Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Una patente per Internet?

27 Aprile 2012 di 

L’articolo 21 della Costituzione prevede e disciplina il diritto di critica; ma il diritto di cronaca dov’è? Un’abilitazione all’espressione del proprio pensiero è impensabile in un ordinamento democratico-liberale. Ma proprio perché non può esservi censura, deve esservi responsabilità. Sono maturi i tempi per ripensare (e ri-normare) la materia.

Una patente per Internet?
Le “Carte fondamentali” propongono ideali, rivendicano principi, esprimono valori.
E più alti sono gli ideali, più esse possono apparire astratte, velleitarie, ingenuamente ottimiste.
Certo, l’interprete malevolo potrebbe -provando addirittura fastidio per quello che forse percepisce come una sorta di “libro dei sogni” (eguaglianza realizzata, lavoro assicurato, benessere e cultura diffusi ecc.)- giudicarle ipocrite, perché promettono, ma non garantiscono.

Ma, a ben vedere, la differenza tra un elenco di buone intenzioni e la individuazione/indicazione di futuri obiettivi, sta tutta nella fiducia, un po’ “illuministica”, che si ripone nella capacità nostra e dei nostri simili di pensare e realizzare strumenti tecnici, strutture sociali e forme di competizione/collaborazione diverse, innovative e (a volte) rivoluzionarie.
Una Costituzione non si scrive se non si hanno in mente “le magnifiche sorti e progressive” dell’umanità.
Così si spiega l’ecumenismo (il totalitarismo ottimistico, direi) delle “Carte”, dove espressioni inclusive come “tutti”, “ciascuno” e, per converso, “nessuno” ricorrono con impressionante frequenza.

Non fa eccezione uno dei cardini della nostra Costituzione: l’art. 21.
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.
Un’utopia, evidentemente, nel 1948.
O forse una affermazione valida limitatamente alle comunicazioni interpersonali, da uno a uno, da uno a (pochi) più: nei circoli politici, nei salotti, nei bar, nei convegni per iniziati o nei comizi aperti a persone che, in genere, già la pensano come l’oratore.
Oggi non più.
Infatti, grazie agli strumenti di comunicazione che sono stati messi a punto negli ultimi anni, quella che sembrava essere una pura affermazione di principio si è tradotta, inaspettatamente, in realtà.
La ipermediaticità e la intermediaticità hanno trasformato “tutti” (o quasi) in comunicatori e percettori di comunicazione. E ciò avviene secundum Constitutionem.

La Carta costituzionale, infatti, non consente solamente a chi professionalmente fa informazione -sostanzialmente i giornalisti- di comunicare per manifestare il proprio pensiero ma, appunto, a tutti, senza distinzione, professionisti e non professionisti e direi, addirittura, cittadini e non cittadini.
Ma allora è forse il caso di fermarsi a riflettere sul concetto preciso di comunicazione, in quanto "manifestare liberamente il proprio pensiero" significa comunicarlo ad altri, senza chiedere permessi, approvazioni o autorizzazioni; bisogna quindi accertare, innanzitutto, se l'ordinamento offre un preciso concetto di comunicazione.

La legge sulla privacy, (rectius: la stratificazione normativa che, in tema di privacy, si è avuta) fornisce il concetto -approssimativo- di comunicazione elettronica, che particolarmente ci interessa in questa sede (legge 228 del 2006, art 4, comma secondo, lettera a).
Dunque: per comunicazione elettronica s'intende "ogni informazione scambiata o trasmessa, tra un numero finito di soggetti, tramite un servizio di comunicazione elettronica, accessibile al pubblico".
Dal legislatore attuale non ci si poteva aspettare una formula più elegante e priva di tautologie; quel che rileva, però, è che la comunicazione telematica viene individuata come informazione che possa viaggiare, avvalendosi di strumenti elettronici, in entrambi i sensi, tra vari soggetti, di numero finito; il che non significa di numero limitato e nemmeno di numero conoscibile.
È evidente che la comunicazione tramite internet rientra in questa categoria.

Dunque: attività di cronaca e di critica, come attività legittimamente aperte a tutti.
E però la manifestazione del pensiero, di cui all’art. 21, non sembra fare specifico riferimento al diritto di cronaca.
Pensiero e cronaca non sono la stessa cosa.
Il pensiero, infatti, è una produzione -più o meno originale- della mente umana; è pensiero un'opinione, un’idea, forse, un’intuizione: è pensiero, certamente, la critica.
E allora si può certamente dire che l’art. 21 prevede e disciplina il diritto di critica; ma il diritto di cronaca dov’è?

Ebbene, è ovvio che il diritto di cronaca è il presupposto di quello di critica; non posso esprimere un'opinione se non conosco i fatti, non posso criticare alcunché, se non sono informato su ciò che è accaduto. Il diritto di critica, l'esercizio del diritto di critica, presuppone che io sappia di che cosa parlo e abbia di che cosa parlare; è però significativo il fatto che l'articolo 21 nulla dica sul famoso jus narrandi, che tanto piace alla dottrina.
Bisogna allora parlare, piuttosto, di jus opinandi, vale a dire, appunto, del diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero.
Dunque: non siamo liberi di comunicare il fatto in quanto tale, ma il fatto in quanto indicativo di un fenomeno socialmente significativo. Ci si imbatte, quindi, partendo direttamente dalla Costituzione, in uno dei tre requisiti che giurisprudenza e dottrina individuano come indispensabili perché possa essere esercitato correttamente, tanto il diritto di critica, quanto il diritto di cronaca, vale a dire la rilevanza sociale del fatto.
Gli altri requisiti, come è noto, sono la verità del fatto narrato (scil. la corrispondenza, nel nucleo essenziale, tra quanto accaduto e quanto riferito) e la c. d. “continenza”, vale a dire la correttezza espressiva, o meglio: il dovere di evitare, quando non strettamente necessario, di ricorrere ad espressioni inutilmente forti, truculente, volgari.
E non può esser dubbio, poi, che anche la comunicazione a mezzo internet, se assume la forma della cronaca e della critica, debba rispettare i tre sopra ricordati parametri.
Ciò non può essere visto come una limitazione, come pure qualcuno ha ritenuto, in considerazione della cosiddetta internet freedom, la libertà di internet:
Il principio generale è, ovviamente, che quello che non è consentito al di fuori della “rete” non è consentito neanche nella “rete”.

Ciò che internet ha reso possibile è il fatto che tutti possono fare informazione, tutti possono esprimere opinioni; ma, necessariamente, chiunque intenda esercitare “in rete” questo diritto di comunicazione deve osservare le norme (giuridiche e deontologiche) del giornalismo. In altre parole, il fatto che tutti possano, anche in maniera amatoriale, esercitare l'attività giornalistica attraverso “la rete” (se per attività giornalistica si intende la raccolta, il vaglio, la interpretazione, la elaborazione e la diffusione di notizie e/o opinioni attraverso i media), comporta che anche questi occasionali "cultori della materia" debbano mostrare la diligenza e la professionalità di chi fa giornalismo. E la cosa non deve meravigliare.
Il giornalismo, e più generalmente la comunicazione, è una....attività pericolosa e -dunque- deve obbedire a precise “norme precauzionali di funzionamento”.
D'altra parte, il codice della strada vige tanto per l'autista professionista (il tassista, il camionista, il guidatore di pullman), quanto per il privato che conduca un'autovettura; e la ragione è evidente: la circolazione stradale è causa di rischi e di danni e -pertanto- tutti sono tenuti a rispettare le stesse regole di prudenza.
Non a caso ormai si parla correntemente di one man newspaper, giornali, per così dire, fatti da una sola persona. Si tratta di un'espressione enfatica e suggestiva, utilizzata per significare –appunto- che chiunque, anche occasionalmente, saltuariamente e, persino, capricciosamente, può improvvisarsi giornalista e comunicare ad altri notizie e opinioni, ma, naturalmente, adottando le necessarie precauzioni.
Ovviamente, accanto al giornalismo amatoriale e, come abbiamo detto, occasionale, in internet, vi è anche un giornalismo professionale, che si esplica attraverso “la rete”: i giornali telematici (e Golem ne è un illustre esempio!) ormai sono all’ordine del giorno, sia come copia di giornali cartacei, sia come creature autonome.
Ma allora, è da chiedersi, per i “giornalisti della domenica” è auspicabile una “patente”? sono necessari corsi di preparazione e momenti di verifica?
Certamente no: e il motivo è evidente.


La guida di una vettura presuppone non solo conoscenze pratico-giuridiche (le norme sulla circolazione, la corretta lettura dei segnali stradali ecc.), ma anche il possesso di una capacità fisiopsichica, che consenta di padroneggiare un mezzo meccanico.
La patente è, in realtà, una abilitazione alla guida.
Ma una abilitazione alla espressione del proprio pensiero è, ovviamente, impensabile in un (inconcepibile per un) ordinamento democratico-liberale.

La libertà di espressione è “l’in sé” di tali ordinamenti.

Non a caso, bisogna ribadirlo, l’art. 21 è uno dei punti forti della nostra Costituzione; senza esagerare, la si potrebbe definire la Grundnorm del nostro sistema (“pietra angolare dell’ordine democratico” la qualificò, d’altra parte, nella sentenza 69/84, la Corte costituzionale).
Perché possa parlarsi di democrazia liberale, è necessario che ci sia libertà di espressione (e possibilità di conoscenza). Senza libertà di espressione, osservava Anna Arendt, la democrazia è una finta, e una finta crudele.

Il secondo comma dell’art. 21 proclama che la stampa non è soggetta a censura e non è soggetta ad autorizzazione.
Il terzo comma regolamenta, ma in maniera fortemente restrittiva, la possibilità di sequestrare stampati (solo per atto motivato dell'autorità giudiziaria e nel caso di delitti per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, ovvero, ancora, in caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili).
Ora, benché la giurisprudenza di legittimità abbia ritenuto che al giornalismo (professionale o amatoriale) esercitato tramite internet non sia applicabile la normativa sulla stampa (perché una cosa è la stampa, una cosa è la telematica), benché -dunque- gli articoli “in rete” non siano protetti dal divieto di sequestro, che vige per i “prodotti a stampa”, non di meno, ad esempio, la Corte di cassazione ha ritenuto (sez. quinta, sent. n. 7319, 7.12.2007-15.2.2008, ric. Longhini e altri) che l’eventuale provvedimento ablativo, poiché non cade su di una res corporea, in quanto tale (il supporto magnetico, informatico ecc.), ma viene a incidere sull’esercizio di un diritto di libertà, vada adeguatamente giustificato da parte della autorità giudiziaria.
Orbene, il giornalismo in internet, se non gode della copertura dei commi secondo e terzo dell’art. 21 Cost., si avvale, comunque, di quella del primo comma.

Si pone però (si è posto), nonostante l’affermazione di principio sopra fatta, il problema se –in concreto e in talune circostanze- l’esercizio di un diritto fondamentale, costituzionalmente garantito, possa essere condizionato dal rilascio di un’abilitazione (o anche di una semplice autorizzazione) da parte dell’autorità “competente”.
In tema di libertà di espressione, la questione si è posta con riferimento ai comizi, alle manifestazioni, ai cortei, nel corso dei quali -ovviamente- si esercita il “diritto di parola”. Ma in tal caso, ragioni (o pretesti) di ordine pubblico possono interferire con la problematica relativa al “puro” diritto di comunicazione.
Quando, viceversa, di semplice manifestazione di opinione si tratta, quando, vale a dire, il comunicante agisce uti singulus e non in un contesto ambientale, connotato da un concorso di persone, con connessi aspetti attinenti alla sicurezza dei manifestanti e dei terzi, appare inconcepibile, almeno a nostro avviso, che “qualcuno” debba vagliare l’idoneità e certificare la capacità di chi intenda fare informazione/comunicazione/critica; e ciò, non solo, e non tanto, perché il momento del controllo potrebbe essere “piegato” a finalità selettive e discriminatorie, ma in quanto la stessa nozione di controllo è inconciliabile con la (libera) espressione del pensiero, attività “coessenziale”, quest’ultima, al regime liberale (Corte cost. sent. 9/65).
Ma proprio perché non può esservi censura, deve esservi responsabilità.
E di responsabilità “pesante” si tratta, anche perché “in rete” le notizie, se non rimosse, possono permanere sine die (una sorta di “fine pena mai”, se esse sono pregiudizievoli per qualcuno).
Non a caso, d’altra parte, nella giurisprudenza di legittimità, ci si comincia a porre il problema di un diritto all’oblio (sez. quinta, sent. n. 45051, 17.7.2009-24.11.2009, ricorrente V. e altro).

Anche il giornalista “saltuario”, anche il cronista dell’one man newspaper, allora, in quanto bonus civis, deve conoscere modalità e limiti entro i quali esercitare il suo diritto di critica/cronaca, anche perché egli sarà particolarmente esposto alla tentazione di immettere “in rete” anche notizie di scarsa rilevanza sociale, notizie legate al suo particulare, trasformando internet in una macchina moltiplicatrice del pettegolezzo.  
In quanto cittadino, non può ignorare la legge, in quanto cittadino responsabile, deve agire con prudenza.
E sempre, come è ovvio, la diligenza, la correttezza e la responsabilità devono fare, non da contrappeso, ma da guida all’esercizio di diritti, esercizio che, nel caso in esame, consente una crescente possibilità di incidere nella sfera dei più delicati interessi altrui.

Un’ultima notazione, a tal punto, si impone, come corollario del ragionamento sin qui sviluppato e riguarda la disparità, sul piano sanzionatorio, tra il giornalista professionista e il giornalista amatoriale.
Il primo, se riporta una condanna penale in ragione della sua attività, può essere temporaneamente interdetto dalla professione, ai sensi dell’art. 30 del C.p.; il secondo, non essendo mai stato “autorizzato” o “abilitato”, non corre questo rischio.
Ma, a ben vedere, anche il giornalista professionista, se inabilitato, potrebbe “convertirsi” all’one man newspaper, aggirando il divieto.
E se è un giornalista famoso, la modalità semi-privata di immissione in circolazione delle sue opinioni non sarà certo di ostacolo alla loro diffusione.
Accade, in realtà, sempre più frequentemente, che le innovazioni tecnologiche vengano a sconvolgere assetti normativi che sembravano solidi e scontati.
Forse, anche per questo, sono maturi i tempi per ripensare (e ri-normare), ab imis fundamentis, la materia.
Maurizio Fumo
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Maurizio Fumo
Maurizio Fumo
Informazioni sull'autore

Consigliere della Corte di cassazione e componente delle Sezioni Unite. Ha sempre operato nel settore penale, tanto giudicante, quanto requirente: è stato pretore a Torino, componente del collegio giudicante, giudice istruttore, quindi sostituto procuratore nella DDA a Napoli.  Ha prestato servizio, dal 1999 al 2002, presso l'Ufficio del Massimario della Corte di cassazione; ha diretto due uffici ministeriali in quello che oggi si chiama Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (all'epoca: Istituti di prevenzione e pena). E' stato collaboratore di alcune riviste giuridiche (Diritto e Giustizia, Diritto e Formazione, Archivio penale). E' autore di due monografie: sulla legislazione premiale, con particolare riferimento al fenomeno del "pentitismo". e sulla diffamazione (La diffamazione mediatica, Utet Giuridica, 2012). Suoi articoli sono pubblicati su Critica liberale, Cassazione penale, Indice penale, Rivista di polizia e nel testo collettaneo "Le voci della laicità".

Ha presieduto la Commissione del concorso per magistrato ordinario svoltosi tra il 2008 ed il 2010

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Carcere per i giornalisti: ipotesi eccezionale ma giusta per Sallusti
Diffamazione Sallusti carcere motivazioni sentenza Cassazione
La Cassazione nelle motivazioni della sentenza che conferma la condanna per Alessandro Sallusti ammette che il carcere è un'ipotesi eccezionale nel caso di diffamazione a mezzo stampa ma spiega perché in questo caso è legittima.
Disinformazione a mezzo stampa
Le false premesse da cui tutti partono nel commentare il “caso Sallusti” hanno fatto dimenticare l’origine della questione: un articolo che, attraverso informazioni inventate, doveva consapevolmente servire alla propaganda antimagistrati e antiaborto.
Libertà di stampa e libertà di diffamazione
Diffamazione e libertà di stampa: il caso Sallusti
Un caso pratico che dimostra come ci sia differenza tra l’incolpevole offesa alla reputazione altrui, la scrupolosa determinazione nel raccontare un fatto vero anche se offensivo per qualcuno e il disprezzo per l’etica dell’informazione.
Stampa (on line) e diffamazione: incongruenze e responsabilità risarcitorie
Non sarebbe inopportuno un intervento legislativo per impedire che il “peso” e il rischio dell’attività giornalistica ricada, quasi per intero, sui soggetti più deboli, con conseguente pericolo di selezione in negativo del ceto professionale.
Internet senza giornalisti e giurisprudenza ingessata
Se la stampa on line giuridicamente non esiste la colpa è anche di chi dovrebbe (e potrebbe) interpretare leggi di ottanta anni fa adeguandole al contesto.
Internet: vietato l'ingresso ai giornalisti
L'incompetente legislatore, i giudici pigri, l'inutile Federazione della Stampa, gli ignoranti del web. Ecco quello che viene fuori dalla sentenza della Cassazione che ha annullato la condanna per il titolare di un blog accusato di non aver registrato la testata giornalistica.
La Cassazione salva i blog?
La Suprema Corte ha annullato senza rinvio la sentenza a carico di uno storico, saggista nonché blogger condannato in primo e secondo grado a 150 euro di multa per il reato di stampa clandestina per non aver registrato il suo blog come testata giornalistica. Un uso strumentale della legge 62 del 2001, secondo molti, al quale la decisione del Palazzaccio avrebbe messo la parola fine...
Una patente per Internet?
L’articolo 21 della Costituzione prevede e disciplina il diritto di critica; ma il diritto di cronaca dov’è? Un’abilitazione all’espressione del proprio pensiero è impensabile in un ordinamento democratico-liberale. Ma proprio perché non può esservi censura, deve esservi responsabilità. Sono maturi i tempi per ripensare (e ri-normare) la materia.
La norma ammazza-blog e la confusione della rete
L’obbligo di rettifica per i siti amatoriali (per i giornali esiste dal 1948) "uccide" solo chi scrive sciocchezze o falsità. Perché nessuna legge può obbligare a rettificare la verità. E il polverone sollevato da Wikipedia e dalle carovane di ignoranti impedisce di ragionare sui punti importanti.
Diffamazione telematica: la testata giornalistica non conta
In Internet non c’è differenza tra blog e informazione. Non vale la legge sulla stampa e per chi è accusato di offesa alla reputazione il processo civile prende una strada diversa da quello penale. Le contraddizioni della giurisprudenza per colpa di una legge mai aggiornata
I blog sono stampa clandestina? Non è vero
L’oscuramento del sito “Accade in Sicilia” curato dallo storico Carlo Ruta dimostra che ciò che conta nell’informazione è la sostanza e non la forma. E se un blog di fatto è una testata giornalistica deve essere registrato. Un meritato riconoscimento professionale per Carlo Ruta
Reati informatici e diffamazione a mezzo Internet
Quando e come si configura un reato di diffamazione a mezzo internet
Un lettore racconta che su un forum è stata inserita la storia che vedeva contrapposti due conoscenti a causa di un torto che l’uno aveva fatto all’altro. La vicenda veniva riportata sotto il titolo “ti sputtano” e nonostante, successivamente, i due erano giunti ad un accordo e il torto “sanato”.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni