Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Internet senza giornalisti e giurisprudenza ingessata

06 Luglio 2012 di 

Se la stampa on line giuridicamente non esiste la colpa è anche di chi dovrebbe (e potrebbe) interpretare leggi di ottanta anni fa adeguandole al contesto.

Internet senza giornalisti e giurisprudenza ingessata
La sentenza della Terza Sezione penale della Cassazione (il testo integrale è nei documenti correlati a questo articolo) decide su una vicenda per la quale i giudici di merito avevano concluso in senso opposto. In sintesi, il direttore responsabile di un giornale on-line era stato condannato per non aver adempiuto all’obbligo di registrazione della testata presso il locale Tribunale, e la Corte d’appello aveva confermato la condanna.

Su ricorso dell’imputato la Cassazione ha annullato quella condanna perché il fatto non sussiste. Il ragionamento è stato il seguente.
A) La stampa è regolata dalla legge n.47 del 1948 la quale, all’art.1, stabilisce che è considerato “stampa” ciò che esce da una tipografia per essere destinato alla pubblicazione;
B) l’art.5 della stessa legge prescrive che nessun giornale può essere destinato alla pubblicazione senza che ne sia stata registrata la testata presso il locale Tribunale;
C) se ciò non succede, il direttore responsabile di quel giornale è condannato ad una multa, perché ha commesso il delitto di omessa registrazione;
D) è vero che le leggi n.62 del 2001 e n.70 del 2003 prevedono la registrazione anche per i giornali on-line, ma si tratta di un onere, e non di un obbligo, richiesto solo a quelle testate che aspirino a beneficiare dei contributi a favore dell’editoria, amministrati dal Dipartimento “ad hoc” presso la Presidenza del Consiglio.

Sulla base di questi presupposti la Corte ha così argomentato:
A) il giornale on-line non è un “prodotto tipografico”, quindi non può essere qualificato una “stampa”
B) se non è stampa, non è soggetto all’obbligo di registrazione
C) quindi, non può esserci condanna se non è stato violato alcun obbligo.

Il peso specifico della decisione va individuato nella affermazione secondo la quale il giornale on-line non va considerato stampa, e quindi non è soggetto alle leggi sulla stampa.
E’ noto che il reato di diffamazione a mezzo stampa è punito in maniera più grave rispetto a quello di diffamazione “semplice”, e questo perché il legislatore del nostro Codice Penale, che è del 1930 (avete letto bene, è di ottanta anni fa) pensò giustamente che un reato commesso con il mezzo della stampa, la quale può raggiungere un numero elevato di persone, abbia un potenziale di pericolosità sociale superiore a quello di chi commetta lo stesso reato parlando con quattro o cinque persone.
Ma se questa è la ragione del discrimine sanzionatorio, la diffusione telematica è potenzialmente di gran lunga superiore a quella cartacea, potendo anche raggiungere milioni di persone ed in tempo reale.
Ciò, ottanta anni fa, non era neppure immaginabile, e quindi non se ne può far carico a chi scrisse quella legge.
A chi oggi è chiamato ad interpretarla, forse sì…
Italo Ormanni
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Italo Ormanni
Italo Ormanni
Informazioni sull'autore

Magistrato, già Capo dipartimento Affari di Giustizia al ministero della Giustizia, ex procuratore distrettuale antimafia del Lazio e procuratore aggiunto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma. Titolare, tra il 1965 e il 2010, di diverse inchieste sui clan della mafia e della camorra condotte in collaborazione con organi inquirenti statunitensi, francesi, spagnoli, inglesi e sudamericani. Autore, nel 1982, del primo Rapporto sulle Mafie su rischieta del Presidente del Consiglio Giovanni Spadolini; consulente della Presidenza del Consiglio, nel 1985, insieme con Giovanni Falcone, per la creazione della Direzione Nazionale Antimafia e per la riforma della legislazione antimafia e antidroga; componente tecnico, dal 1985 al 1989, della Commissione Parlamentare Antimafia.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Carcere per i giornalisti: ipotesi eccezionale ma giusta per Sallusti
Diffamazione Sallusti carcere motivazioni sentenza Cassazione
La Cassazione nelle motivazioni della sentenza che conferma la condanna per Alessandro Sallusti ammette che il carcere è un'ipotesi eccezionale nel caso di diffamazione a mezzo stampa ma spiega perché in questo caso è legittima.
Disinformazione a mezzo stampa
Le false premesse da cui tutti partono nel commentare il “caso Sallusti” hanno fatto dimenticare l’origine della questione: un articolo che, attraverso informazioni inventate, doveva consapevolmente servire alla propaganda antimagistrati e antiaborto.
Libertà di stampa e libertà di diffamazione
Diffamazione e libertà di stampa: il caso Sallusti
Un caso pratico che dimostra come ci sia differenza tra l’incolpevole offesa alla reputazione altrui, la scrupolosa determinazione nel raccontare un fatto vero anche se offensivo per qualcuno e il disprezzo per l’etica dell’informazione.
Stampa (on line) e diffamazione: incongruenze e responsabilità risarcitorie
Non sarebbe inopportuno un intervento legislativo per impedire che il “peso” e il rischio dell’attività giornalistica ricada, quasi per intero, sui soggetti più deboli, con conseguente pericolo di selezione in negativo del ceto professionale.
Internet senza giornalisti e giurisprudenza ingessata
Se la stampa on line giuridicamente non esiste la colpa è anche di chi dovrebbe (e potrebbe) interpretare leggi di ottanta anni fa adeguandole al contesto.
Internet: vietato l'ingresso ai giornalisti
L'incompetente legislatore, i giudici pigri, l'inutile Federazione della Stampa, gli ignoranti del web. Ecco quello che viene fuori dalla sentenza della Cassazione che ha annullato la condanna per il titolare di un blog accusato di non aver registrato la testata giornalistica.
La Cassazione salva i blog?
La Suprema Corte ha annullato senza rinvio la sentenza a carico di uno storico, saggista nonché blogger condannato in primo e secondo grado a 150 euro di multa per il reato di stampa clandestina per non aver registrato il suo blog come testata giornalistica. Un uso strumentale della legge 62 del 2001, secondo molti, al quale la decisione del Palazzaccio avrebbe messo la parola fine...
Una patente per Internet?
L’articolo 21 della Costituzione prevede e disciplina il diritto di critica; ma il diritto di cronaca dov’è? Un’abilitazione all’espressione del proprio pensiero è impensabile in un ordinamento democratico-liberale. Ma proprio perché non può esservi censura, deve esservi responsabilità. Sono maturi i tempi per ripensare (e ri-normare) la materia.
La norma ammazza-blog e la confusione della rete
L’obbligo di rettifica per i siti amatoriali (per i giornali esiste dal 1948) "uccide" solo chi scrive sciocchezze o falsità. Perché nessuna legge può obbligare a rettificare la verità. E il polverone sollevato da Wikipedia e dalle carovane di ignoranti impedisce di ragionare sui punti importanti.
Diffamazione telematica: la testata giornalistica non conta
In Internet non c’è differenza tra blog e informazione. Non vale la legge sulla stampa e per chi è accusato di offesa alla reputazione il processo civile prende una strada diversa da quello penale. Le contraddizioni della giurisprudenza per colpa di una legge mai aggiornata
I blog sono stampa clandestina? Non è vero
L’oscuramento del sito “Accade in Sicilia” curato dallo storico Carlo Ruta dimostra che ciò che conta nell’informazione è la sostanza e non la forma. E se un blog di fatto è una testata giornalistica deve essere registrato. Un meritato riconoscimento professionale per Carlo Ruta
Reati informatici e diffamazione a mezzo Internet
Quando e come si configura un reato di diffamazione a mezzo internet
Un lettore racconta che su un forum è stata inserita la storia che vedeva contrapposti due conoscenti a causa di un torto che l’uno aveva fatto all’altro. La vicenda veniva riportata sotto il titolo “ti sputtano” e nonostante, successivamente, i due erano giunti ad un accordo e il torto “sanato”.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni