Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Come eliminare l’assegno di mantenimento rispettando la legge

16 Dicembre 2011 di 

Sempre più spesso si ricorre al trucco dell’annullamento del matrimonio avanti la Sacra Rota. E la giustizia civile fa finta di non capire.

Come eliminare l’assegno di mantenimento rispettando la legge
Un noto professionista, dopo circa dieci anni di matrimonio, decide di troncare la relazione con il proprio coniuge, iniziando altro rapporto sentimentale.
Poiché la moglie, peraltro non più in età giovanile non svolgeva alcuna attività lavorativa, i coniugi giungevano ad una separazione consensuale con previsione di un assegno di circa € 1.400,00 di cui € 700 per il coniuge ed € 700,00 per il figlio.

Dopo numerosi anni, la moglie si vedeva recapitare la richiesta di annullamento canonico del matrimonio avanti la Sacra Rota.
Non dava tuttavia particolarmente peso alla cosa, ritenendo trattarsi, del resto così come confermato dal marito, di un suo desiderio a carattere morale.

Passato qualche tempo, tuttavia la moglie, parlando con un’amica, veniva messa in guardia da una simile situazione in quanto, a dire di questa, l’annullamento del matrimonio canonico poteva essere strumentalizzato per ottenere il riconoscimento della sentenza della Sacra Rota anche in sede civile e quindi provocando la perdita di ogni diritto al mantenimento.

A questo punto veniva consultato un avvocato, il quale confermava che effettivamente, da qualche tempo, venivano utilizzate strumentalmente, da mariti facoltosi, le sentenze di annullamento canonico pronunciate dal Tribunale Ecclesiastico e rese esecutive dalla Signatura Apostolica con il sistema della delibazione, vale a dire con la procedura con la quale lo Stato Italiano riconosce nel proprio territorio l’efficacia di una sentenza di uno Stato straniero (e quindi anche del Vaticano), rendendo la sentenza valida ad ogni effetto di legge.

Le conseguenze di tutto questo, evidenzia l’avvocato alla cliente, sono gravissime: ove la sentenza canonica venisse ratificata nel diritto italiano, il matrimonio si dovrà considerare nullo.
A seguito dell’annullamento vengono meno tutti i diritti derivanti dal matrimonio, in particolare quello al mantenimento, e cosa ancor più grave, poiché la sentenza viene trasmessa all’anagrafe, anche il diritto a percepire la pensione di reversibilità.

Nella migliore delle ipotesi, aggiunge il legale interpellato, l’art. 129 del codice civile prevede in favore del coniuge in buona fede, il diritto a percepire il mantenimento per un periodo non superiore a tre anni.
Spiega infine che i mariti con maggiore disponibilità economica in grado di sostenere l’onere dei vari processi, optano per i Tribunali regionali canonici, notoriamente più disponibili sul… territorio, e non difficilmente ottengono la dichiarazione di nullità del vincolo religioso.

In genere è sufficiente dimostrare più o meno artatamente la mancanza di consapevolezza di contrarre gli impegni che derivano dal matrimonio religioso per ottenere la pronunzia di nullità. (in genere il “grave difetto di discrezione di giudizio” oppure una riserva mentale finalizzata ad escludere i “bona matrimonii”).

Successivamente alla pronunzia canonica si richiede alla Corte di Appello italiana competente, di delibare la
sentenza il che, altrettanto facilmente, può essere ottenuto in quanto il giudice non entra nel merito delle decisioni del tribunale ecclesiastico, ma si limita ad un controllo formale (e cioè che la sentenza non contrasti con l’ordine pubblico, non sia contraria ad altre sentenze pronunciate in Italia, né penda giudizio analogo).

A questo punto l’avvocato suggerisce alla cliente di proporre tempestivamente il procedimento divorzile, per ottenere la pronuncia di divorzio e la conferma dei provvedimenti economici.
Come era previsto dal legale, il marito non appena ottenuta l’esecutività della sentenza ecclesiastica, si rivolgeva alla Corte di Appello civile, per ottenere la conferma della pronunzia della nullità del matrimonio.
Si opponeva la moglie facendo presente che pendeva la procedura divorzile.

Tuttavia la Corte di Appello rilevando la non contrarietà alle norme del diritto italiano, dichiarava legittima la pronunzia di nullità del matrimonio anche in sede civile, e dichiarava l’efficacia nella Repubblica Italiana della sentenza di nullità del matrimonio concordatario.

Ricorreva alla Corte Suprema di Cassazione la moglie, rilevando di non essersi costituita nel processo canonico, per non aver ben compreso lo stratagemma posto in essere dal marito, mirante sostanzialmente all’annullamento dell’assegno di mantenimento, ed eccependo come la mancata comprensione del sacramento del matrimonio da parte del marito e dei relativi obblighi in sede canonica, fosse solo un raggiro posto in essere da questi, laddove non era possibile che egli da un lato fosse incapace di comprendere gli obblighi matrimoniali, e dall’altro fosse stato capace di laurearsi, abilitarsi e svolgere proficuamente la propria professione, in modo adeguatamente remunerato.

Eccepiva altresì l’incostituzionalità della norma, laddove impediva al giudice civile di entrare nel merito della decisione e premiava simili stratagemmi posti in essere, miranti alla pronunzia della nullità civile del matrimonio ed alla revoca sostanziale del mantenimento per la moglie.

Su un piano sostanziale inoltre rilevava di essere in età avanzata, priva di sostentamento, incolpevole del fallimento del matrimonio, e ciò nonostante costretta a sostenere i rilevanti oneri dei processi per resistere al macroscopico evidente artifizio posto in essere dal coniuge per liberarsi dell’obbligo del mantenimento.
La Corte di Cassazione rigettava le eccezioni della moglie e confermava la declaratoria di nullità del matrimonio non cogliendo la sostanza della questione e cioè l’artificio utilizzato dal professionista in danno del coniuge incolpevole, ma limitandosi a rilevare che la sentenza ecclesiastica non si poneva in contrasto con i principi fondamentali dell’ordinamento italiano.

La situazione attuale è che una donna ultrasessantenne, senza reddito e neanche in buona salute, ora si trova in attesa che le venga revocato il proprio diritto al mantenimento ed è stata privata, data la trascrizione dell’annullamento del matrimonio all’anagrafe, anche dell’eventuale diritto alla pensione di reversibilità.
Resta la soddisfazione dei magistrati di aver applicato il diritto in modo ineccepibile !
Maurizio Bruno
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Maurizio Bruno
Maurizio Bruno
Informazioni sull'autore
Avvocato, iscritto all’albo dal 1973. E’ autore o coautore di oltre quindici opere di diritto civile e specificatamente di diritto di famiglia, molte in edizioni aggiornate di volta in volta. Tra i più venduti: (Buffetti editore: Separazione e Divorzio, La famiglia di fatto, Successioni ereditarie, Comunione e separazione dei beni, Convivenza more uxorio, Le adozioni, etc.), (Janua editrice: I ricorsi d’urgenza nel nuovo processo civile), (Giuffre: Separazione, divorzio: questioni processuali, I provvedimenti a tutela dei minori, I contratti di uso corrente). Collabora ed ha collaborato con siti Internet di diritto e con numerose riviste, tra le quali: Gente Money, Argos, Consulenza e Consulenza casa, Diritto e Giustizia. Svolge da oltre 40 anni l’ attività di avvocato nel proprio studio in Roma.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Abbandonare il tetto coniugale non è più reato ma l’obbligo di assistenza resta
Abbandono del tetto coniugale e il diritto alla casa
Il coniuge che, magari dopo un tradimento, sbatte la porta e se ne va rischia comunque un’imputazione e per giunta potrebbe perdere il diritto alla casa coniugale e vedersi addebitare la separazione.
Separazione e divorzio: a chi presentare la domanda?
Certe volte le questioni più semplici diventano, per l’intervento impreciso del legislatore o per le interpretazioni della giurisprudenza, di estrema complessità. Così è successo per una norma banale come quella che indica quale Tribunale sia competente per le istanze di separazione e divorzio.
Lui la tradisce e lei se ne va? Non c’è addebito della separazione
Il mantenimento va attribuito solo dopo una precisa valutazione della disparità di redditi tra i coniugi.
Il matrimonio non consumato: una strada privilegiata per il divorzio
L’evoluzione della giurisprudenza, le prove necessarie, le unioni simulate, le sentenze recenti, la decisione del tribunale di Salerno e la pronuncia della Cassazione sul caso di una donna al suo terzo matrimonio.
Non paghi le spese dei figli? E io ti denuncio
Ma negli ultimi anni la giurisprudenza applica la pena prevista per chi si sottrae agli obblighi di assistenza verso la famiglia soltanto se si dimostra lo stato di bisogno di chi dovrebbe ricevere l’assegno. Quando si viene condannati, come essere assolti.
Assegno di mantenimento: la Cassazione aiuta gli eredi che non vogliono più pagare
La Suprema Corte sceglie l’interpretazione rigorosa della norma secondo la quale l’obbligo per l’eredità sussiste solo in caso di stato di bisogno dell’ex coniuge superstite.
Lui la tradisce? Paga anche i danni: la Cassazione ci ripensa
Improvviso dietro-front della giurisprudenza. Pochi giorni fa una sentenza della Suprema corte non solo ha addebitato la separazione al coniuge… fedifrago, ma lo ha anche condannato al risarcimento.
Scoprire il tradimento dopo il divorzio non cancella l’assegno
La Cassazione conferma il mantenimento anche se la nascita… improvvisa di un bambino dimostra che l’ex moglie aveva una storia già prima della separazione.
Separazione: cede tutti i beni all’ex moglie per non pagare i debiti
Una recente sentenza del tribunale di Roma tenta di fare giustizia per i creditori rimasti a bocca asciutta in caso di cessione fraudolenta delle proprietà.
Divorzio: basta l’avvocato per obbligare l'ex marito a pagare
Non serve il giudice per incassare l’assegno di mantenimento direttamente dal datore di lavoro dell’ex coniuge inadempiente. Ecco come fare.
Assegno di mantenimento: se l’ex marito non paga ci pensa il datore di lavoro
La Cassazione in numerose occasioni ha confermato che l’ordine ai terzi di pagare possa anche essere rivolto ad un ente pubblico ovvero ad un ente previdenziale. Il magistrato tuttavia prima di emettere un simile provvedimento richiede sempre la dimostrazione del ritardo del pagamento, nonostante l’intimazione.
Moglie divorziata: quand’è che ha diritto al Tfr dell’ex marito?
C’è una certa confusione sui presupposti necessari per ottenere una parte del trattamento di fine rapporto (di lavoro). Anche perché, in passato, la giurisprudenza era contrastante. Attenzione: la norma non vale per le coppie di fatto.
Addebito della separazione: quando il coniuge paga anche i danni
Rileva la Cassazione che l’assegno di divorzio non ha alcuna funzione risarcitoria, ma soltanto assistenziale, e quindi resta aperta la possibilità di agire autonomamente per il risarcimento se sussiste violazione dei diritti della persona.
Come eliminare l’assegno di mantenimento rispettando la legge
Sempre più spesso si ricorre al trucco dell’annullamento del matrimonio avanti la Sacra Rota. E la giustizia civile fa finta di non capire.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni