Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Stampa (on line) e diffamazione: incongruenze e responsabilità risarcitorie

03 Agosto 2012 di 

Non sarebbe inopportuno un intervento legislativo per impedire che il “peso” e il rischio dell’attività giornalistica ricada, quasi per intero, sui soggetti più deboli, con conseguente pericolo di selezione in negativo del ceto professionale.

Stampa (on line) e diffamazione: incongruenze e responsabilità risarcitorie
La Corte di cassazione è tornata (essendosene presentata la necessità) a occuparsi di informazione diffusa tramite la “rete”. Infatti, con la sentenza 23230 (Sezione terza penale, ud. 10.5.2012, dep. 13.6.2012, ric. Ruta), il giudice di legittimità ha ribadito che, non potendosi considerare “stampa” in senso tecnico l’informazione che corre sul web, non sono applicabili (perché costruirebbe analogia in malam partem, istituto vietato al giudice penale) le norme (artt. 5 e 16 legge 47/48) che vietano e puniscono la pubblicazione di giornali o periodici senza aver –prima- provveduto alla registrazione della testata presso la cancelleria del competente tribunale (per gli stampati non periodici è prevista la indicazione dell’editore e dello stampatore).

E in effetti sul sito www.accadeinsicilia.net veniva diffuso il giornale “Accade in Sicilia” (appunto), non registrato (e quindi, apparentemente, non autorizzato) nei modi di legge.
La sentenza ricorda che, per quel che riguarda la editoria elettronica, la legge 7.3.2001 n. 62 (artt. 2 e 5) ha previsto la registrazione dei giornali on line solo per ragioni amministrative ed esclusivamente ai fini della possibilità di usufruire di provvidenze economiche.
In realtà, la normativa citata non brilla per chiarezza, tanto che essa ha avuto necessità di una (specie di) interpretazione autentica ad opera del decreto legislativo 9.4.2003 n. 70.
Ma tant’è: oramai l’affermazione sopra riportata costituisce jus receptum (cfr. Sezione terza penale, sent. n. 10535, ud. 11.12.2008, dep. 10.3.2009, ric. Donvito e, incidenter, Sezione quinta penale, sent. n. 35511, ud. 16.7.2010, dep. 1.10.2010, ric. Brambilla e sent. n. 44126, ud. 28.10.2011, dep. 29.11.2011, ric. Hamaui e altro).

La sentenza Ruta si rifà alla definizione normativa di stampa e stampato, come contenuta nell’art. 1 della legge del 1948 (“…tutte le riproduzioni tipografiche o comunque ottenute con mezzi meccanici o fisico-chimici, in qualsiasi modo destinate alla pubblicazione.”) e giunge alla ovvia conclusione che la “telematica non è stampa” (così V. Zeno Zencovic nel “lontano” 1999: La pretesa estensione alla telematica del regime della stampa in AA.VV. Il diritto nel cyberspazio.), perché il giornale on line non è frutto di una attività di riproduzione ottenuta con i mezzi indicati dalla legge.
Dalla non equiparabilità tra i due tipi di media è stata fatta discendere la inapplicabilità, per quel che riguarda i giornali telematici, dell’art 57 cod. pen., relativo, come è noto, alla responsabilità colposa per omesso controllo da parte del direttore del giornale diffuso tramite web (cfr. le sopra ricordate sentenze Brambilla e Hamaui della Sezione quinta penale).

Quanto tutto ciò sia equo e quanto sia conciliabile con il principio costituzionale di eguaglianza è questione che (probabilmente) dovrà pur essere affrontata; ma ciò dovrà avvenire per iniziativa del legislatore. Il fatto è che non può sollevarsi questione di costituzionalità in malam partem (ancora una volta), vale a dire per equiparare –in applicazione dell’art. 3 Cost.- una condotta non punibile a una ritenuta punibile dall’ordinamento (e non viceversa).
E già che ci siamo, il legislatore potrebbe anche affrontare il problema della ripartizione delle “responsabilità risarcitorie” tra autore dell’articolo, direttore del giornale ed editore.
Il caso non è teorico, atteso che sul giornale on line (guarda caso) Iustitia (25.6.2012, anno XX n. 25; www.iustitia.it) si dà conto del fatto che l’autrice di un articolo - ritenuto a suo tempo diffamatorio e per il quale il giornale era stato condannato in sede civile al risarcimento del danno- è stata citata dall’editore, in sede di azione di regresso, vedendosi addebitare –secondo la pretesa dell’attore (l’editore appunto)- il 70% della responsabilità (l’editore ha ritenuto di essere responsabile al 20%, mentre al direttore ha attribuito il 10).

Ora è noto che, ai sensi dell’art. 2055 cod. civ. “se il fatto dannoso è imputabile a più persone, tutte sono obbligate in solido al risarcimento del danno”.
Al proposito, la Cassazione (Sez. terza civile, sent. 25157, ud. 14.10.2008, ric. Giornale di Sicilia, res. Savoca e altro) ha chiarito che, affinché più persone possano essere chiamate a rispondere in solido di un fatto illecito, secondo la regola di cui all'art. 2055 cod. civ., non è necessario che tutte abbiano agito col medesimo atteggiamento soggettivo (dolo o colpa), ma è sufficiente che, anche con condotte indipendenti, tutte abbiano concausato il medesimo fatto dannoso.
Conseguentemente il direttore responsabile di un quotidiano risponde sempre in solido col giornalista autore di uno scritto diffamatorio, tanto nell'ipotesi in cui abbia omesso la dovuta attività di controllo (nel qual caso risponde a titolo di colpa), quanto nell'ipotesi in cui abbia concorso nel delitto di diffamazione, ai sensi dell'art. 110 cod. pen. (nel qual caso risponderà a titolo di dolo). L’editore, per parte sua, è chiamato in causa come responsabile civile.

E però i commi successivi dell’art. 2055 aggiungono che “colui che ha risarcito il danno [scil. per intero] ha regresso contro ciascuno degli altri, nella misura determinata dalla gravità della rispettiva colpa e dall’entità delle conseguenze che ne sono derivate. Nel dubbio, le singole colpe si presumono uguali”.
Dunque: se ci poniamo sul versante del danno (e del danneggiato), non appare dirimente stabilire chi lo abbia causato con dolo, anche eventuale (art. 595 cod. pen.), e chi per colpa (art. 57 cod. pen), essendo, viceversa, importante che sia chiarita la “misura determinata dalla gravità della rispettiva colpa” (intesa, in questo caso, genericamente, come atteggiamento psicologico contra jus).
E allora vanno apprezzate in concreto le condotte tenute nella causazione del danno. Anche perché il danno va distinto dall’evento del reato.

Il delitto di diffamazione è delitto di evento (Cass. Sez. quinta penale, sent. 25875, ud. 21.6.2006, dep. 25.7.2006, ric. Cicino e altro), che si realizza quando (almeno) una seconda persona percepisca la comunicazione lesiva dell’altrui reputazione (Cass. Sez. quinta penale, sent. 36602, ud. 15.7.2010, dep. 13.10.2010, ric. PC in proc. Selmi).
Nella diffamazione a mezzo stampa, tale evento è (in genere) reso possibile dalla condotta colposamente omissiva del direttore del giornale. E’ pertanto corretto affermare che sia il giornalista (con condotta attiva), che il direttore (con condotta omissiva) hanno causato l’evento. In fin dei conti, se solo uno dei due avesse agito secundum legem, il reato non sarebbe stato consumato. E’ anzi da notare che, quando il direttore concorre dolosamente col giornalista nel delitto di diffamazione (artt. 110-595 cod. pen.), la sua condotta non si differenzia (può non differenziarsi) da quella che lo stesso soggetto tiene quando colpevolmente omette il controllo. La differenza sta, ovviamente, nell’atteggiamento psicologico.
E però i due soggetti possono determinare il danno alla persona offesa in maniera sensibilmente diversa.
Invero: al giornalista è certamente riferibile il contenuto dell’articolo; ma il titolo, la collocazione del “pezzo” (e quindi gli accostamenti), il corredo fotografico, i caratteri di stampa e, generalmente, il risalto che viene dato alla notizia non dipendono da lui.
Il danno poi può essere aumentato o diminuito dal post factum, atteso che la legge sulla stampa prevede l’obbligo di rettifica ( art. 9 legge 47/48). E, anche in questo caso, l’autore dell’articolo è tagliato fuori.

La rettifica può intervenire in tempi brevi ed essere conforme a quanto la legge prevede (quasi mai lo è: la legge indica i termini temporali e la collocazione della comunicazione di rettifica: “in testa di pagina e…nella stessa pagina del giornale che ha riportato la notizia cui si riferiscono); oppure può intervenire a distanza di tempo o non intervenire affatto.
In tal caso, ovviamente, il danno alla reputazione permane e si accresce (un mondo a sé è quello di internet, nel quale la notizia può rimanere in rete per saecula saeculorum).
Così stando le cose, come è possibile stabilire quanta “porzione di danno” sia attribuibile a Tizio e quanta a Caio? Appare pertanto saggia la scelta del legislatore di presumere…”l’eguaglianza delle colpe”.
E tuttavia ciò non impedirà il proliferare delle azioni di regresso nei confronti dei soggetti più deboli. Specialmente se il “processo pilota” del quale ha scritto Iustitia dovesse aver successo (nella prospettiva dell’attore, si intende).
Nel qual caso, potrebbe, come si anticipava, non essere inopportuno un intervento legislativo per impedire che il “peso” e il rischio dell’attività giornalistica ricada, quasi per intero, su quelli che prima abbiamo definito i soggetti più deboli, con conseguente pericolo di selezione in negativo del ceto giornalistico (che porterebbe alla emersione dei soggetti più pavidi, conformisti e ossequienti); il che concreterebbe una insidia - indiretta ma effettiva- alla libertà di informazione e al diritto di essere informati.
Maurizio Fumo
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Maurizio Fumo
Maurizio Fumo
Informazioni sull'autore

Consigliere della Corte di cassazione e componente delle Sezioni Unite. Ha sempre operato nel settore penale, tanto giudicante, quanto requirente: è stato pretore a Torino, componente del collegio giudicante, giudice istruttore, quindi sostituto procuratore nella DDA a Napoli.  Ha prestato servizio, dal 1999 al 2002, presso l'Ufficio del Massimario della Corte di cassazione; ha diretto due uffici ministeriali in quello che oggi si chiama Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (all'epoca: Istituti di prevenzione e pena). E' stato collaboratore di alcune riviste giuridiche (Diritto e Giustizia, Diritto e Formazione, Archivio penale). E' autore di due monografie: sulla legislazione premiale, con particolare riferimento al fenomeno del "pentitismo". e sulla diffamazione (La diffamazione mediatica, Utet Giuridica, 2012). Suoi articoli sono pubblicati su Critica liberale, Cassazione penale, Indice penale, Rivista di polizia e nel testo collettaneo "Le voci della laicità".

Ha presieduto la Commissione del concorso per magistrato ordinario svoltosi tra il 2008 ed il 2010

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Carcere per i giornalisti: ipotesi eccezionale ma giusta per Sallusti
Diffamazione Sallusti carcere motivazioni sentenza Cassazione
La Cassazione nelle motivazioni della sentenza che conferma la condanna per Alessandro Sallusti ammette che il carcere è un'ipotesi eccezionale nel caso di diffamazione a mezzo stampa ma spiega perché in questo caso è legittima.
Disinformazione a mezzo stampa
Le false premesse da cui tutti partono nel commentare il “caso Sallusti” hanno fatto dimenticare l’origine della questione: un articolo che, attraverso informazioni inventate, doveva consapevolmente servire alla propaganda antimagistrati e antiaborto.
Libertà di stampa e libertà di diffamazione
Diffamazione e libertà di stampa: il caso Sallusti
Un caso pratico che dimostra come ci sia differenza tra l’incolpevole offesa alla reputazione altrui, la scrupolosa determinazione nel raccontare un fatto vero anche se offensivo per qualcuno e il disprezzo per l’etica dell’informazione.
Stampa (on line) e diffamazione: incongruenze e responsabilità risarcitorie
Non sarebbe inopportuno un intervento legislativo per impedire che il “peso” e il rischio dell’attività giornalistica ricada, quasi per intero, sui soggetti più deboli, con conseguente pericolo di selezione in negativo del ceto professionale.
Internet senza giornalisti e giurisprudenza ingessata
Se la stampa on line giuridicamente non esiste la colpa è anche di chi dovrebbe (e potrebbe) interpretare leggi di ottanta anni fa adeguandole al contesto.
Internet: vietato l'ingresso ai giornalisti
L'incompetente legislatore, i giudici pigri, l'inutile Federazione della Stampa, gli ignoranti del web. Ecco quello che viene fuori dalla sentenza della Cassazione che ha annullato la condanna per il titolare di un blog accusato di non aver registrato la testata giornalistica.
La Cassazione salva i blog?
La Suprema Corte ha annullato senza rinvio la sentenza a carico di uno storico, saggista nonché blogger condannato in primo e secondo grado a 150 euro di multa per il reato di stampa clandestina per non aver registrato il suo blog come testata giornalistica. Un uso strumentale della legge 62 del 2001, secondo molti, al quale la decisione del Palazzaccio avrebbe messo la parola fine...
Una patente per Internet?
L’articolo 21 della Costituzione prevede e disciplina il diritto di critica; ma il diritto di cronaca dov’è? Un’abilitazione all’espressione del proprio pensiero è impensabile in un ordinamento democratico-liberale. Ma proprio perché non può esservi censura, deve esservi responsabilità. Sono maturi i tempi per ripensare (e ri-normare) la materia.
La norma ammazza-blog e la confusione della rete
L’obbligo di rettifica per i siti amatoriali (per i giornali esiste dal 1948) "uccide" solo chi scrive sciocchezze o falsità. Perché nessuna legge può obbligare a rettificare la verità. E il polverone sollevato da Wikipedia e dalle carovane di ignoranti impedisce di ragionare sui punti importanti.
Diffamazione telematica: la testata giornalistica non conta
In Internet non c’è differenza tra blog e informazione. Non vale la legge sulla stampa e per chi è accusato di offesa alla reputazione il processo civile prende una strada diversa da quello penale. Le contraddizioni della giurisprudenza per colpa di una legge mai aggiornata
I blog sono stampa clandestina? Non è vero
L’oscuramento del sito “Accade in Sicilia” curato dallo storico Carlo Ruta dimostra che ciò che conta nell’informazione è la sostanza e non la forma. E se un blog di fatto è una testata giornalistica deve essere registrato. Un meritato riconoscimento professionale per Carlo Ruta
Reati informatici e diffamazione a mezzo Internet
Quando e come si configura un reato di diffamazione a mezzo internet
Un lettore racconta che su un forum è stata inserita la storia che vedeva contrapposti due conoscenti a causa di un torto che l’uno aveva fatto all’altro. La vicenda veniva riportata sotto il titolo “ti sputtano” e nonostante, successivamente, i due erano giunti ad un accordo e il torto “sanato”.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni