAZIONE DELLA CASSAZIONE CON LA SENTENZA 1253 DEL 27 GENNAIO 2012.

Il punto più contestato in diritto è quello dello “stato di bisogno”, laddove la locuzione usata fa pensare ad un carattere alimentare dell’assegno e non piuttosto ad un bisogno inteso in senso lato.
Dal momento che è statisticamente rilevante il numero di donne che, titolari del mantenimento, sopravvivono agli uomini, la questione sta diventando importante e la Cassazione è intervenuta con la recentissima sentenza sopra indicata, chiarendo alcuni aspetti che riguarderanno un numero consistente di interessate.
Per inciso la Cassazione era già intervenuta sul punto del 2004 con la sentenza n. 3647 in un processo nel quale era stata sollevata eccezione di costituzionalità nell’art. 583 c.c. nella parte in cui non prevedeva che in assenza di soggetti successibili, l’eredità si potesse riconoscere al coniuge divorziato.
La Corte Suprema tuttavia escludeva tale possibilità, in quanto la stessa Costituzione aveva rimesso la determinazione delle categorie dei chiamati alla successione legittima alla valutazione discrezionale del legislatore, il quale aveva escluso che il coniuge divorziato potesse partecipare all’eredità proprio in quanto il divorzio comporta ipso iure la cessazione di ogni rapporto.
Rilevava la Corte come, comunque, la legge divorzile avesse lasciato delle espresse garanzie per la donna superstite sia con l’articolo 9 bis, nell’ipotesi in cui l’ex coniuge superstite si dovesse trovare in stato di bisogno, sia prevedendo il diritto di partecipare alla pensione di reversibilità, nel caso concorrendo con il secondo coniuge, sempreché il primo risultasse titolare di un assegno divorzile.

UNA SITUAZIONE FREQUENTE

La questione posta al giudizio della Corte Suprema riguardava il caso di una donna la quale si era vista respingere dalla Corte di Appello di Firenze la propria domanda di ottenere un assegno periodico a carico dell’eredità stante l’opposizione degli eredi, avendo ritenuto la stessa Corte di Appello che l’anziana donna non si trovasse affatto nella “situazione di bisogno” indicata dalla legge.
Il ricorso alla Corte Suprema sostanzialmente verteva proprio sull’interpretazione da darsi a tale locuzione, laddove la ricorrente faceva presente di aver subito la separazione e poi il divorzio non per sua colpa, ma per l’abbandono da parte di un facoltoso marito, ricordava inoltre di essere proprietaria soltanto di un piccolo appartamento di quattro vani, di percepire la pensione di invalidità di 420 euro, di aver risparmi da parte per circa 10mila euro e di aver sempre sopravvissuto solo grazie all’assegno di mantenimento dell’ex coniuge di 944 euro.
Una volta venuto a mancare quest’ultimo, la ricorrente non era più in grado non solo di mantenere il proprio tenore di vita, ma neanche di provvedere adeguatamente a sé stessa.
Gli altri eredi rilevavano ex adverso che, per migliorare il proprio reddito avrebbe facilmente potuto affittare una camera del proprio appartamento, e che comunque allorché il marito era in vita, la donna aveva percepito importi ingenti per il mantenimento per una somma, nel tempo, che superava ampiamente i 100mila euro.
Del resto precisavano gli eredi, la norma era chiarissima nello stabilire il diritto all’assegno a carico dell’eredità solo in ipotesi nelle quali fosse rilevabile una situazione di bisogno, e cioè ove si ravvisasse la necessità di un minimum per sopravvivere, ipotesi che evidentemente non sussisteva nella fattispecie.

L’INTERPRETAZIONE RESTRITTIVA DELLA CORTE SUPREMA

La Cassazione ha dato ragione agli eredi, contestando e non condividendo la tesi della ricorrente secondo la quale lo stato di bisogno possa configurarsi anche in situazioni che non escludono in assoluto in capo all’ex coniuge superstite la sussistenza di risorse o disponibilità di mezzi astrattamente sufficienti ad un parziale soddisfacimento delle necessità primarie della vita.
Infatti sempre a detta della Corte, l’interpretazione da dare all’art. 9 bis della legge divorzile, è quello che di una effettiva mancanza di risorse economiche occorrenti per soddisfare le esigenze essenziali o primarie della vita.
Alla luce di tale orientamento ne deriva il mancato riconoscimento di tale assegno anche in favore del coniuge che già goda di un pur minimo trattamento pensionistico o al quale venga attribuita una parte dell’assegno di reversibilità.
Il carattere alimentare dell’assegno previsto dalla legge è secondo la Corte Suprema, difficilmente contestabile per il chiaro riferimento allo stato di bisogno e anche perché tale assegno non può che avere natura assistenziale e va distinto da quello divorzile che ne costituisce il presupposto giuridico, ma che è fondato su tutti altri principi solidaristici e non sulla necessità di garantire gli alimenti.

UNA INTERPRETAZIONE RESTRITTIVA FORSE NON CONFORME AD UN SENSO DI GIUSTIZIA SOSTANZIALE

Al di là della legge e considerando la vicenda nei suoi termini reali, da un lato troviamo una donna in età avanzata la quale godeva di un reddito adeguato grazie non tanto all’assegno di invalidità di circa 400 euro ma soprattutto grazie all’assegno del marito di circa 1.000 euro attribuitole mediante la pronuncia divorzile.
Con la morte del marito ne deriverà la perdita dell’assegno con il solo diritto della anziana donna al modesto trattamento pensionistico, mentre dall’altra parte sussiste un rilevante patrimonio ereditario, al quale tuttavia la donna non può più attingere non essendo erede.
Di fatto la Cassazione ha dunque riconfermato che la ricorrente dovrà vivere con l’assegno dell’Inps attribuendo agli altri eredi l’intero asse ereditario
Sembra che la Cassazione si sia più preoccupata di evitare un proliferare di cause in caso di un diverso orientamento, laddove si sarebbe aperta la porta ad innumerevoli azioni, intasando i tribunali con un numero rilevante di domande giudiziali, (tra l’altro non essendo facile definire in termini esatti l’esistenza o meno dello stato di bisogno ove si fosse distaccato il criterio del mero carattere alimentare) piuttosto che applicare la giustizia in senso meno formale ma più attinente alla realtà.
Maurizio Bruno
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Maurizio Bruno
Maurizio Bruno
Informazioni sull'autore
Avvocato, iscritto all’albo dal 1973. E’ autore o coautore di oltre quindici opere di diritto civile e specificatamente di diritto di famiglia, molte in edizioni aggiornate di volta in volta. Tra i più venduti: (Buffetti editore: Separazione e Divorzio, La famiglia di fatto, Successioni ereditarie, Comunione e separazione dei beni, Convivenza more uxorio, Le adozioni, etc.), (Janua editrice: I ricorsi d’urgenza nel nuovo processo civile), (Giuffre: Separazione, divorzio: questioni processuali, I provvedimenti a tutela dei minori, I contratti di uso corrente). Collabora ed ha collaborato con siti Internet di diritto e con numerose riviste, tra le quali: Gente Money, Argos, Consulenza e Consulenza casa, Diritto e Giustizia. Svolge da oltre 40 anni l’ attività di avvocato nel proprio studio in Roma.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Abbandonare il tetto coniugale non è più reato ma l’obbligo di assistenza resta
Abbandono del tetto coniugale e il diritto alla casa
Il coniuge che, magari dopo un tradimento, sbatte la porta e se ne va rischia comunque un’imputazione e per giunta potrebbe perdere il diritto alla casa coniugale e vedersi addebitare la separazione.
Separazione e divorzio: a chi presentare la domanda?
Certe volte le questioni più semplici diventano, per l’intervento impreciso del legislatore o per le interpretazioni della giurisprudenza, di estrema complessità. Così è successo per una norma banale come quella che indica quale Tribunale sia competente per le istanze di separazione e divorzio.
Lui la tradisce e lei se ne va? Non c’è addebito della separazione
Il mantenimento va attribuito solo dopo una precisa valutazione della disparità di redditi tra i coniugi.
Il matrimonio non consumato: una strada privilegiata per il divorzio
L’evoluzione della giurisprudenza, le prove necessarie, le unioni simulate, le sentenze recenti, la decisione del tribunale di Salerno e la pronuncia della Cassazione sul caso di una donna al suo terzo matrimonio.
Non paghi le spese dei figli? E io ti denuncio
Ma negli ultimi anni la giurisprudenza applica la pena prevista per chi si sottrae agli obblighi di assistenza verso la famiglia soltanto se si dimostra lo stato di bisogno di chi dovrebbe ricevere l’assegno. Quando si viene condannati, come essere assolti.
Assegno di mantenimento: la Cassazione aiuta gli eredi che non vogliono più pagare
La Suprema Corte sceglie l’interpretazione rigorosa della norma secondo la quale l’obbligo per l’eredità sussiste solo in caso di stato di bisogno dell’ex coniuge superstite.
Lui la tradisce? Paga anche i danni: la Cassazione ci ripensa
Improvviso dietro-front della giurisprudenza. Pochi giorni fa una sentenza della Suprema corte non solo ha addebitato la separazione al coniuge… fedifrago, ma lo ha anche condannato al risarcimento.
Scoprire il tradimento dopo il divorzio non cancella l’assegno
La Cassazione conferma il mantenimento anche se la nascita… improvvisa di un bambino dimostra che l’ex moglie aveva una storia già prima della separazione.
Separazione: cede tutti i beni all’ex moglie per non pagare i debiti
Una recente sentenza del tribunale di Roma tenta di fare giustizia per i creditori rimasti a bocca asciutta in caso di cessione fraudolenta delle proprietà.
Divorzio: basta l’avvocato per obbligare l'ex marito a pagare
Non serve il giudice per incassare l’assegno di mantenimento direttamente dal datore di lavoro dell’ex coniuge inadempiente. Ecco come fare.
Assegno di mantenimento: se l’ex marito non paga ci pensa il datore di lavoro
La Cassazione in numerose occasioni ha confermato che l’ordine ai terzi di pagare possa anche essere rivolto ad un ente pubblico ovvero ad un ente previdenziale. Il magistrato tuttavia prima di emettere un simile provvedimento richiede sempre la dimostrazione del ritardo del pagamento, nonostante l’intimazione.
Moglie divorziata: quand’è che ha diritto al Tfr dell’ex marito?
C’è una certa confusione sui presupposti necessari per ottenere una parte del trattamento di fine rapporto (di lavoro). Anche perché, in passato, la giurisprudenza era contrastante. Attenzione: la norma non vale per le coppie di fatto.
Addebito della separazione: quando il coniuge paga anche i danni
Rileva la Cassazione che l’assegno di divorzio non ha alcuna funzione risarcitoria, ma soltanto assistenziale, e quindi resta aperta la possibilità di agire autonomamente per il risarcimento se sussiste violazione dei diritti della persona.
Come eliminare l’assegno di mantenimento rispettando la legge
Sempre più spesso si ricorre al trucco dell’annullamento del matrimonio avanti la Sacra Rota. E la giustizia civile fa finta di non capire.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni